Progetto I.S.I.F.

ISIF

I.S.I.F. offre in tutta Europa servizi di hot tapping, drilling su qualsiasi tipo di canalizzazione per il trasporto di ogni fluido con pressioni fino a 16 BAR o temperature Max di 90°C* (*PNmax 12 BAR), utilizzando sistemi che consentono l’effettuazione di interventi di riparazione e manutenzione in costanza di erogazione del servizio con l’applicazione di bypass fra i punti di intercettazione.
I.S.I.F. costruisce, produce e commercializza attrezzature per l’esecuzione di interventi su reti di distribuzione fluidi quali la serie Lock Line (progetto I.S.I.F. brevettato), costituita dalla gamma completa di attrezzature per il tamponamento di fluidi da DN 2” al DN 16” con pressione nominale di esercizio di 16 BAR, il kit foratubi per l’esecuzione di fori su tubazioni in acciaio da DN 1” a DN 20”, attrezzature per il tamponamento di fluidi inbassa pressione, la serie completa di fitting per il montaggio delle attrezzature.
I.S.I.F. ritiene condizioni necessarie per la crescita aziendale il miglioramento continuo
dei propri processi e sistemi in un contesto competitivo al fine di soddisfare le esigenze degli stakeholder. La I.S.I.F. con il suo bagaglio d’esperienza e le sue tecnologie innovative ha brevettato un sistema ad hoc per la sicurezza degli operatori che lavorano in ambienti confinati e contaminati; il Safe Work System è un dispositivo finalizzato a garantire lo svolgimento delle operazioni di saldatura su tubazioni di distribuzione fluidi infiammabili a bassa e media pressione; gli operatori possono quindi svolgere tutte le fasi di lavoro in condizioni di piena sicurezza senza alcun rischio di incendio ed esplosione. 16” FINO A 16 BAR

Tamponatrice Lock Line
Il sistema di tamponatura Lock Line consente l’esecuzione di operazioni di tamponatura di flussi su reti di distribuzione fluidi di diametri DN 2”, 2½”, 3”, 4”, 5”, 6”, 8”, 10”, 12”, 16” e pressione massima di esercizio di PN 16 BAR e temperatura massima di 90°C* (* PNmax 12 BAR).

Bag Lock
La macchina tamponatrice Bag Lock è stata progettata e realizzata allo scopo di intercettare condotte di gas ed eseguire bypass per pressioni fino a 0,02 bar per condotte in acciaio e fino a 0,5 bar per tubazioni in polietilene.
Un foro di sfiato (¾” gas), denominato guardia idraulica posto superiormente a lato degli imbocchi, mette in comunicazione la camera interna inferiore con l’esterno. Ogni cilindro contiene uno stantuffo che può essere fatto scorrere agendo sull’asta tubolare cromata.
Lo stantuffo è dotato di attacco per il pallone, mentre l’asta tubolare ha un terminale dotato
di due fori (¼” gas) rispettivamente predisposti per il collegamento di un manometro e di un raccordo predisposto per l’aria compressa di gonfiaggio del pallone.

Micro Lock
La macchina tamponatrice Micro Lock permette l’intercettazione dei flussi gassosi a basse pressioni (max 0,5 Bar) su tubazioni in acciaio da DN 1” a DN 3”. Il tampone a doppio binario consente di effettuare interventi in modo facile e sicuro senza l’interruzione del servizio e ridurre i costi di manutenzione. L’attrezzatura è realizzata in ergal con un design innovativo.

Mini Lock
Il sistema integrato di foratura e tamponatura Mini Lock è costituito da un sistema di foratura realizzato per effettuare fori su reti con pressione massima di esercizio fino a 5 Bar ed un sistema di tamponatura per l’esecuzione di operazioni di tamponatura di flussi su reti di diametri DN032, DN040, DN050 e pressione massima di esercizio di 5 Bar (per il teleriscaldamento Tmax=90°C). L’attrezzatura foratubi realizza forature DN 1”- 1¼”- 1½”- 2” ad azionamento manuale.

Safe Work System
Il sistema SWS è una soluzione di prevenzione che consente uno svolgimento sicuro di tutte le attività di manutenzione da parte dell’operatore attraverso uno strumento facile da gestire e affidabile nell’utilizzo.
Il sistema è composto da esplosimetri collegati wireless ad una centrale che controlla la soglia di esplosività nell’area operativa di cantiere, rilevando la quantità di potenziali miscele esplosive presenti.
Sulla centrale sono impostate due soglie di allerta: quando l’esplosimetro rileva una quantità di miscela esplosiva tale da attivare la soglia di allarme, il sistema disattiva l’alimentazione a tutte le potenziali fonti d’innesco riportando l’area in sicurezza.
Oltre al controllo del cantiere con dispositivi mobili al sistema può essere collegato un sensore fisso per la bonifica certificata di canalizzazione da dismettere attraverso l’immissione controllata d’azoto.
Il sistema fornisce all’utente una reportistica completa e accurata di tutti gli eventi rilevanti avvenuti durante tutta la giornata lavorativa.
E’ stato brevettato da I.S.I.F. ed è la prima soluzione di sicurezza attiva in questo mercato. In caso di pericolo il sistema non avverte passivamente l’operatore dando solo un allarme, ma oltre a questo interviene effettivamente in modo automatico e in real-time sui dispositivi utilizzati in cantiere.

 

I.S.I.F. S.r.l.
Via Loc. Botriolo, 1 52020 Castelfranco di Sopra (AR)
C.F. / P.IVA 01853790515 – R.E.A. Arezzo 143695
Phone / Fax : +39 055 940800
pec : isifsrl1@legalmail.it
mail : info@isifsrl.com

 


Leggi anche

Snam, con il supporto di Confindustria, ha lanciato ufficialmente un market test sulla domanda di idrogeno in Italia e, in collaborazione con Eni, una raccolta di manifestazioni di interesse non vincolanti per il trasporto e lo stoccaggio di CO2 presso il sito di Ravenna, nell’ambito del progetto di carbon capture and storage (CCS) presentato nei mesi scorsi….

Leggi tutto…

I tecnici della società di distribuzione gas ed elettricità del Gruppo Hera sono al lavoro per potenziare l’infrastruttura nel tratto tra Sassuolo e Prignano sul fiume Secchia. Sarà realizzata una nuova condotta in acciaio della lunghezza di 3,7 km che correrà parallelamente a quella esistente, alla quale verrà collegata, in modo da aumentare l’efficienza della rete in una zona già colpita da frane e smottamenti….

Leggi tutto…

Avanza il piano di metanizzazione dei comuni della Sardegna portato avanti dalla società del Gruppo Italgas, che nell’ultimo piano industriale ha dedicato altri 107 milioni di investimenti per il completamento dell’opera. Nule, Anela, Onanì, Osidda, Narcao, Perdaxius, Giba, Gesico e San Basilio sono i nuovi territori che possono beneficiare della distribuzione del gas naturale, grazie alla posa di 80 chilometri di nuove condotte. …

Leggi tutto…

Fabrizio Curcio, Capo Dipartimento della Protezione Civile, e Paolo Gallo, Amministratore Delegato di Italgas, hanno sottoscritto un impegno comune che mira alla condivisione di informazioni, soluzioni tecnologiche, mezzi e materiali per fronteggiare efficacemente le situazioni di crisi….

Leggi tutto…

ENEA e Centria, società di distribuzione del Gruppo Estra, hanno firmato un accordo di collaborazione che ha l’obiettivo di avviare una sperimentazione di nuovi standard di miscelazione di gas naturale e idrogeno da immettere nella rete di distribuzione del gas naturale. …

Leggi tutto…