Publiacqua attiva il nuovo depuratore di San Casciano Val di Pesa

È entrato in esercizio il nuovo impianto di depurazione realizzato da Publiacqua a servizio di San Casciano Val di Pesa. Un’opera che il gestore idrico ha avviato nell’ottobre del 2020 per tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente di uno dei territori più ammirati della Toscana e rinomato per la produzione dei suoi vini, dell’olio extravergine d’oliva e dei suoi prodotti agroalimentari.

La costruzione del collettore è stata accompagnata dai lavori, altrettanto importanti, per la sistemazione e il rinnovo della rete fognaria. Opere sinergiche e strategiche per il raggiungimento dell’importante obiettivo che così è stato conseguito: l’uscita del comune dalla procedura di infrazione comunitaria in materia di acque reflue.

 

Il nuovo depuratore

Il nuovo impianto di depurazione è stato realizzato in località Ponterotto, in un’area a carattere rurale e a buona distanza dai più vicini centri abitati. Il depuratore ora tratta i reflui del capoluogo, che in precedenza scaricavano invece nei corpi idrici superficiali. Inoltre, con il completamento delle ultime opere che riguardano la seconda linea di trattamento, raggiungerà una potenzialità pari a 11.500 abitanti equivalenti (ae).

 

Soluzioni a basso impatto

Nella sua realizzazione Publiacqua ha adottato una serie di soluzioni tecnologiche e costruttive per minimizzarne l’impatto sotto diversi punti di vista. Sul piano paesaggistico, per minimizzare l’impatto visivo saranno piantumati filari di alberi ad alto fusto lungo il perimetro dell’impianto. Il processo depurativo adottato non prevede la liberazione in atmosfera di sostanze volatili in quantità tali da arrecare problemi sotto il profilo dell’impatto odorigeno.

Mentre a evitare problemi sul piano delle emissioni acustiche, sono stati scelti macchinari a bassissima rumorosità e le soffianti, a servizio del reattore biologico e della fase di digestione aerobica dei fanghi, sono state dotate di cabine insonorizzanti e alloggiate al chiuso.

 

11 chilometri di nuove condotte

Il depuratore è stato costruito con un investimento di 10 milioni. Leggermente inferiore la cifra investita da Publiacqua per il rinnovo della rete fognaria: 9 milioni di euro. I lavori hanno visto la posa di 11 chilometri di nuove condotte e la realizzazione di 10 impianti di sollevamento. In questo modo sono stati eliminati tutti gli scarichi diretti in ambiente per un carico complessivo stimato in circa 4.500 abitanti equivalenti.

 

Una tappa importante sul fronte della tutela ambientale

«I lavori realizzati a San Casciano Val di Pesa sono importanti per il territorio e rappresentano una tappa fondamentale nel cammino che Publiacqua si era prefissa sul fronte della tutela dell’ambiente – ha commentato il presidente di Publiacqua Lorenzo Perra -. L’azienda è infatti impegnata da diversi anni nella realizzazione di significativi investimenti per dotare i nostri territori di adeguati sistemi di depurazione. Un obbligo normativo, ma, soprattutto, un obiettivo perseguito per garantire la qualità ambientale dei nostri territori. Oggi, grazie agli investimenti fatti, il 90% della popolazione è allacciato alla fognatura e l’83% è servita da un impianto di depurazione e questo lo consideriamo un risultato importante ma non un traguardo».

 


Leggi anche

Con un investimento di 3,6 milioni di euro, il gestore idrico ha realizzato l’infrastruttura che permette di convogliare i reflui della frazione del comune di Cavriglia (Arezzo) al depuratore di San Giovanni Valdarno. In questo modo sono stati eliminati sei scarichi in ambiente per un peso pari a 770 abitanti equivalenti. Ora si lavora al nuovo progetto per collegare all’impianto anche l’agglomerato di Neri …

Leggi tutto…

Nella BioPiattaforma di Sesto San Giovanni si produrrà biometano a partire dalla FORSU e si tratteranno fanghi di depurazione. Un esempio di gestione integrata e sostenibile che, partendo dai rifiuti, genera energia. E che se replicato può renderci indipendenti dalle importazioni di gas fossile …

Leggi tutto…

25 km di nuove condotte, il potenziamento degli impianti di depurazione, un investimento di 16 milioni di euro, più altri 35 milioni, in 5 anni, sempre per la depurazione. Sono i numeri del grande progetto del gestore idrico per completare la rete di raccolta e collettamento dei reflui e il loro trattamento nella città della Torre. Una grande opera che permetterà di eliminare gli scarichi in ambiente e di garantire un servizio di alta qualità su tutto il territorio cittadino …

Leggi tutto…

Il progetto di Regione Lombardia CE4WE (Circular Economy For Water and Energy), recentemente concluso, che ha visto coinvolti ENI, A2A e Gruppo CAP, ha portato alla realizzazione di modelli predittivi per il monitoraggio delle acque e dei microinquinanti in esse presenti, oltre a un’innovativa tecnologia che impiega funghi per il biorisanamento delle acque reflue e dei fanghi da depurazione….

Leggi tutto…

Le acque parassite sono acque provenienti da infiltrazioni puntuali o diffuse non previste all’interno del sistema fognario, dovute a carenze strutturali o anche a interconnessione con il reticolo idrografico superficiale e con le acque sotterranee. Rappresentano un problema importante nelle reti fognarie del territorio della Città metropolitana di Milano, caratterizzato dalla presenza di una falda superficiale a tratti affiorante e di un fitto reticolo idrografico minore….

Leggi tutto…