Produrre energia pulita dai prodotti alimentari e ridurre gli sprechi: Gruppo CAP aderisce al progetto NO.W! “NO WASTE”

Offrire prodotti alimentari scontati e, al tempo stesso, recuperare quelli non più vendibili per trasformarli in energia pulita: Gruppo CAP aderisce al progetto NO.W! “NO Waste” siglando un accordo con ThinkAbout, realtà che opera nell’ambito della riduzione dello spreco alimentare, mettendo in contatto aziende che sono attente alla sostenibilità con produttori di cibo, sia grandi che piccoli, evitando, così, che alimenti ancora consumabili vengano sprecati.

L’economia circolare è il tema su cui CAP ha investito di più in questi ultimi anni, commenta Andrea Lanuzza, direttore generale gestione di Gruppo CAP.

Il recupero della maggior quantità possibile di energia e di materia dalle attività produttive è uno degli obiettivi principali delle nostre attività sperimentali. Vogliamo adottare un sistema sempre più circolare per il ciclo idrico, di quì l’obiettivo di trasformare i nostri impianti di depurazione in vere e proprie bioraffinerie.

Qui, quelli che una volta erano rifiuti (la frazione umida dei rifiuti, ad esempio, i fanghi di depurazione, gli scarti alimentari) sono trasformati in energia e nuovi materiali di pregio come il biometano, i fertilizzanti, lo zolfo, chemicals come fosforo e azoto e le sabbie.

Parliamo di azioni innovative, misurabili e concrete per progettare un futuro più sostenibile”.
 

L’ultima iniziativa in ordine di tempo è appunto il progetto NO.W! “NO Waste”

Il progetto permette alle persone di CAP di acquistare sulla piattaforma messa a disposizione da ThinkAbout.
Qui troveranno un panel di prodotti ancora buoni, ma non più vendibili nei circuiti della grande distribuzione, con sconti fino al 50%.
 

Ecco come funziona.

ThinkAbout aggiorna settimanalmente la piattaforma con i prodotti disponibili all’acquisto. Le persone che lavorano in CAP possono connettersi e comprare ciò che desiderano, usufruendo del forte sconto fino al 50%.

Una volta ricevuto l’ordine, la spesa viene preparata e consegnata direttamente in azienda una volta a settimana – con un ulteriore plus per l’ambiente, in quanto con questa modalità si riducono le emissioni, in caso non fosse possibile, la spesa arriva direttamente a casa nel giro di 24-48 ore.

 

Cosa succede invece per i prodotti a fine ciclo destinati a diventare rifiuti?

Per quanto riguarda, invece, i prodotti a fine ciclo destinati a diventare rifiuti a tutti gli effetti, vengono trasformati dai digestori anaerobici di Gruppo CAP in biogas e, successivamente in energia utilizzata per autoalimentare l’impianto.

Le infrastrutture esistenti nei 40 impianti di depurazione di Gruppo CAP sono un asset strategico per smaltire prodotti alimentari e valorizzarne i nutrienti, così da trasformarli in energia elettrica

“All’interno dei digestori anaerobici i prodotti non più utilizzabili nella normale filiera di distribuzione alimentare arricchiscono i fanghi da depurazione, per produrre il biogas, che poi servirà per la produzione di energia elettrica, prosegue Lanuzza.

Valorizzando gli elementi recuperabili nel processo depurativo delle acque reflue e nell’utilizzo anche di prodotti che sarebbero destinati allo smaltimento arriviamo davvero alla “chiusura del cerchio” di un processo virtuoso”.

Un ambito, quello del recupero di scarti dell’industria alimentare, che non è una novità per l’azienda pubblica che gestisce il servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano: grazie alle sinergie industriali sviluppate in ottica di open innovation, Gruppo CAP ha già al suo attivo il progetto sperimentale implementato con Danone, azienda leader nella produzione di prodotti lattiero-caseari, a Sesto San Giovanni, finalizzato a trasformare in energia pulita i prodotti scaduti.
 

Se vuoi rimanere aggiornato sulle iniziative, attività e news di settore, iscriviti ora alla newsletter bimestrale di Servizi a Rete

 


Leggi anche

Al posto dell’ex termovalorizzatore di Sesto San Giovanni nasce la BioPiattaforma di ZeroC, un impianto che unirà la termovalorizzazione dei fanghi di depurazione con la produzione di biometano. Infatti, dal trattamento della FORSU – il rifiuto organico urbano – si può ottenere gas 100% naturale e compatibile con l’immissione in rete per uso domestico….

Leggi tutto…

Realizzato da Snam4Environment, l’impianto è il primo di questo tipo in Sicilia e a pieno regime consentirà di recuperare circa 36.000 tonnellate/anno di FORSU, producendo 3,6 milioni di metri cubi di biometano e 10.000 tonnellate di digestato da usare come concime. Permetterà così di migliorare la gestione dei rifiuti nella provincia e di evitare l’immissione in atmosfera di 7.000 tonnellate di CO₂…

Leggi tutto…

Gli investimenti tecnici realizzati dal gestore della distribuzione gas di 101 comuni toscani hanno sfiorato i 70 milioni di euro lo scorso anno, in aumento di ben il 16% rispetto al 2020. Risorse impegnate, in particolare, per metanizzare nuove porzioni di territorio e accelerare il processo di digitalizzazione delle infrastrutture, aspetto strategico per aprire la rete alla distribuzione dei gas rinnovabili…

Leggi tutto…

Realizzato da Tersan Puglia, specializzata nel trattamento dei rifiuti organici da raccolta differenziata, l’impianto può produrre 1,9 milioni di metri cubi all’anno di biometano da immettere nella rete gas nazionale. Primo nella regione, è stato costruito con un investimento di 18 milioni di euro e permetterà di evitare l’emissione in atmosfera di 3700 tonnellate annue di CO2 …

Leggi tutto…

In occasione del decennale della manifestazione dedicata alle migliori aziende dei servizi pubblici nei settori di energia, rifiuti e acqua, il gestore del servizio idrico della Città metropolitana di Milano ha ottenuto il premio Ten Years, dedicato all’utility “che nelle diverse edizioni ha primeggiato sia in specifiche aree, come l’innovazione e la sostenibilità, che nel complesso delle attività”…

Leggi tutto…