Pubblicato l’Avviso pubblico per gli incentivi PNRR per il teleriscaldamento

È stato pubblicato dal Ministero della Transizione Ecologica (MITE) l’Avviso pubblico per la presentazione dei progetti per lo sviluppo di sistemi di teleriscaldamento da finanziare nell’ambito del PNRR. L’Avviso dà attuazione all’investimento 3.1 (M2C3) del Piano nazionale di ripresa e resilienza, che mette a disposizione 200 milioni di euro per lo sviluppo dei sistemi efficienti di teleriscaldamento e teleraffrescamento. Le agevolazioni riguardano:

  1. la costruzione di nuovi sistemi efficienti
  2. l’estensione delle reti esistenti con l’obiettivo di realizzare 330 km di reti di teleriscaldamento efficiente e di costruire impianti o connessioni per il recupero di calore di scarto per 360 MW.

 

Gli obiettivi

Con il provvedimento si punta infatti a ottenere un doppio risultato. Da un lato una riduzione dei consumi di energia primaria fossile, con un risparmio stimato di 20 ktep annui. Dall’altra evitare ogni anno l’emissione di 0,04 milioni di tonnellate di CO2 nei settori non ETS (Emission Trading System), cioè non regolati dalla direttiva sullo scambio delle emissioni.

In quest’ottica, lo sviluppo del teleriscaldamento è considerato strategico e prioritario, rispetto al mix energetico dell’Italia, per rilanciare il sistema energetico nazionale in un periodo particolarmente complesso.

 

Ripartizione delle risorse

In particolare, ai sensi del decreto del Mite del 30 giugno 2022, n. 263, le risorse sono così ripartite:

  • 50 milioni di euro sono destinati esclusivamente a sistemi di teleriscaldamento e/o teleraffrescamento efficiente di piccole dimensioni. Ossia progetti che prevedono un investimento complessivo inferiore a 10 milioni di euro;
  • 150 milioni di euro invece destinati a sistemi di teleriscaldamento e/o teleraffrescamento efficiente di qualunque dimensione.

 

La presentazione della domanda

Le agevolazioni del PNRR sono destinate ai soggetti che intendano realizzare una nuova rete o una centrale di produzione di energia termica o frigorifera o anche a tutti coloro che già gestiscano una rete o una centrale. Le agevolazioni previste dal Decreto saranno concesse mediante una procedura valutativa a graduatoria. Inoltre, gli interventi previsti nei progetti proposti devono essere conclusi improrogabilmente entro la data del 31 marzo 2026.

Le domande per accedere agli incentivi devono essere presentate entro il prossimo 6 ottobre, attraverso il portale, messo online di recente, accessibile dall’Area Clienti del sito del GSE (Gestore dei servizi energetici). Il GSE fornirà tutto il supporto tecnico e operativo nella gestione delle domande di accesso ai fondi.

 


Leggi anche

Per pianificare investimenti partendo da informazioni precise e ottimizzare la gestione delle reti, le utility si servono di strumenti tecnologici in grado di interpretare in maniera “proattiva” i dati provenienti da misuratori intelligenti e di ricavarne modelli predittivi ed analisi. Il monitoraggio e la prevenzione di eventuali criticità sono una parte fondamentale della programmazione strategica di queste aziende….

Leggi tutto…

Con un decreto del dipartimento Ambiente e Territorio, la Regione ha finanziato 151 interventi su reti idriche e sul sistema depurativo-fognario. A quest’ultimo è destinata la maggior parte delle risorse: ben 53,2 milioni per 94 interventi. Il nuovo provvedimento è importante anche perché permette ai comuni di programmare le opere da realizzare nei prossimi mesi per ammodernare le infrastrutture, superando la semplice gestione dell’emergenza…

Leggi tutto…

Lo scorso 23 Giugno in occasione del webinar “Il futuro della progettazione e della gestione dei processi delle aziende di servizi idrici integrati” sono stati presentati alcuni concetti fondamentali legati all’importanza della gestione della risorsa acqua, alle criticità sempre più crescenti dovute al cambiamento climatico e all’introduzione dell’obbligatorietà del processo BIM per le stazioni appaltanti….

Leggi tutto…

Sviluppato con un investimento di 10 milioni di euro e installato presso il depuratore di Bologna Corticella, l’impianto permette di convertire energia elettrica rinnovabile e acque reflue in idrogeno verde e, poi, quest’ultimo in biometano da immettere in rete. L’entrata in esercizio è prevista entro il prossimo anno e una volta a regime permetterà di coprire i consumi di 1200 famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di circa 50 Nm3/h di CO2….

Leggi tutto…

Comune e città Metropolitana hanno affidato alla società un progetto per il rinnovamento del sistema di illuminazione pubblica in ottica smart city. L’iniziativa interesserà l’intera area del Porto Antico e 15 comuni della provincia e vedrà l’installazione di oltre 12.500 lampade led che garantiranno un risparmio del 77% dei consumi di energia. Inoltre, verranno implementati servizi smart, come telecamere di videosorveglianza, panchine con wi-fi…

Leggi tutto…