Presentato il progetto per il teleriscaldamento di Ciriè

Anche Ciriè, comune nell’area nord di Torino, avrà una rete di teleriscaldamento. Etc Ecotermica Ciriè ha presentato il progetto per la realizzazione dell’infrastruttura. Il capitale azionario di Etc Ecotermica Ciriè è detenuto per il 60% da Edison, che lo ha acquisito di recente, mentre la parte restante (40%) è di proprietà di Ecotermica Servizi, società torninese specializzata nella progettazione, sviluppo e gestione di sistemi di teleriscaldamento.

Il progetto messo a punto dall’azienda prevede la realizzazione di una rete di distribuzione del calore lunga 15 chilometri che si estenderà per tutto il territorio e alla quale potranno allacciarsi più di 3000 utenze. A far funzionare la rete una centrale di cogenerazione alimentata a biomasse, composte da cippato e quindi da scarti di lavorazione, recuperi legnosi, esiti di potature, provenienti dalla pulizia dei boschi che circondano la città, che erogherà energia termica pari a 30 gigawattora ogni anno a circa un milione di metri cubi di volumetria riscaldabile. La centrale, che entrerà in funzione all’inizio della stagione termica 2020-2021, sarà anche in parte alimentata con gas, in particolare per la produzione di energia elettrica.

Una volta entrato in funzione, il sistema garantirà, oltre a un miglior confort, enormi benefici ambientali alla cittadina, evitando l’emissione in atmosfera i oltre 5000 tonnellate annue di CO2.

L’investimento per la realizzazione del nuovo impianto è pari a circa 15 milioni di euro e sarà totalmente sostenuto da Etc Ecotermica Ciriè.


Leggi anche

La multiutility sta concludendo la prima fase del progetto per servire il comune della prima cintura torinese. Ad alimentare il sistema di distribuzione sarà la rete metropolitana di teleriscaldamento, che riceva l’energia termica dal termovalorizzatore di Torino e che, oltre alla stessa città, già fornisce energia termica anche ai comuni di Moncalieri e Nichelino…

Leggi tutto…

Innovazioni tecnologiche per la digitalizzazione dei sistemi di teleriscaldamento a bassa temperatura. Questo il focus del workshop all’interno del progetto europeo TEMPO (Temperature Optimisation for Low Temperature District Heating across Europe) di giovedì 7 Novembre 2019 organizzato da A2A Calore e Servizi ed Euroheat & Power / DHC + presso l’Auditorium del termoutilizzatore di Brescia…

Leggi tutto…

La società, che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio, fa i conti con il calo della domanda di calore, causata, da un lato, dai cambiamenti climatici e, dall’altro, dalla maggior efficienza energetica raggiunta dagli edifici nel corso degli ultimi anni. Per questo pensa allo sviluppo del nuovo servizio di climatizzazione estiva…

Leggi tutto…

Procedono secondo i piani i lavori per dotare la città di una rete di distribuzione del calore. I cantieri di Telenergia, società nata dalla partnership tra Gruppo Egea e Amag, che gestirà l’opera, sono concentrati sulla centrale che servirà la zona Sud e sulla posa della sua rete. Il progetto, per un valore di 90 milioni di euro, sarà completato nel giro di 6 anni con la realizzazione anche di una centrale e relativa rete nella zona Nord…

Leggi tutto…

Lo dice il report Teleriscaldamento e teleraffrescamento in Italia, alla sua prima edizione, realizzato dal Gse che fa il punto sulla diffusione della tecnologia sulla base dei dati del 2017. Circa 300 le reti presenti, con Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna in testa alla classifica delle volumetrie servite. Si diffonde anche il teleraffrescamento, 32 reti presenti…

Leggi tutto…