Più ricchi a Radicondoli con il teleriscaldamento geotermico

Il teleriscaldamento fa bene all’ambiente e anche alle tasche dei cittadini. Lo sanno bene gli abitanti di Radicondoli. Il borgo medievale arroccato sulle colline metallifere senesi dall’ottobre del 2019 è servito da una rete di teleriscaldamento geotermico che ha abbattuto la loro spesa per il riscaldamento.
 

Green ed economico

Un sistema totalmente green, alimentato da una centrale della potenza termica di 5 MW termici a sua volta alimentata dal pozzo geotermico Radicondoli 15 di Enel Green Power. Ma anche un sistema virtuoso sotto il profilo dei costi, in quanto gli investimenti da oltre 5 milioni di euro necessari per la realizzazione dell’opera provengono dalle royalty geotermiche incassate dal Comune.

Benefici sotto il profilo dei costi che l’impianto sta garantendo ai cittadini anche per quanto riguarda le spese per riscaldare le loro abitazioni. Prima che il sistema entrasse in funzione, ha infatti spiegato il Comune, la spesa media per una abitazione di circa 100 metri quadri era di 2000 euro l’anno, ora calata a 840 euro.
 

Più utenze, meno costi

La rete di proprietà del Comune è gestita da Geo Energy Service, società specializzata nel teleriscaldamento e partecipata dei comuni geotermici toscani:

  • Castelnuovo Val di Cecina
  • Monteverdi Marittimo
  • Pomarance
  • Monterotondo Marittimo
  • Montieri Santa Fiora

L’infrastruttura serve circa 150 utenze tra pubbliche e private del centro storico. Il risparmio sulla spesa che il sistema garantisce può aumentare man mano che crescono gli allacci e i risultati fin qui raggiunti stanno facendo aumentare la domanda.
 

Il progetto per estendere la rete

Una possibilità che il Comune vuole offrire anche ad altri cittadini. È stato infatti messo a punto il progetto per il secondo lotto dei lavori che estenderà il servizio alle aree di Ragna a Luciano Berio e Belforte. Lotto, che verrà realizzato con una spesa tra i 2 e i 3 milioni di euro, suddiviso in due sottolotti il primo dei quali potrebbe andare a gara a fine autunno.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

I lavori, avviati a gennaio, riguardano la zona sud della città estense e permetteranno di raggiungere aree prima non servite, garantendo a nuovi cittadini di beneficiare di un servizio green, in quanto il sistema è in gran parte alimentato con energia geotermica. Il progetto di estensione ha riguardato la posa di oltre 1,5 chilometri di doppie condotte preisolate, con un investimento di 3,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

La società ha presentato il progetto esecutivo per estendere di ulteriori 6 chilometri la rete di distribuzione del calore. L’infrastruttura esistente si sviluppa per cica 13,5 chilometri ed è alimentata da una centrale di cogenerazione a biomasse. I lavori, suddivisi in 24 stralci, saranno realizzati in cinque anni con un investimento di 9 milioni di euro. L’ampliamento consentirà di collegare alla rete altre 500 utenze …

Leggi tutto…

Esperienza. È tutto racchiuso in questa parola il patrimonio di RS Ravetti Service. Sì, perché in fondo, come potremmo definire l’esperienza se non un patrimonio di conoscenze continuamente verificate e confermate sul campo? RS Ravetti Service è senza dubbio una realtà giovane, nata nel passato recente ma con il background di una società come Ravetti, leader indiscussa nella realizzazione di attrezzature per la foratura e l’intercettazione di condotte non solo in Italia ma nell’intero panorama europeo e con una crescente presenza in quello mondiale….

Leggi tutto…

Grazie all’intesa tra le due realtà, nella rete di teleriscaldamento a servizio del capoluogo lombardo verranno immessi 54 GWh termici generati dal sito di Enipower a San Donato Milanese per 20 anni. Una quantità di calore a basso impatto ambientale in grado di soddisfare il fabbisogno medio annuo di oltre 6.000 famiglie. …

Leggi tutto…

La società sta concludendo la prima parte delle opere finalizzate a dotare la cittadina bergamasca di un nuovo sistema di teleriscaldamento. Il progetto, da 5 milioni di euro, prevede la costruzione di una nuova centrale di cogenerazione ad alta efficienza, il rifacimento della rete di distribuzione del calore esistente e la sua estensione per almeno altri 6 chilometri per servire nuove zone….

Leggi tutto…