Più ricchi a Radicondoli con il teleriscaldamento geotermico

Il teleriscaldamento fa bene all’ambiente e anche alle tasche dei cittadini. Lo sanno bene gli abitanti di Radicondoli. Il borgo medievale arroccato sulle colline metallifere senesi dall’ottobre del 2019 è servito da una rete di teleriscaldamento geotermico che ha abbattuto la loro spesa per il riscaldamento.
 

Green ed economico

Un sistema totalmente green, alimentato da una centrale della potenza termica di 5 MW termici a sua volta alimentata dal pozzo geotermico Radicondoli 15 di Enel Green Power. Ma anche un sistema virtuoso sotto il profilo dei costi, in quanto gli investimenti da oltre 5 milioni di euro necessari per la realizzazione dell’opera provengono dalle royalty geotermiche incassate dal Comune.

Benefici sotto il profilo dei costi che l’impianto sta garantendo ai cittadini anche per quanto riguarda le spese per riscaldare le loro abitazioni. Prima che il sistema entrasse in funzione, ha infatti spiegato il Comune, la spesa media per una abitazione di circa 100 metri quadri era di 2000 euro l’anno, ora calata a 840 euro.
 

Più utenze, meno costi

La rete di proprietà del Comune è gestita da Geo Energy Service, società specializzata nel teleriscaldamento e partecipata dei comuni geotermici toscani:

  • Castelnuovo Val di Cecina
  • Monteverdi Marittimo
  • Pomarance
  • Monterotondo Marittimo
  • Montieri Santa Fiora

L’infrastruttura serve circa 150 utenze tra pubbliche e private del centro storico. Il risparmio sulla spesa che il sistema garantisce può aumentare man mano che crescono gli allacci e i risultati fin qui raggiunti stanno facendo aumentare la domanda.
 

Il progetto per estendere la rete

Una possibilità che il Comune vuole offrire anche ad altri cittadini. È stato infatti messo a punto il progetto per il secondo lotto dei lavori che estenderà il servizio alle aree di Ragna a Luciano Berio e Belforte. Lotto, che verrà realizzato con una spesa tra i 2 e i 3 milioni di euro, suddiviso in due sottolotti il primo dei quali potrebbe andare a gara a fine autunno.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

Tovo, Mazzo di Valtellina e Lovero hanno scelto di dotarsi di un sistema di teleriscaldamento alimentato a biomassa legnosa per il loro approvvigionamento di energia termica. Un progetto 100% green, che sfrutterà la biomassa derivante dalla gestione dei boschi, rendendo le tre località indipendenti dalle fonti fossili e promuovendo l’economia circolare. A supportarli nel progetto FIPER e il Politecnico di Milano come partner tecnico….

Leggi tutto…

È alimentata con fonti rinnovabili, ovvero con gli scarti della filiera vitivinicola di gruppo Caviro e con gli sfalci e le potature del verde pubblico forniti da Herambiente, la centrale di cogenerazione cuore del sistema di teleriscaldamento di Enomondo. L’energia termica viene distribuita attraverso una rete, dell’estensione di 1,2 chilometri, alla quale sono allacciate diverse utenze industriali, artigianali e domestiche…

Leggi tutto…

La Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa ha erogato un prestito da 80 milioni di euro a sostegno dello sviluppo dell’infrastruttura di distribuzione del calore nell’area metropolitana di Torino. Le risorse coprono il 40% degli investimenti previsti dalla multiutility per estendere la rete, rinnovarne le parti più datate, realizzare nuovi sistemi di accumulo e incrementare di 13 milioni di metri cubi le volumetrie teleriscaldate…

Leggi tutto…

Realizzato nel quartiere Mirafiori Nord, il sistema è composto da 3 serbatoi dell’altezza di 25 metri in grado di contenere complessivamente 2500 metri cubi di acqua e da una stazione di pompaggio. Realizzato con un investimento di 46 milioni di euro, l’impianto è integrato con un sistema solare termico, che fornisce parte del calore per tenere l’acqua in temperatura, e un impianto fotovoltaico per l’alimentazione elettrica del sito …

Leggi tutto…

Concluso il primo lotto che ha dotato il borgo dell’Amiata Senese dell’infrastruttura di distribuzione del calore. Un sistema green, gestito da GES, alimentato dal cascame di calore delle centrali geotermoelettriche di Enel Green Power, che si aggiunge ai tre già esistenti nel territorio comunale che servivano però aree periferiche produttive e altre attività economiche. Già partiti i lavori per il secondo lotto che porterà il servizio a tutti i cittadini …

Leggi tutto…