Pompe KSB per la salvaguardia della città di Mestre

Dal magazine edizione settembre-ottobre 2023

Lo scopo dell’opera è quello di amministrare il carico pluviale di un bacino sotteso con un’estensione di 140 ettari, in arrivo all’impianto attraverso un grande collettore realizzato sotto la sede stradale di via Torino.

Il nuovo impianto è costituito da una vasca di prima pioggia con un diametro di 35m e 13m di profondità che, in caso di forti perturbazioni, con carico pluviale superiore a quanto recepibile dalla rete fognaria, è in grado di contenere fino a 12.500 m3 (12 milioni e mezzo di litri). Durante le piogge intense, infatti, il primo carico pluviale contiene lo sporco accumulato e dilavato dalle strade e dagli stessi collettori fognari. La salvaguardia del territorio impone quindi la completa gestione delle “prime piogge”, stoccandole e depurandole, limitando così il loro rilascio diretto nell’ambiente.

La portata di acqua in eccesso gestibile dalla rete fognaria è accumulata momentaneamente nella vasca per poi essere inviata, successivamente, al trattamento nel depuratore di Campalto.

L’impianto di rilancio, costituito da 2 pompe sommergibili KSB Amarex KRTK, dosa le acque da depurare all’interno della rete fognaria una volta finito l’evento meteorico, bonificando la vasca ad ogni ciclo, sopportando alti carichi di solidi grossolani, senza intasamenti.

In caso di fenomeni piovosi particolarmente intensi e prolungati, un ulteriore compito è richiesto all’impianto: tutelare il conglomerato urbano da possibili danni e allagamenti.

Ecco quindi che, una volta riempita l’intera vasca, le acque in eccesso, ormai prive di contenuti inquinanti di particolare rilevanza, sono convogliate da una serie di 4 pompe idrovore sommergibili intubate, KSB Amacan, capaci di gestire portate di picco di 10.000 l/s, confluendo nel canal Salso.

La particolare robustezza delle pompe, con idrauliche monolitiche in fusione di acciaio duplex (materiale capace di resistere sia a carichi abrasivi dovuti alle sabbie, che alla capacità corrosiva del mare senza la minima ossidazione) minimizzerà gli eventi manutentivi, mantenendo le pompe sempre disponibili a scatenare la loro forza dirompente al bisogno.

Un ulteriore funzione fondamentale è eseguita da altre 3 pompe Amarex KRTK e 2 miscelatori ad altissima efficienza KSB Amaprop, che agevoleranno la pulizia della vasca durante i cicli di svuotamento, evitando la formazione di cattivi odori a tutela del benessere urbano.

L’impianto è stato armonizzato con l’ambiente, realizzando il tutto in modalità sotterranea, ricoperto da un’area verde e con opere di contorno finalizzate ad accrescere il decoro urbano e la fruibilità del territorio circostante.

 

KSB

Il Gruppo KSB, nato nel 1871, è fornitore di pompe, valvole e sistemi per il trasporto di fluidi. Offre un’assistenza completa durante l’intero ciclo di vita del prodotto e soluzioni personaliz­zate. Il Gruppo opera nel mondo con società commerciali, stabilimenti produttivi e centri service. KSB Italia è presente in Italia dal 1925.

 

 


Leggi anche

Con un investimento di 9 milioni di euro, il gestore idrico realizzerà una nuova condotta, in parte a gravità e in parte a pressione, che permetterà di eliminare 13 scarichi diretti nell’ambiente. La condotta si collegherà al collettore fognario e porterà a depurazione un volume di reflui pari a 1.700 abitanti equivalenti. L’intervento è parte del quadro di opere dall’importante valore ambientale, che l’azienda ha realizzato in zona negli ultimi anni….

Leggi tutto…

Dureranno circa un anno i lavori per portare la rete fognaria nella parte est del territorio della cittadina in provincia di Treviso a beneficio dell’ambiente e di quasi 1100 abitanti equivalenti ancora non serviti. Il progetto, del valore di 2 milioni di euro, prevede la posa di 2,3 chilometri di condotte e la realizzazione di due stazioni di sollevamento. Al contempo nell’area verranno sostituite anche circa un km di tubazioni per il trasporto di acqua potabile….

Leggi tutto…

fanghi

I fanghi di depurazione sono un inevitabile sottoprodotto della depurazione delle acque, che possono però essere trasformati da criticità a risorsa. Tra gli approcci e le strategie di gestione vi sono la minimizzazione dei volumi, così come la stabilizzazione anaerobica con recupero energetico e la valorizzazione finale con diversi possibili destini….

Leggi tutto…

Aggregare la rete fognaria dei comuni di Conegliano, San Pietro di Feletto, Santa Lucia di Piave e Susegana e, per quanto riguarda quest’ultimo, estenderla a due frazioni. È quanto prevede il progetto da 4,8 milioni di euro sviluppato dal gestore idrico per razionalizzare il sistema fognario dell’area. I lavori comprendono la posa di 4,2 km di nuove condotte per realizzare la nuova linea dedicata al solo convoglio dei reflui, lasciando quella esistente alle acque meteoriche. …

Leggi tutto…

Dureranno cinque mesi i lavori per la realizzazione di 1,5 chilometri di nuove condotte fognarie nel comune del veronese. L’intervento, del valore di 900.000 euro, permetterà di collegare la frazione di Casotti con la rete del capoluogo, coinvolgendo circa una cinquantina di famiglie. Al termine dei lavori la rete fognaria coprirà il 90% del territorio comunale….

Leggi tutto…