Publiacqua: opere per 9 milioni nel comune di Lastra a Signa

Nove milioni di euro per rinnovare il sistema idrico di Lastra a Signa. Opere che Publiacqua ha programmato per mettere in sicurezza l’approvvigionamento idrico della cittadina in provincia di Firenze anche nelle estati più siccitose e a rendere efficiente, e in linea con le disposizioni europee, il sistema fognario e di collettamento a depurazione dei reflui.

Gli interventi, che saranno realizzati nell’arco di 5 anni, da questo al 2024, si pongono l’obiettivo di migliorare ulteriormente il servizio idrico sul territorio comunale. Sul fronte della rete idrica, il piano di opere comprende la sostituzione di alcune tratte della rete di distribuzione, già in corso. Ma è soprattutto sulla fognatura che si concentrerà il maggior impegno. Nelle opere milionarie sono infatti compresi diversi rilevanti interventi, a partire dall’adeguamento e ammodernamento dell’impianto di depurazione di Ginestra Fiorentina, per un valore di 2 milioni di euro. A questo si aggiungono la sistemazione e rinnovo della rete fognaria del capoluogo, che sarà realizzata con un investimento di oltre 2,2 milioni di euro, e il collettamento degli scarichi di una frazione importante del comune, quella di Malmantile, allo stesso depuratore, e altri interventi di razionalizzazione di alcune tratte della rete.

Le reti di Lastra a Signa sono state già oggetto di altri significativi interventi da parte del gestore del servizio idrico del Medio Valdarno negli anni scorsi. Dal 2014 a oggi e la società ha infatti realizzato lavori che hanno migliorato complessivamente il servizio sull’intero territorio comunale, come il potenziamento e rinnovo della rete acquedottistica in alcune strade, il collegamento del booster di San Colombano con la rete di Lastra a Signa e la sostituzione del tratto di tubazione di spinta in uscita dal booster di via Gramsci, quest’ultimo fondamentale per far arrivare sul territorio comunale l’acqua prodotta dall’impianto di Mantignano. A questi si sommano poi i lavori di rinnovo della Centrale di Potabilizzazione di Carcheri, della Centrale di Calcinaia e della Centrale Mezzetta.  


Leggi anche

Un maxi progetto, unico in Italia, che prevede l’installazione di 1000 apparecchi di misurazione lungo 2.700 km. di condotte. Prima, la modellazione idraulica. Poi, le videoispezioni. E adesso, il monitoraggio costante delle portate. BrianzAcque sta eseguendo un check up completo dell’intero sistema delle reti fognarie. Obiettivo? Conoscerne lo stato di salute, individuarne potenzialità e punti deboli, così da riuscire a intervenire in via preventiva e in modo sempre più mirato sull’intero sistema di sottoservizi. …

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico del Lazio meridionale utilizzerà la tecnologia no-dig per realizzare un attraversamento ferroviario e della via Appia nell’ambito dei lavori, che sta concludendo, di ammodernamento ed estensione della rete fognaria nei quartieri C8 e C9 del comune in provincia di Latina. Inoltre, provvederà anche alla sostituzione di 900 metri di condotte idriche, ormai obsolete …

Leggi tutto…

Obiettivo dei lavori è la messa in sicurezza del collettore fognario e delle relative derivazioni di utenza e di rete. Prevedono la sostituzione di 500 metri di condotte esistenti con nuove tubazioni in cemento armato vibrocompresso ad alta resistenza. L’intervento, che secondo cronoprogramma dovrebbe concludersi nel maggio del 2020, permetterà di bonificare un’area dal quadro idrogeologico molto compromesso…

Leggi tutto…

Rete Ronsas è la rete di impresa costituita dal gestore idrico pugliese con Green Ecol e Agrosistemi per sperimentare nuove tecniche per trasformare i fanghi di depurazione dei reflui urbani in fertilizzante correttivo dei suoli agrari. Finanziata da Regione Puglia con un milione di euro, la sperimentazione sarà effettuata negli impianti di depurazione di Foggia e Barletta …

Leggi tutto…

Il grande piano di interventi prevede la realizzazione dell’acquedotto, con la posa di 45 chilometri di condotte, delle reti fognarie, dell’estensione di 38 chilometri, e di due depuratori a servizio del comune bresciano e delle sue frazioni. I lavori, suddivisi in sei lotti, prenderanno il via a fine novembre e proseguiranno per 5 anni…

Leggi tutto…