Produrre biometano dalla Forsu: una prospettiva possibile, ecologica ed economica

Economia circolare: da prospettiva a strategia industriale

 

È questo il titolo dell’incontro che si terrà il 3 dicembre nella Sala Consiglio di Città Metropolitana, in via Vivaio 1 a Milano.

Si parlerà di frazione organica, biometano e riuso di asset industriali, analizzando il circolo virtuoso di Città metropolitana di Milano e di Gruppo CAP.

La riflessione parte da una ricerca di Kyoto Club sulle potenzialità del biometano nel territorio della Città metropolitana di Milano, in relazione al ruolo e agli asset esistenti di Gruppo CAP.

Città metropolitana di Milano e Gruppo CAP hanno sottoscritto un protocollo d’intesa con l’obiettivo di costruire una progettualità che permetta di produrre biometano dalla sezione umida della Forsu in un processo industriale che integri i processi depurativi che già esistono sul territorio. Questo approccio consente di massimizzare l’efficienza degli impianti di depurazione e di affrontare il tema della produzione di biometano limitando il consumo di suolo grazie all’utilizzo degli asset funzionali al servizio di depurazione.

La ricerca di Kyoto Club affronta questo tema, ponendo le basi per un’ampia politica di simbiosi industriale fra la depurazione delle acque e il ciclo del trattamento dei rifiuti, che da opportunità ecologica ed economica evolve in una progettualità possibile e concreta.

Il modello proposto è quello della partnership fra enti pubblici, istituti di ricerca e imprese del territorio, dove ognuno mette a disposizione le proprie risorse e competenze verso un modello di produzione che valorizza quello che un tempo si considerava scarto e riduce al minimo il consumo di suolo mentre produce energia green e riduce le emissioni di CO2.

La ricerca parte dall’analisi sull’esistenza di matrici organiche, come la frazione organica dei rifiuti urbani, deiezioni zootecniche, scarti agricoli e scarti dell’agro-industria, che potrebbero essere valorizzate in impianti di digestione anaerobica per la produzione di biometano.

Il biometano è equivalente al metano di origine fossile, e può essere utilizzato come carburante per automobili e mezzi pubblici, con notevoli vantaggi economici e ambientali.

I risultati della ricerca verranno svelati e analizzati nel corso dell’incontro del 3 dicembre, che si preannuncia ricco di informazioni inedite e soluzioni interessanti per il sistema produttivo e dei servizi della Città metropolitana di Milano.

La partecipazione all’incontro è gratuita, ma è necessario iscriversi attraverso il link riportato qui sotto.
 

 


Leggi anche

I lavori, che interessano le frazioni di Prata e Niccioleta, prevedono la posa di circa 8 chilometri di condotte in PE. Una volta in funzione, 7,5 chilometri di rete saranno gestiti a media pressione, mentre la parte restante a bassa pressione. L’intervento che sarà concluso entro la prossima estate, permetterà agli abitanti delle due località di usufruire dei vantaggi legati all’utilizzo del metano, in sostituzione del Gpl attualmente impiegato…

Leggi tutto…

Lungo 445 chilometri, dei quali 423 sottomarini, l’elettrodotto collega le stazioni elettriche di Cepagatti, in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. La sua entrata in esercizio, entro fine anno, permetterà di diversificare gli approvvigionamenti, rafforzare l’affidabilità, l’efficienza, la sicurezza, la sostenibilità ambientale e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde adriatiche…

Leggi tutto…

Avviata a settembre la campagna, denominata Conta su di noi, prevede la sostituzione di tutti i vecchi apparecchi installati presso le 160.000 utenze servite dall’utility che gestisce il ciclo idrico nella provincia di Monza e Brianza. Articolato in diversi lotti, il piano si svilupperà in otto anni, privilegiando i comuni con uno scarto maggiore tra acqua sollevata e distribuita. Nel primo biennio sono coinvolte 18 comunità per un investimento di 3,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Molto più di un semplice misuratore di consumi, il nuovo dispositivo è dotato di tecnologie e funzionalità avanzate che garantiscono maggiore sicurezza ed efficienza alle utenze e al sistema. Nei prossimi mesi sarà avviata una campagna per l’installazione dei primi 300.000 apparecchi in Friuli ed Emilia-Romagna, con un investimento di 45 milioni di euro…

Leggi tutto…

A realizzare l’infrastruttura sarà Etc Ecotermica Ciriè, società partecipata al 60% da Edison e per la parte restante da Ecotermica Servizi. Il progetto, del valore di 15 milioni di euro, prevede la realizzazione di una rete dell’estensione di 15 chilometri che riceverà l’energia termica da una centrale di cogenerazione alimentata a gas e a biomasse, provenienti dalla pulizia dei boschi limitrofi…

Leggi tutto…