Più investimenti nel servizio idrico in provincia di Forlì-Cesena

Più risorse per il servizio idrico per i comuni della provincia di Forlì-Cesena. Nella sua ultima riunione, il Consiglio locale Forlì-Cesena, l’organismo dell’ATERSIR, l’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna di regolazione dei servizi pubblici locali ambientali (servizio idrico e servizio gestione rifiuti) costituito da tutti i comuni della provincia, ha approvato la proposta del Programma operativo interventi (Poi) relativo al servizio idrico per il quadriennio 2020-2023. Il programma prevede investimenti per circa 64,8 milioni: il 7% in più rispetto al quadriennio precedente, quando sono stati pari a 60,3. Risorse, con ben 29 milioni destinati alla manutenzione e alle sostituzioni per obsolescenza, che saranno così distribuite: 27,6 milioni per le reti acquedottistiche, 26,2 milioni per le reti fognarie e circa 11 milioni per gli impianti di depurazione.

Il gestore Hera anticiperà 47,3 milioni di questi investimenti, mentre 17,5 saranno finanziati da società pubbliche, tra le quali Romagna Acque e Unica Reti. In particolare, nel 2020 gli investimenti previsti sono in tutto 16,5 milioni, dei quali 12,6 di competenza del gestore, 3,9 dalle società pubbliche dei Comuni.

Il coordinatore del Consiglio Locale, l’assessore del comune di Forlì Giuseppe Petetta, ha espresso grande soddisfazione sia per l’andamento degli investimenti nel periodo 2016-2019 presentati dalla struttura tecnica di ATERSIR, sia per il piano 2020-23. «Intendo evidenziare ai sindaci la dimensione dell’ambizioso piano per il prossimo periodo e assumo l’impegno di rappresentare al gestore l’importanza di questi servizi per i territori, la necessità di realizzare gli investimenti programmati migliorandoli ulteriormente, anche in termine di tempi di realizzazione e qualità e di attivare ATERSIR appieno per un monitoraggio tempestivo ed efficace dell’avanzamento del Piano», ha commentato Petetta.


Leggi anche

Il gestore del servizio idrico della provincia di Monza Brianza ha concluso il maxi-intervento per dotare di rete di raccolta dei reflui un’area urbanizzata al confine tra i due comuni. I lavori partiti l’estate dello scorso anno, e sostenuti da un investimento di 3 milioni di euro, hanno visto la posa di 4,5 chilometri di nuove condotte, che consentiranno di convogliare i reflui al depuratore di Monza San Rocco …

Leggi tutto…

L’evento ha riunito le testimonianze delle istituzioni, tra cui Regione Lombardia, e dei più importanti player del settore per ragionare sul ruolo dei termovalorizzatori nello sviluppo delle politiche ambientali dei nostri territori. Partendo dalla Biopiattaforma di Sesto San Giovanni…

Leggi tutto…

Il gestore idrico toscano sta portando avanti una serie di interventi sulle infrastrutture idriche al servizio del comune della provincia di Prato. Opere avviate nel 2016 al cui completamento manca l’ultimo tassello: la depurazione del capoluogo e di alcune frazioni. I lavori verranno avviati nel 2021 per un valore di 4 milioni di euro e prevedono la posa di una nuova condotta fognaria e di 7 stazioni di sollevamento …

Leggi tutto…

A ECOMONDO 2019 Acquedotto Pugliese ha presentato le attività in difesa dell’acqua, dalla sorgente fino al suo riuso…

Leggi tutto…

Blue Book 2019

È quanto emerge dal Blue Book 2019, lo studio promosso da Utilitalia e realizzato da Fondazione Utilitatis con Istat, che fa il punto sul comparto. Al costante incremento degli investimenti, fanno da contraltare la vetustà di reti e impianti, il livello di perdite idriche ancora elevato e le carenze che perdurano nel campo della depurazione, con le regioni meridionali in ritardo anche nel completamento del processo di affidamento del servizio …

Leggi tutto…