Più investimenti nel budget 2020 di Lario Reti Holding

Investimenti e ricavi in crescita e costi di esercizio in calo. È quanto prevede il budget 2020 di Lario Reti Holding, appena approvato dal consiglio di amministrazione della società che gestisce il ciclo idrico nella provincia di Lecco.

Il budget 2020 conferma la tendenza a incrementare gli investimenti

Il nuovo documento di previsione e pianificazione prevede investimenti per 25,6 milioni di euro, equivalenti a 76 euro per abitante. La società conferma così il trend in corso dal 2016 che ha visto investimenti realizzati per 71 milioni di euro e destinati principalmente al rinnovo e ammodernamento delle infrastrutture.

Un impegno di risorse in linea con quanto previsto dal Piano d’ambito del 2018 adottato dall’Ufficio d’ambito di Lecco e dal Piano industriale della società. Quest’ultimo comprende un impegno di risorse pari a 111 milioni per il periodo 2019-2023 a fronte dei 95 previsti dal Piano d’ambito. Una differenza di 16 milioni che l’azienda finanzierà grazie a una riduzione dei costi, in particolare quelli energetici.

La società punta sulla depurazione

Tornando al documento relativo all’anno in corso, le grandi opere previste dal Piano d’ambito impattano per 12 milioni, mentre alle attività di manutenzione sono destinati 5,5 milioni. Più in dettaglio, la quota maggiore delle risorse sarà concentrata sul comparto depurazione. Lario Reti Holding sta portando avanti un piano di razionalizzazione, anche grazie allo studio che sta sviluppando con il Politecnico di Milano e che segnerà la strada dei prossimi investimenti.

Altro aspetto da sottolineare, è l’ottenimento di un finanziamento di 49 milioni di euro dalla Banca europea degli investimenti a sostegno degli interventi.

Prosegue la campagna di sostituzione contatori

Oltre al potenziamento degli impianti, l’azienda proseguirà con la campagna di sostituzione dei contatori, per estendere l’installazione dei misuratori teleletti ad altri comuni, oltre quelli pilota di Introbio e Olginate. L’azienda punta infatti a portare il loro numero in campo a circa 7.000 unità. «Nel corso del 2019 abbiamo avviato un piano di sostituzione massiva dei contatori, sostituendone 13.000, più di quanti ne sono stati sostituiti nei 3 anni precedenti – ha sottolineato Vincenzo Lombardo, direttore generale di Lario Reti Holding –. Quest’anno ne cambieremo altri 20.000, investendo più di 2 milioni di euro; inoltre prevediamo di completare i lavori sul depuratore di Premana evitando così possibili infrazioni comunitarie».

Verso una gestione unificata del servizio idrico lecchese

Il documento prevede per quest’anno ricavi per 53 milioni di euro a fronte dei costi stimati intorno a 42,3 milioni, in leggera diminuzione rispetto al forecast 2019.

Sempre quest’anno verrà completato il processo di riunificazione della gestione e della proprietà di reti e impianti del servizio idrico lecchese, iniziato nel 2018 con l’integrazione in Lario Reti Holding delle società patrimoniali Idrolario, Adda Acque e Cta. Dal primo gennaio la società ha infatti preso in carico la gestione del servizio acquedotto per il Comune di Monte Marenzo, in precedenza gestito dalla bergamasca Hidrogest. Entro la primavera completerà l’integrazione dei rami lecchesi di Valbe Servizi, Asil e del ramo idrico di Ausm.


Leggi anche

Avvocato, direttore generale di acquevenete, Manto succede alla presidenza del consorzio che raggruppa 12 gestori idrici veneti a Fabio Trolese, che si è dimesso per nuovi impegni professionali. La sua nomina è arrivata nell’ultima assemblea dei soci che ha anche approvato il bilancio di esercizio 2019 del consorzio, chiuso con ricavi pari a 750.000 euro…

Leggi tutto…

Indispensabile per superare l’infrazione comunitaria che grava sulla cittadina, l’opera, del valore di 13,1 milioni di euro, prevede la posa di 61 chilometri di condotte per dotare le frazioni di Tonnarella e Trasmazaro di una rete di raccolta delle acque nere. A eseguire i lavori, che dovrebbero concludersi entro il giugno del prossimo anno, un raggruppamento di imprese che si è aggiudicato la gara indetta dal Commissario straordinario unico per la depurazione …

Leggi tutto…

Il nuovo impianto permetterà di fare fronte al picco di produzione che si verifica nei mesi estivi, quando nel comune della Costa verde, nella parte sudoccidentale dell’isola, si concentrano i flussi turistici. Entro l’estate il via ai lavori che si concluderanno in 5 mesi …

Leggi tutto…

Inaugurato e in funzione l’impianto realizzato dal gestore idrico della provincia di Monza e Brianza presso il depuratore San Rocco di Monza. Realizzato con un investimento di 4,6 milioni di euro, è frutto della partnership con Acsm Agam e produce elettricità, interamente utilizzata per alimentare le linee dello stesso depuratore e calore, che viene immesso nella rete di teleriscaldamento cittadina …

Leggi tutto…

Il gestore idrico della Puglia ha presentato il progetto di un impianto di sollevamento da realizzare nella città di Bari. Il nuovo impianto sorgerà sul lungomare sud della città, nei pressi di quello esistente, che raccoglie i reflui di diversi quartieri cittadini per convogliarli al depuratore Bari Est, e potenziarne le performance. L’investimento previsto è di 20,4 milioni di euro…

Leggi tutto…