PlatOne: un progetto per ottimizzare la gestione delle reti elettriche

Sviluppare e testare una soluzione tecnologica d’avanguardia in grado di abilitare i meccanismi di flessibilità energetica all’interno di un mercato aperto e inclusivo. È l’obiettivo del progetto europeo PlatOne, Platform for operation of distribution networks, finanziato dall’Unione europea nell’ambito del Programma quadro per la Ricerca e l’innovazione Horizon 2020. A portarlo avanti un consorzio di 12 partner pubblico-privati provenienti da quattro paesi europei, Italia, Germania, Belgio e Grecia: Acea Energia, Areti, Apio, Avacon, Baum, Engineering, E.Dso, Hedno, Politecnico di Atene, Rse, Siemens), coordinati dall’Università tedesca di Aachen.

Il progetto raccoglie una sfida ambiziosa: rispondere all’esigenza di mitigare nel breve e lungo periodo le congestioni di rete, dovute alla sempre crescente penetrazione di energia elettrica da fonti rinnovabili a generazione variabile e di sistemi di riscaldamento, raffreddamento e mobilità elettrici.

Per l’Italia è Acea a coordinare il progetto

Per quanto riguarda l’Italia, a coordinare il progetto pilota, che sarà realizzato nell’area di Roma, sarà Acea, attraverso Areti e Acea Energia. Questo prevede lo sviluppo di un’architettura tecnologica innovativa, basata sull’applicazione della blockchain, che permetterà di mettere a punto un nuovo modello di gestione delle reti basato sulla flessibilità nell’area urbana. La soluzione consentirà agli utenti di partecipare attivamente alla gestione ottimizzata della rete stessa, diventando partner che offrono servizi di flessibilità e contribuiscono a garantire l’equilibrio tra domanda e offerta di energia.

Scopo del progetto è infatti promuovere un nuovo approccio di gestione dell’infrastruttura per ottimizzarne il funzionamento e renderla più stabile e resiliente, anche in presenza di grandi produzioni di energia da fonti rinnovabili. Ciò grazie alla combinazione di misure di flessibilità, come accumuli, tecnologie domotiche e automazione.

Centocelle: quartiere scelto per la sperimentazione

Tale approccio sarà sperimentato, più nello specifico, nel quartiere Centocelle, coinvolgendo anche alcuni residenti che già collaborano con Enea sui temi dell’uso efficiente dell’energia. Nell’ambito della sperimentazione Enea metterà a disposizione piattaforme e soluzioni all’avanguardia per la gestione efficiente dell’energia, oltre a competenze e infrastrutture dedicate, fra le quali lo “smart building”, un edificio hi-tech, dotato di impianto fotovoltaico, batterie per l’accumulo e dispositivi per la gestione “intelligente” dell’energia, in grado di ridurre la necessità di scambio con la rete elettrica. Ulteriori sperimentazioni avverranno sulle colonnine di ricarica dei veicoli elettrici in dotazione ad Areti, nell’impianto di produzione Acea di Tor Di Valle e su altre utenze residenziali nel territorio della Capitale dotate di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo.

I numeri del progetto in breve

Il progetto PlatOne ha una durata di 4 anni e, nel suo complesso, prevede investimenti per ricerca e interventi innovativi sulle reti elettriche, sulle piattaforme di mercato e sugli strumenti di interfaccia per circa 9,5 milioni di euro, dei quali 7,5 milioni finanziati dalla Commissione europea. Acea, invece, vi investirà in totale circa 1,4 milioni di euro, cifra già prevista nel Piano industriale 2019-2022 per lo sviluppo delle proprie reti.


Leggi anche

smart grids

Dalla collaborazione tra il Politecnico di Milano e il Gruppo Enel, nasce il primo Master di secondo livello internazionale per formare esperti in smart grid. Il master è rivolto a neolaureati che vogliono specializzarsi nella progettazione e gestione di reti digitali e nella promozione dell’innovazione tecnologica nell’ambito dei sistemi di distribuzione di energia elettrica…

Leggi tutto…

Rete elettrica Terna Veneto

Avviato l’iter per la razionalizzazione della rete elettrica tra Malcontenta e Fusina, tra Venezia e Mira, intervento da 190 milioni di euro, che prevede la realizzazione di un nuovo collegamento a 380 kV, l’interramento di 24 km di linee elettriche, con l’eliminazione di oltre 21 km di elettrodotti, e il rinnovo di due stazioni elettriche. “Solo un assaggio” del programma di opere da 1,5 miliardi previsto nella regione…

Leggi tutto…

Energia da fonti rinnovabili per Water Alliance

Edison Energia e A2A Energia si sono aggiudicati la gara congiunta indetta da 10 delle 13 aziende di Water Alliance – Acque di Lombardia e 11 delle 14 società di Utility Alliance del Piemonte e da Asmia, gestore idrico del comune di Mortara, per la fornitura di energia da fonti rinnovabili per il prossimo anno. Gara, suddivisa in 3 lotti, che prevedeva in totale la fornitura di 1.000 GWh per un importo di circa 139 milioni di euro…

Leggi tutto…

Camioncino Iren - Bilancio di Sostenibilità 2019

Lo studio certifica l’impegno della multiutility verso l’ambiente, pilastro sempre più strategico delle sue attività. A partire da una gestione sempre più efficiente dell’acqua, grazie alla distrettualizzazione delle reti e alla lotta alle perdite. Nello scorso anno è cresciuta anche la raccolta differenziata, arrivando al 67,3% del totale, la flotta elettrica e la volumetria teleriscaldata, arrivata a 95 mmc, mentre l’impronta carbonica del Gruppo si è ridotta dell’1,7%…

Leggi tutto…

Stefano Donnarumma Terna

L’assemblea dei soci ha rinnovato il consiglio di amministrazione, tra l’altro ampliato nel numero, del gestore della rete elettrica nazionale. Donnarumma, dimessosi da Acea, è il nuovo amministratore delegato e direttore generale della società, mentre Bosetti è stata eletta alla presidenza. Succedono, rispettivamente, a Luigi Ferraris e Catia Bastioli, e resteranno in carica fino al 2022 …

Leggi tutto…