Pronto il piano operativo per risolvere la crisi idrica del Dianese

È pronto il piano operativo che permetterà di porre fine al problema della crisi idrica del Golfo del Dianese, in Liguria. Il piano è basato sul ripristino e il potenziamento dell’acquedotto della provincia di Imperia. L’acquedotto si basa sull’asse del Roia 1, da Ventimiglia ad Andora, e del Roia 2, fino a Sanremo, dove confluisce nell’altra condotta, più vecchia. Un grande intervento per il quale Regione Liguria ha annunciato pochi giorni fa un finanziamento di 29 milioni di euro in quattro anni, sostenuto per la maggior parte da fondi statali, con l’obiettivo di arrivare a risolvere l’emergenza già entro la prossima estate.

Il piano operativo messo a punto dal gestore idrico 

Rivieracqua, il gestore idrico della provincia di Imperia, ha fornito il supporto tecnico al commissario dell’ATO idrico del Ponente, Gaia Checcucci. I lavori prevedono otto lotti di lavori, i primi due dei quali, questa la speranza, potrebbero prendere il via già nei primi mesi del prossimo anno: il primo lotto, del valore di 1,8 milioni di euroil secondo lotto, del valore di 5 milioni. 

Comprendono la posa delle nuove condotte del Roia 1 nel tratto tra Imperia e il territorio del comune di Cervo. Andranno a collegarsi al tratto di rete già in costruzione, grazie a un finanziamento da 2 milioni di euro della Regione.

La società grazie a questo intervento, risolverebbe i problemi che gravano sul territorio del Golfo Dianese. Il Golfo è da anni alle prese con frequenti interruzioni di servizio, spesso legate alle rotture che si verificano sullo storico acquedotto Roia 1. L’acquedotto è ormai vetusto e conseguentemente ha procurato gravissimi disagi a cittadini e turisti. 

Il terzo lotto, prevede invece una spesa di 1,6 milioni nel comune di Andora. La società realizzerà un collettore fognario che permetterà di far confluire i reflui al depuratore di Imperia. In questo modo verrà dismesso l’impianto di depurazione di San Bartolomeo del Mare, afflitto da gravi problematiche, superando così la procedura di infrazione europea per il mancato trattamento dei liquami


Leggi anche

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti.

Guarda il replay del webinar svolto lo scorso 18 febbraio >

Leggi tutto…

L’intervento sul depuratore di Gavorrano, del valore di 2 milioni di euro, è finalizzato all’adeguamento funzionale dell’impianto, per migliorarne la sostenibilità e aumentarne il carico trattabile. La prima parte delle opere, già conclusa, ha interessato il rinnovo dei sistemi di pretrattamento dei reflui. Ora si sta lavorando sull’adeguamento del comparto biologico….

Leggi tutto…

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

L’intervento permetterà di eliminare gli scarichi liberi ancora presenti nel centro storico del comune aretino e collettare i reflui all’impianto di depurazione di Figline Valdarno, superando così la procedura d’infrazione comunitaria. Prevede la posa di 4,5 km di condotte, parte della quale sarà effettuata con la tecnica no-dig del microtunnelling, e la realizzazione di 7 sollevamenti fognari e 11 scolmatori per un investimento di 4,5 milioni …

Leggi tutto…