Pronti il nuovo Campo Pozzi e il nuovo acquedotto anti PFAS

Stanno per terminare i disagi per una buona parte dei cittadini veneti delle province di Verona, Vicenza e Padova colpiti dall’emergenza PFAS. A breve potranno beneficiare, e in abbondanza, di acqua “nuova”, pura, sicura, senza rischio di contaminazione legata alla presenza dei composti perfluoroalchilici che hanno contaminato le vecchie fonti di approvvigionamento. Acque Veronesi ha infatti concluso i lavori del nuovo campo pozzi e del nuovo acquedotto anti PAFAS. Un intervento, del costo di 24,2 milioni di euro, che rientra nel piano di opere messo in campo dal Commissario Straordinario per l’Emergenza PFAS nella regione, Nicola Dell’Acqua.

Le nuove opere

Il nuovo campo pozzi è stato realizzato in località Bova, nel comune di Belfiore, in provincia di Verona. Insieme, è stato realizzato anche un nuovo acquedotto. Questo collega il campo alla centrale idrica che sorge a Madonna di Lonigo e si estende per 18 chilometri. L’acquedotto è composto da tubazioni con diametro nominale in parte da 1000 mm e in parte da 600 mm.

Il nuovo sistema idrico assicurerà l’approvvigionamento di diversi comuni delle tre province, garantendo un apporto di 250 litri di acqua pura al secondo.

Lavori avanti nonostante la pandemia

Si tratta di un’opera importante, sia perché strategica per il superamento dell’emergenza sia perché realizzata nonostante le tante difficoltà legate allo scoppio della nuova emergenza: quella sanitaria determinata dalla pandemia da Covid-19. I lavori hanno infatti preso il via nella primavera del 2019 e sono andati avanti, senza interruzione, anche nella fase più critica dell’emergenza, grazie all’impegno e alla professionalità delle squadre di Acque Veronesi.   

Lo spegnimento dei pozzi contaminati

L’entrata in esercizio del nuovo sistema è prevista a breve. Al momento i tecnici del gestore idrico della provincia di Verona, stanno ultimando le operazioni di igienizzazione delle nuove condotte. Con l’attivazione del nuovo sistema verrà avviata la fase di graduale spegnimento dei pozzi contaminati da uno dei più gravi eventi di inquinamento delle acque superficiali del nostro Paese e non solo.

Resterà comunque operativo l’impianto di filtraggio presente nella centrale di Madonna di Lonigo. Il suo funzionamento trarrà notevoli benefici dall’attivazione dei nuovi pozzi. Infatti, grazie al ridimensionamento, sarà minore l’acqua da trattare. Ulteriori vantaggi saranno presente anche per quanto riguarda il profilo dei costi economici.

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Un nuovo tratto di collettore fognario a servizio della frazione di Grassina, la sostituzione delle condotte idriche e fognarie in località Bigallo. È il piano per rinnovare le reti di Bagno a Ripoli sviluppato e avviato dal gestore idrico. Opere che per la parte fognaria consentiranno al comune fiorentino di uscire dalla procedura di infrazione comunitaria….

Leggi tutto…

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio….

Leggi tutto…