Radicondoli: ok al progetto per l’estensione del teleriscaldamento

Radicondoli punta sul teleriscaldamento. L’amministrazione comunale del piccolo comune del senese ha approvato il progetto esecutivo per l’estensione della rete di distribuzione del calore. Si tratta del lotto 2 dell’opera, che permetterà di portare il servizio borgo principale del comune e nella razione di Belforte.

Il progetto approvato definisce lo sviluppo del percorso della nuova rete, che come quella già esistente, riceverà l’energia termica da una centrale a sua volta alimentata dal pozzo geotermico Radicondoli 15 di Enel Green Power. Il nuovo progetto è diviso in due sottolotti:

  1. il lotto 2.1, relativo alla “Rete Teleriscaldamento per il solo Centro Storico di Belforte
  2. il lotto 2.2 relativo alla “Rete Teleriscaldamento per il nuovo abitato di Belforte e la lottizzazione Ragnana e viale Berio”
     
Grandi vantaggi dalla tecnologia

Lo sviluppo del nuovo lotto è un’opera nella quale il Comune crede fortemente, confortato dai vantaggi che la tecnologia ha già assicurato. Parte del territorio di Radicondoli è infatti già servito dal teleriscaldamento, entrata in esercizio nel 2019 e che raggiunge 139 utenze. L’arrivo del teleriscaldamento geotermico, oltre ai grandi benefici ambientali, ha garantito ai cittadini un drastico abbattimento delle spese per il riscaldamento.

Basti pensare che prima della sua entrata in funzione, si legge in una nota del Comune, il costo medio per riscaldare una abitazione di circa 100 metri quadri era di 2.000 euro l’anno, a fronte degli attuali 810 euro. Inoltre, anche per l’anno in corso la tariffa è rimasta invariata, in quanto il costo del fluido geotermico non risente della volatilità dei prezzi che sta interessando le fonti tradizionali, come metano, GPL e gasolio, che hanno registrato un vero boom a partire dall’ultima parte dello scorso anno e destinati ad aumentare ancora a causa del conflitto in Ucraina.
 

Arrivare a 400 allacci

Con la realizzazione del nuovo lotto si punta a portare il servizio su tutto il territorio, con il numero di utenze, tra domestiche e commerciali, che potrà raggiungere le 400 unità. A gestire la nuova rete sarà sempre Geo Energy Service, società specializzata nel teleriscaldamento e partecipata dei comuni geotermici toscani:

  • Castelnuovo Val di Cecina
  • Monteverdi Marittimo
  • Pomarance
  • Monterotondo Marittimo
  • Montieri Santa Fiora

 


Leggi anche

Il fondo infrastrutturale ha rilevato il 45% della società del gruppo Gruppo Fratelli Visconti, attivo nella realizzazione e gestione del teleriscaldamento per comuni di medie dimensioni. L’azienda è proprietaria di cinque sistemi situati in Piemonte e Lombardia e, grazie alla partnership con Whitehelm, ora punta a consolidarsi sul mercato ampliando il suo raggio d’azione ad altre regioni…

Leggi tutto…

Fondamentale momento di confronto e di ascolto con gli stakeholder, le consultazioni permetteranno a tutti gli interessati di esprimere le proprie osservazioni sul documento che orienterà l’azione dell’Autorità nei prossimi 4 anni. Tutela ed empowerment del consumatore, transizione energetica giusta e digitalizzazione i temi al centro del nuovo Quadro …

Leggi tutto…

Il Gruppo ha acquisito il 51% del capitale societario dell’azienda che gestisce il servizio nel comune di Grugliasco, della quale già deteneva il restante 49%. La multiutility si è aggiudicata la gara, indetta dallo stesso Comune, con un’offerta di 5,4 milioni di euro. Ora si darà attuazione al piano industriale di Nove, approvato di recente, che prevede un notevole incremento delle volumetrie allacciate …

Leggi tutto…

I lavori, avviati a gennaio, riguardano la zona sud della città estense e permetteranno di raggiungere aree prima non servite, garantendo a nuovi cittadini di beneficiare di un servizio green, in quanto il sistema è in gran parte alimentato con energia geotermica. Il progetto di estensione ha riguardato la posa di oltre 1,5 chilometri di doppie condotte preisolate, con un investimento di 3,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Oltre che green, il sistema alimentato con energia geotermica a servizio del borgo senese è anche molto conveniente per i cittadini sotto il profilo dei costi. Il Comune ha rilevato come, prima della sua entrata in servizio, la spesa per riscaldare un’abitazione di 100 metri quadri fosse di 2000 euro l’anno, ora calata a 840 euro. …

Leggi tutto…