Publiacqua conclude la rete fognaria di Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino è ora depurata al 100%. Publiacqua ha infatti concluso il terzo lotto dei lavori di risanamento della rete fognaria di Osmannoro, un’area che sorge a Nord di Sesto al confine con Firenze. Il Fosso Osmannoro è ora del tutto liberato dagli scarichi ancora presenti, in quanto tutti i reflui raccolti nel comune sono inviati all’impianto di depurazione di San Colombano.

Iniziate nel 2011, le opere sono state portate avanti in tre diversi lotti, l’ultimo dei quali, condotto con un investimento di 3 milioni di euro, ha visto la posa di 6 chilometri di nuove condotte fognarie e la realizzazione dell’attraversamento del Fosso Osmannoro.

Ma non c’è solo la rete fognaria al centro dell’attività del gestore idrico toscano. Tra il 2014 e il 2018, Publiacqua ha portato avanti un intenso programma di opere sull’intero sistema acquedottistico sestese, con il rinnovo di diverse porzioni di condotte, supportato da investimenti per 5,8 milioni di euro.

Altri interventi strategici rientrano nel Piano degli interventi 2018-2024, tra i quali la sostituzione della rete di via Monti (230 metri), via Valiversi (785 metri per 190.000 euro di acquedotto e 650 metri e 440.000 euro di fognatura) e via di Rimaggio (1.500 metri di tubazione posata per 700.000 euro).

Previsto, infine, anche un ulteriore grande lavoro, il collegamento dell’acquedotto di Sesto con l’Autostrada delle Acque, che risolverà i problemi di approvvigionamento di località come Colonnata e Querceto. Lo scorso marzo è stato infatti approvato in Conferenza dei servizi il progetto definitivo con la previsione di circa due anni e mezzo di lavori e un tracciato che seguirà la direttrice sud-nord per un investimento di 5,6 milioni di euro.


Leggi anche

Siglato dal Comune di Roma, Regione Lazio e dalla multiutility capitolina il disciplinare che rinnova fino al 2031 ad Acea Ato 2 la concessione della gestione dell’infrastruttura, che garantisce l’approvvigionamento della Capitale. Un passaggio propedeutico alla realizzazione della seconda linea dell’acquedotto, indispensabile per mettere Roma e diversi comuni della regione al riparo dalle crisi idriche …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…

Presentato dall’AD Piero Ferrari, il nuovo piano punta a migliorare le infrastrutture dei 55 comuni gestiti e l’efficienza operativa attraverso la digitalizzazione dei processi. Una bella fetta di risorse sarà destinata all’ottimizzazione dei distretti idrici e alla riduzione e valorizzazione dei fanghi di depurazione …

Leggi tutto…