Più investimenti nel servizio idrico in provincia di Forlì-Cesena

Più risorse per il servizio idrico per i comuni della provincia di Forlì-Cesena. Nella sua ultima riunione, il Consiglio locale Forlì-Cesena, l’organismo dell’ATERSIR, l’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna di regolazione dei servizi pubblici locali ambientali (servizio idrico e servizio gestione rifiuti) costituito da tutti i comuni della provincia, ha approvato la proposta del Programma operativo interventi (Poi) relativo al servizio idrico per il quadriennio 2020-2023. Il programma prevede investimenti per circa 64,8 milioni: il 7% in più rispetto al quadriennio precedente, quando sono stati pari a 60,3. Risorse, con ben 29 milioni destinati alla manutenzione e alle sostituzioni per obsolescenza, che saranno così distribuite: 27,6 milioni per le reti acquedottistiche, 26,2 milioni per le reti fognarie e circa 11 milioni per gli impianti di depurazione.

Il gestore Hera anticiperà 47,3 milioni di questi investimenti, mentre 17,5 saranno finanziati da società pubbliche, tra le quali Romagna Acque e Unica Reti. In particolare, nel 2020 gli investimenti previsti sono in tutto 16,5 milioni, dei quali 12,6 di competenza del gestore, 3,9 dalle società pubbliche dei Comuni.

Il coordinatore del Consiglio Locale, l’assessore del comune di Forlì Giuseppe Petetta, ha espresso grande soddisfazione sia per l’andamento degli investimenti nel periodo 2016-2019 presentati dalla struttura tecnica di ATERSIR, sia per il piano 2020-23. «Intendo evidenziare ai sindaci la dimensione dell’ambizioso piano per il prossimo periodo e assumo l’impegno di rappresentare al gestore l’importanza di questi servizi per i territori, la necessità di realizzare gli investimenti programmati migliorandoli ulteriormente, anche in termine di tempi di realizzazione e qualità e di attivare ATERSIR appieno per un monitoraggio tempestivo ed efficace dell’avanzamento del Piano», ha commentato Petetta.


Leggi anche

Inaugurato e in funzione l’impianto realizzato dal gestore idrico della provincia di Monza e Brianza presso il depuratore San Rocco di Monza. Realizzato con un investimento di 4,6 milioni di euro, è frutto della partnership con Acsm Agam e produce elettricità, interamente utilizzata per alimentare le linee dello stesso depuratore e calore, che viene immesso nella rete di teleriscaldamento cittadina …

Leggi tutto…

Il documento di previsione e programmazione per l’anno in corso, approvato dal Consiglio di amministrazione del gestore idrico della provincia di Lecco, prevede investimenti per 25,6 milioni, concentrati soprattutto nel settore depurazione. 5,5 milioni sono dedicati alle manutenzioni, mentre l’installazione di misuratori smart verrà estesa a nuovi comuni …

Leggi tutto…

Il gestore idrico della Puglia ha presentato il progetto di un impianto di sollevamento da realizzare nella città di Bari. Il nuovo impianto sorgerà sul lungomare sud della città, nei pressi di quello esistente, che raccoglie i reflui di diversi quartieri cittadini per convogliarli al depuratore Bari Est, e potenziarne le performance. L’investimento previsto è di 20,4 milioni di euro…

Leggi tutto…

Infrastrutture, sostenibilità e innovazione al centro del documento, presentato a Grosseto nella sede del gestore idrico dell’Ato 6 Toscana. Insieme al potenziamento di reti e impianti previsto un forte impegno nella digitalizzazione dei servizi, alla quale è destinato l’11% del budget, con l’installazione di 130.000 smart meter, nella riduzione dei fanghi di depurazione e nello sviluppo di progetti di economia circolare…

Leggi tutto…

L’azienda che gestisce il servizio idrico nella città di Messina ha presentato al ministero dell’Ambiente il piano di opere, con la richiesta di finanziamento. Questo prevede interventi per oltre 50 milioni per le reti di approvvigionamento e distribuzione dell’acqua potabile e il resto per fognature e depurazione. Tra questi ultimi la realizzazione dell’impianto Tono, da 40 milioni di euro…

Leggi tutto…