Publiacqua: il piano per rinnovare le reti di Bagno a Ripoli

È un articolato insieme di opere quello messo a punto da Publiacqua per innovare le reti di Bagno a Ripoli. Opere che interessano sia l’infrastruttura fognaria sia quella acquedottistica.

Il nuovo tratto di collettore fognario

Il primo intervento, già avviato, riguarda la realizzazione di un tratto di collettore fognario, dell’estensione di 300 m, a servizio della popolosa frazione di Grassina. Grazie, al nuovo collettore, che si collegherà alla condotta già presente in via Belisario Vinta, a Firenze, e a una nuova stazione di sollevamento, i reflui verranno convogliati all’impianto di depurazione di Ponte a Niccheri. Un intervento importante sia per le implicazioni igienico sanitarie sia perché permetterà di porre fine alla procedura di infrazione europea che grava sulla cittadina. Una volta in esercizio, infatti, il collettore consentirà di eliminare due scarichi diretti in ambiente, pari a 160 abitanti equivalenti.

Le difficoltà dell’intervento

Soprattutto, un intervento complesso, nonostante la limitata estensione delle condotte da posare. La posa delle condotte prevede infatti l’attraversamento della sede autostradale. Inoltre sarà necessario uno staffaggio di una parte di condotta sul ponte che attraversa il torrente Ema. La parte del collettore in arrivo alla stazione di sollevamento sarà in gravità e realizzata con tubazioni in PVC DN200, per una lunghezza di 50 m, e in PVC DN315, per altri 10 m. Quella in uscita dalla stazione sarà invece in pressione e costituita da tubazioni in ghisa DN100, per un tratto di 190 m. Mentre per la parte in staffaggio su ponte, lunga 20 m, verranno impiegate tubazioni in acciaio DN100.

Nuove condotte idriche e fognarie a Bigallo

Altro intervento strategico interesserà la sistemazione fognaria e acquedottistica dell’abitato di Bigallo. Per quanto riguarda l’acqua potabile il progetto prevede la sostituzione delle condotte di adduzione e distribuzione che corrono lungo via del Bigallo e Apparita. Mentre per l’infrastruttura fognaria, è prevista la realizzazione di un nuovo derivatore e collettore fognario per collegare la rete fognaria del Bigallo al sollevamento presente nella località la Fonte e, quindi, all’impianto di San Colombano. In questo modo l’abitato del Bigallo sarà quindi completamente depurato.

I lavori partiranno entro l’estate, e vedranno in totale la sostituzione di circa 750 metri di condotte, per una spesa di 1 milione di euro.

Infine, sempre entro quest’anno verrà avviata la sostituzione della rete idrica in un tratto di via Roma, mentre a breve partiranno i lavori per l’asfaltatura della parte della stessa strada interessata dalla sostituzione della rete idrica lo scorso anno.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Per ogni gestore è oggi necessario adeguarsi ai concetti di sostenibilità ed economia circolare nell’utilizzo di risorse come acqua, gas ed energia. Non solo per un dovere morale e civico, ma anche per allinearsi alle delibere imposte da ARERA. Come sappiamo, il costo dell’energia per un gestore del SII è ingente e pesa in buona percentuale sul bilancio finale. Quali sistemi e tecnologie è possibile adottare al fine di efficientare a livello energetico le proprie infrastrutture ed evitare il più possibile sprechi?…

Leggi tutto…

Acque Veronesi ha concluso la realizzazione del nuovo campo pozzi e del nuovo acquedotto anti PFAS che approvvigioneranno con acqua pura diversi comuni delle province di Verona, Padova e Vicenza. L’opera, del costo di 24,2 milioni di euro, rientra nel piano di interventi messo a punto dalla struttura commissariale per l’emergenza PFAS e permetterà di dismettere le vecchie fonti contaminate….

Leggi tutto…

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…