Presentato il progetto per l’acquedotto Roja Bis a Imperia

È stato presentato presso la sala Consiliare di Imperia il progetto per il primo lotto dei lavori per il nuovo acquedotto Roja Bis. Un’opera fondamentale per garantire l’approvvigionamento idrico della città ligure e di alcuni comuni limitrofi. La vecchia condotta, in avanzato stato di deterioramento, è soggetta infatti a frequenti rotture che spesso creano, soprattutto nel periodo estivo quando la domanda di acqua cresce per via delle presenze turistiche, interruzioni del servizio con gravi disagi per residenti e turisti.

Per risolvere il problema i tecnici di Amat e Ireti hanno elaborato un progetto che prevede la realizzazione in totale di 9 chilometri di nuove condotte tra Borgo Prino, nella città di Imperia, al comune di Diano Marina, per un investimento totale di circa 9,6 milioni.

Un’opera per porre fine alle perdite frequenti

L’opera prevede diversi lotti. Il primo riguarda la tratta tra Borgo Prino e la località Rabina, il punto più delicato e soggetto a più frequenti rotture dovute alla maggior pressione dell’acqua. Rotture con esiti spesso pesanti, non solo in termini di approvvigionamento idrico, ma anche per i danni che queste recano a beni e territorio. Negli ultimi anni su questa porzione di acquedotto si sono verificate perdite molto gravi con fuoriuscite di acqua ad alta pressione che in un caso hanno provocato la distruzione di 12 autovetture, in un altro di 15. Una terza fuoriuscita ha generato una frana sul lungomare Oneglia che ha bloccato la ferrovia. I lavori del primo lotto prevedono la posa di 2,5 chilometri di tubazioni, per una spesa di circa 2 milioni di euro finanziata da Regione Liguria. L’intervento prenderà il via a breve, appena concluse le verifiche di legge per l’assegnazione definitiva dell’appalto dei lavori.

Pronti i progetti anche per i due ulteriori lotti che comprendono in totale la posa di altri 6,5 chilometri di condotte e per i quali l’investimento stimato è di 7,6 milioni di euro.


Leggi anche

Previsti nel budget appena approvato dall’assemblea dei sindaci, gli investimenti saranno dedicati in gran parte al settore acquedotto, con interventi per 23 milioni, mentre la quota restante agli interventi su fognature e impianti di depurazione. Nel complesso, il budget prevede a fine 2020 un valore della produzione pari a 86.466.200 euro e costi della produzione per 83.959.334 euro…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…

La nuova adduttrice avrà uno sviluppo complessivo di 47 chilometri e metterà a disposizione di alcuni quartieri di Bari e di tre comuni del suo l’hinterland le acque potabilizzate provenienti dall’impianto del Locone, in provincia di Barletta-Andria-Trani. Le procedure di gara per la sua realizzazione, per la quale è previsto un investimento di 80 milioni di euro, partiranno il prossimo anno …

Leggi tutto…

Delle risorse, parte delle quali provenienti dal ministero dell’Ambiente, che saranno investite in un arco di 5 anni, beneficeranno 105 comuni della regione per portare avanti interventi di efficientamento della rete di distribuzione, con particolare attenzione alla lotta alle perdite idriche, potenziamento delle fognature e realizzazione di depuratori …

Leggi tutto…

Oltre 22 Km di nuova condotta Ponso-Montagnana-Pojana Maggiore e un serbatoio da 10.000 mc, per un investimento di 25 milioni di euro. Pubblicato il bando di gara per realizzare le opere che porranno fine all’emergenza PFAS per Montagnana e l’area berica …

Leggi tutto…