Pubblicato il bando di gara per la rete fognaria di Ribera

Ribera, la città delle arance, in provincia di Agrigento, vede l’uscita dalla procedura di infrazione europea per le acque reflue. È stato infatti pubblicato sul sito di Invitalia, la centrale di committenza del Commissario Straordinario Unico per la Depurazione, Maurizio Giugni, il bando di gara per l’affidamento dei lavori di completamento della rete fognaria a servizio della città.

Un’opera che garantirà la copertura del servizio fognario dell’interno dell’agglomerato di Ribera. I lavori si concentreranno anche sul collettamento dei reflui all’esistente impianto di depurazione, situato nella contrada Costa Coniglia.

Il progetto

Più nello specifico, il progetto prevede il:

  • rifacimento della rete nera del quartiere Sant’Antonino (nella parte Ovest del centro abitato di Ribera)
  • completamento delle reti capillari di raccolta
  • collettamento al depuratore

Il progetto è stato messo a punto dalla struttura commissariale, che opera in continuità con Girgenti Acque, il gestore del ciclo idrico per la provincia di Agrigento.   

L’importo a base d’asta della gara è di 2,9 milioni di euro circa. Di questi, 2,7 milioni di euro sono destinati ai lavori e la parte restante per gli oneri per la sicurezza. Quest’ultima voce non è soggetta a ribasso. La candidatura scade il prossimo 22 aprile.

La città delle arance sotto procedura d’infrazione

L’intervento rappresenta un’opera fondamentale, in quanto oltre a garantire all’intera popolazione di fruire di un sistema di raccolta e collettamento efficiente dei reflui, consentirà alla cittadina di uscire dall’infrazione europea. Ribera è infatti sotto la procedura d’infrazione 2004/2034, arrivata già allo stadio di sentenza di condanna a sanzione pecuniaria (C-251/17) per il mancato trattamento delle acque reflue urbane.

 

Clicca qui per avere maggiori informazioni sul bando sul sito di Invitalia.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti.

Guarda il replay del webinar svolto lo scorso 18 febbraio >

Leggi tutto…

Ammonta a oltre 7 milioni di euro l’investimento previsto dal gestore per potenziare le reti di Pietrasanta. Un progetto, da 2 milioni, interessa la sostituzione della rete idrica, sottodimensionata, a servizio della frazione Pollino. Un altro pacchetto di opere da 5 milioni è finalizzato al rinnovo delle condotte di adduzione e distribuzione in altre porzioni di territorio e alla costruzione della rete fognaria nelle aree che ancora ne sono prive. …

Leggi tutto…

cedimenti strutturali

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio.

Guarda il replay del webinar svolto lo scorso 11 febbraio >

Leggi tutto…

Un nuovo tratto di collettore fognario a servizio della frazione di Grassina, la sostituzione delle condotte idriche e fognarie in località Bigallo. È il piano per rinnovare le reti di Bagno a Ripoli sviluppato e avviato dal gestore idrico. Opere che per la parte fognaria consentiranno al comune fiorentino di uscire dalla procedura di infrazione comunitaria….

Leggi tutto…

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…