Publiacqua conclude la rete fognaria di Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino è ora depurata al 100%. Publiacqua ha infatti concluso il terzo lotto dei lavori di risanamento della rete fognaria di Osmannoro, un’area che sorge a Nord di Sesto al confine con Firenze. Il Fosso Osmannoro è ora del tutto liberato dagli scarichi ancora presenti, in quanto tutti i reflui raccolti nel comune sono inviati all’impianto di depurazione di San Colombano.

Iniziate nel 2011, le opere sono state portate avanti in tre diversi lotti, l’ultimo dei quali, condotto con un investimento di 3 milioni di euro, ha visto la posa di 6 chilometri di nuove condotte fognarie e la realizzazione dell’attraversamento del Fosso Osmannoro.

Ma non c’è solo la rete fognaria al centro dell’attività del gestore idrico toscano. Tra il 2014 e il 2018, Publiacqua ha portato avanti un intenso programma di opere sull’intero sistema acquedottistico sestese, con il rinnovo di diverse porzioni di condotte, supportato da investimenti per 5,8 milioni di euro.

Altri interventi strategici rientrano nel Piano degli interventi 2018-2024, tra i quali la sostituzione della rete di via Monti (230 metri), via Valiversi (785 metri per 190.000 euro di acquedotto e 650 metri e 440.000 euro di fognatura) e via di Rimaggio (1.500 metri di tubazione posata per 700.000 euro).

Previsto, infine, anche un ulteriore grande lavoro, il collegamento dell’acquedotto di Sesto con l’Autostrada delle Acque, che risolverà i problemi di approvvigionamento di località come Colonnata e Querceto. Lo scorso marzo è stato infatti approvato in Conferenza dei servizi il progetto definitivo con la previsione di circa due anni e mezzo di lavori e un tracciato che seguirà la direttrice sud-nord per un investimento di 5,6 milioni di euro.


Leggi anche

È quanto prevede lo studio, Manuale della Siccità, presentato dalla Federazione in occasione della Giornata mondiale dell’acqua. La quota maggiore, 3,9 miliardi, sarebbe da destinare a Sud e isole, seguite dal Centro, 1,9 miliardi e dal Nord, 1,3 miliardi. Tra le opere da realizzare, nuovi serbatoi, approvvigionamenti, interconnessioni tra acquedotti, ma essenziale è la lotta alle dispersioni e il riutilizzo delle acque reflue trattate…

Leggi tutto…

Il gestore idrico toscano ha dato il via ai lavori per la sostituzione di oltre 1600 metri di condotte di distribuzione idrica nella frazione di Treggiaia del comune della provincia di Pisa. L’intervento punta a eliminare il rischio di perdite dovuto alla vetustà della rete esistente e sarà concluso entro la fine del prossimo luglio. Al suo termine la società procederà anche con il rinnovamento dell’adduttrice …

Leggi tutto…

Messo a punto da Amat e Ireti, il progetto prevede la posa di 9 chilometri di condotte tra Borgo Prino e il comune di Diano Marina per una spesa complessiva di 9,6 milioni di euro. L’opera permetterà di garantire l’approvvigionamento idrico della città ligure e di alcuni comuni limitrofi, messa a rischio dalla vecchia rete, che versa in pessimo stato ed è soggetta a frequenti e dannose rotture …

Leggi tutto…

Il gestore idrico dell’ambito Sarnese-Vesuviano ha avviato una serie di opere sulle infrastrutture idriche e fognarie nel comune del salernitano. Per quanto riguarda le prime, verranno posate in totale oltre 2,5 chilometri di tubazioni per migliorare la distribuzione dell’acqua potabile in alcune strade del centro e in alcune frazioni. Le seconde servono invece a completare lo schema fognario comunale, eliminando definitivamente gli scarichi superficiali in ambiente…

Leggi tutto…

L’intervento progettato da Amap prevede la posa di 3,3 chilometri di nuove condotte per aggirare il tratto dell’infrastruttura gravemente danneggiato da una frana. L’opera, dal costo di oltre 5 milioni di euro, permetterà di ripristinare l’originaria portata della dorsale che approvvigiona la città di Palermo con l’acqua attinta alla sorgente delle Madonie …

Leggi tutto…