Interventi Pistoia Publiacqua

Publiacqua avvia il potenziamento delle reti di Pistoia

Consentire alla città di Pistoia un deciso salto di qualità sul piano del rapporto con l’ambiente. È l’obiettivo che si sono posti l’amministrazione comunale della città toscana e Publiacqua, il gestore idrico del medio Valdarno, con il piano di interventi che ha da poco preso il via.

Il piano ha il suo fulcro nel potenziamento e rinnovo del Depuratore centrale, intervento che costerà circa 14 milioni di euro. Grazie a quest’opera la capacità del principale impianto di trattamento dei reflui a servizio della città salirà dagli attuali 50.000 ai futuri 90.000 abitanti equivalenti. Ma non solo. Perché il piano prevede anche gli interventi che hanno appena preso il via, per un valore di 6,5 milioni di euro, e che riguardano la rete fognaria e quella idrica.

 

Intervento sulla rete fognaria

L’intervento sulla rete fognaria interessa le zone di Chiazzano, Nespolo e Le Querci con l’obbiettivo di eliminare 8 scarichi diretti in ambiente. A questo scopo saranno realizzati 8 manufatti di sfioro, in corrispondenza degli scarichi diretti da eliminare, per separare le acque di magra dalle acque di pioggia. I reflui saranno convogliati a depurazione attraverso la nuova condotta fognaria, costituita da 10 tratti a gravità, con condotte da DN 200 / DN 400 per un’estensione totale di 5 chilometri, e da quattro tratti in pressione, con tubazioni da DN 100 / DN 300 per una lunghezza complessiva di 3 chilometri, alimentati da 4 nuovi impianti di sollevamento.

I reflui così raccolti, pari a circa 2.000 abitanti equivalenti, andranno nella condotta e poi al Depuratore centrale di Pistoia, mentre i reflui della zona Le Querci saranno recapitati verso la rete di Agliana e da qui a depurazione. Inoltre, il recapito del collettore fognario della zona Ovest al Depuratore centrale attraverserà il Torrente Brana e sarà realizzato con la tecnica no dig del micro-tunelling.

 

Intervento sulla rete idrica

In contemporanea con i lavori su collettori e fognatura, del valore di 5 milioni di euro, Publiacqua realizzerà inoltre un intervento sulla rete idrica. Questo, del valore di 1,5 milioni di euro, prevede la posa di una nuova condotta di distribuzione in sostituzione di quella esistente. La tubazione sarà realizzata con tubi in ghisa DN 300 e correrà parallela alla nuova rete fognaria.


Leggi anche

Imponente il volume di risorse previsto dal nuovo piano di investimenti 2020-2023 del gestore idrico pugliese per rendere più efficiente e sostenibile il servizio e proseguire il percorso di crescita della società. Quasi la metà della spesa è destinata al potenziamento e adeguamento degli impianti di depurazione, saranno oltre 100 quelli sui quali si interverrà, ma un’altra fetta rilevante andrà alla sostituzione delle reti per ridurre le perdite….

Leggi tutto…

I lavori, realizzati con 4,5 milioni di euro messi a disposizione da Regione Basilicata, hanno permesso di portare la capacità di trattamento da 28.000 a 34.000 abitanti equivalenti, adeguando l’impianto, che sorge in località Pantano, alle attuali normative. Si tratta infatti del primo dei tre interventi previsti sui depuratori necessari per fare uscire la città dalla procedura di infrazione comunitaria. …

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…

I titoli, che hanno un taglio unitario minimo di 100.000 euro e che scadono il 17 gennaio 2031, hanno fatto registrare una domanda pari a oltre il doppio dell’offerta. Le risorse ottenute con la nuova operazione di finanza sostenibile andranno a sostenere i progetti di sostenibilità previsti dal Piano Industriale al 2025, andando a focalizzarsi sullo sviluppo del teleriscaldamento, il recupero della plastica e il miglioramento della depurazione….

Leggi tutto…

Dureranno circa un anno i lavori per l’ammodernamento dell’impianto a servizio della cittadina termale in provincia di Pisa. Un intervento, del valore di 1,7 milioni di euro, con il quale il gestore idrico del Basso Valdarno punta a risolvere una serie di criticità dell’impianto, legate alle acque di tipo di misto che vi arrivano, oltre che all’obsolescenza e all’ammaloramento dei due grandi serbatoi che lo costituiscono….

Leggi tutto…