Pronto il piano di sicurezza delle acque di ABC

È pronto il Piano di Sicurezza dell’Acqua (PSA) di ABC, società che gestisce il ciclo idrico nella città di Napoli. E’ la prima realtà del settore a essersi dotato di questo strumento, per il quale ora si attende l’approvazione del Ministero della Salute. Strumento considerato il più efficace per garantire una fornitura sicura e di elevata qualità ai consumatori di acqua potabile.

Con i PSA è stata infatti introdotto un nuovo approccio al tema della qualità e della sicurezza dell’acqua erogata alle utenze. Un approccio di tipo preventivo e proattivo, basato sulla individuazione delle filiere idriche degli acquedotti e sulla valutazione e gestione del rischio a queste connesse. In tal modo si supera la metodologia tradizionale basato su un approccio gestionale. Quest’ultimo si basava su analisi periodiche di laboratorio effettuate su campioni di acqua distribuita dalle reti idriche secondo un piano concordato con le ASL.
 

Più sicurezza e qualità dell’acqua

La stesura del Piano ha richiesto un lavoro lungo e articolato che ABC ha portato avanti con il supporto dell’Istituto Superiore di Sanità e di altri enti, tra i quali:

Il Piano messo a punto riguarda l’intera filiera idrica che va dalle sorgenti del Serino fino all’area della città servita dal serbatoio di Chiaiano, interessando le condotte di adduzione e distribuzione, le centrali di sollevamento e i serbatoi. Su tale filiera è stata realizzata un’approfondita analisi dei rischi sanitari collegati al consumo di acqua. In particolare, per alcuni rischi valutati come alti, ovvero ad elevata probabilità ed elevata gravità dell’evento considerato, la società ha individuato specifiche attività di mitigazione che, una volta realizzate, garantiranno ulteriormente la qualità e la sicurezza dell’acqua alle utenze.
 

Il commento del presidente di ABC, Alessandra Sardu

«Lo sviluppo del PSA è il risultato di una sinergia importante tra ABC e varie istituzioni, tra cui l’Istituto Superiore di Sanità. La qualità e la sicurezza dell’acqua per gli utenti sono obiettivi assolutamente prioritari per la nostra azienda, per garantire i quali Abc pone in essere numerose e severe misure di controllo – ha commentato Alessandra Sardu, Presidente di ABC -. Il PSA si aggiungerà a queste, ponendosi in un’ottica di prevenzione del rischio. Siamo in largo anticipo rispetto ai termini fissati dalla nuova direttiva europea, e questo conferma l’enorme attenzione che ABC pone sul tema della sicurezza dei propri utenti».

 

 


Leggi anche

Concepiti nella linea produttiva Factory 4.0 di DAB, i prodotti della linea Evosta rappresentano la sintesi perfetta tra la robustezza del circolatore meccanico e i vantaggi di quello elettronico. La cartuccia anticalcare si prende cura del motore in modo ottimale, riducendo drasticamente i tempi e i costi di manutenzione. Una grande attenzione è posta al risparmio energetico…

Leggi tutto…

Pensare in ottica di CSR – Corporate Social Responsibility – integrando le quattro dimensioni, sociale, economica, ambientale e di Governance nel piano di sviluppo aziendale è un lavoro ambizioso che, come ogni grande impegno, necessita di perseveranza, condivisione e trasparenza. Questa è la sfida abbracciata da Maddalena….

Leggi tutto…

Varato dall’Autorità Umbra per Rifiuti e Idrico (AURI), il piano Umbria resiliente prevede una serie di opere che permetteranno di ottimizzare la gestione e la tutela della risorsa idrica e garantire la sicurezza degli approvvigionamenti idrici in tutta la regione. Messo a punto con i tre gestori Umbra Acque, Umbra Valle Servizi e Servizio Idrico Integrato, si articola su otto progetti, per un valore di 8 milioni di euro…

Leggi tutto…

perdite idriche

Tutte le reti di acquedotto presentano fenomeni di dispersione idrica. Il 67% delle cause derivano da perdite o rotture sulle tubazioni principali e di servizio in rete; pertanto, ne deriva che oggi una delle più importanti sfide per i gestori idrici rimane la Non Revenue Water (acqua dispersa non fatturata). Ridurne il valore inizia da una piena conoscenza di cosa stia realmente accadendo nella propria rete di distribuzione. Senza tale consapevolezza, è come se fossimo di fronte ad una rete “buia”. Come è possibile quindi trovare quello che non si vede e intervenire? …

Leggi tutto…

Sono sempre di più gli ambiti di Industria 4.0 che prediligono le imprese italiane con l’obiettivo di accrescere la competitività aziendale. È proprio in questo contesto che si inserisce il progetto Smart Grid by AUTOMA, un progetto di innovazione tecnologica, perfettamente in linea con i requisiti di Industria 4.0, che punta allo sviluppo di una rete di distribuzione del gas efficiente, smart ed automatizzata attraverso il monitoraggio remoto intelligente delle reti ed il telecontrollo delle Pressioni, il monitoraggio remoto ed il telecontrollo della Protezione Catodica, e il monitoraggio remoto dell’Odorizzante e la regolazione automatica dell’iniezione….

Leggi tutto…