Pronto il nuovo depuratore per il Golfo Paradiso


Un impianto avanzatissimo, in grado di eliminare dall’acqua anche eventuali virus. È il nuovo depuratore comprensoriale per il Golfo Paradiso realizzato a Recco da Iren con un finanziamento di 30 milioni dal piano dell’Ato acque del territorio metropolitano di Genova. È appena partita la fase di pretrattamento dei reflui e l’impianto sarà pienamente in funzione dalla seconda metà di giugno.

Il depuratore di ultima generazione ha tecnologie a membrane che garantiscono l’abbattimento di tutti gli inquinanti e l’acqua depurata potrà essere riutilizzata, oltre che nei processi dello stesso impianto, anche, ad esempio nel lavaggio delle strade o delle barche.

Il depuratore raccoglie per il trattamento completo le acque reflue di Recco, Avegno e Uscio e poi entro i prossimi due mesi vi confluiranno anche quelle di Camogli, grazie all’installazione di venti metri di nuove condotte, necessarie per gli ultimi collegamenti. Dal prossimo anno saranno poi completati anche gli allacciamenti degli scarichi di Sori e del 50% di quelli di Pieve Ligure.

Siamo soddisfatti perché sono stati rispettati i tempi per la realizzazione di questa opera pubblica il cui iter procedurale era stato avviato nel 2009’ – ha dichiarato Gian Luca Buccilli, vice sindaco di Recco e consigliere delegato della Città metropolitana.

 

Didascalia foto 2: Gian Luca Buccilli, vice sindaco di Recco e consigliere delegato della Città metropolitana;


Leggi anche

Tra gli investimenti strategici si annoverano anche quelli finalizzati all’adozione di sistemi tecnologici aderenti alla filosofia della Industry 4.0 e alla realizzazione dell’efficienza idraulica ed energetica del sistema isolano, molto complesso, articolato nei 24.000 kmq dell’intera regione. Costituisce linea prioritaria di intervento anche la realizzazione di alcuni interventi sperimentali in materia di trattamento di rifiuti urbani (umido domestico) nel processo di depurazione per la produzione di biogas e la gestione dei fanghi con riuso in agricoltura….

Leggi tutto…

Il manager succede ad Aldo Stracqualursi, che ha guidato l’azienda, che gestisce il servizio idrico nella provincia di Grosseto e di Siena, negli ultimi quattro anni. Con una lunga esperienza nel settore, Ferrari, a sua volta, lascia il ruolo di amministratore delegato di Gesesa, altra società del gruppo Acea che gestisce il servizio idrico a Benevento, che ricopriva dal 2014 …

Leggi tutto…

L’operazione ha avuto come obiettivo riunificare in un’unica società la gestione del servizio idrico e la proprietà delle reti e degli impianti nel territorio della provincia di Lecco. Il progetto era nato nel 2016, in linea con quanto previsto dalla legge Madia e consentirà di ridurre i costi di gestione, incrementare gli investimenti e migliorare il servizio…

Leggi tutto…

Il progetto presentato dalla società, che gestisce il servizio idrico in 53 comuni del Veneto Orientale, riguarda il quartiere Fiera e prevede la posa di circa 1.000 metri di nuova fognatura nera, oltre 1.400 metri di rete acquedottistica e 180 metri di condotte per le acque meteoriche. I lavori partiranno a breve e si protrarranno per 7 mesi, per un costo complessivo di 1,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’anniversario della costituzione Consorzio per l’acqua potabile ai Comuni della provincia di Cremona, diventato nel 1965 Padania Acque SpA, gestore unico del ciclo idrico, è stato celebrato lo scorso 28 dicembre. Per l’occasione è stato presentato il volume Pagine d’acqua e di storia che ripercorre la storia dell’azienda dalla sua fondazione ai giorni nostri…

Leggi tutto…