Regione Sicilia: reperiti i fondi per l’acquedotto di Scillato


Svolta per l’acquedotto di Scillato, una delle principali infrastrutture che garantisce l’approvvigionamento idrico di Palermo con l’acqua proveniente dalla sorgente delle Madonie. Regione Sicilia finanzia infatti con 4,3 milioni di euro, che andranno a sommarsi a 1 milione di euro messo a disposizione da Amap, il gestore del servizio idrico, la realizzazione della nuova condotta che permetterà di portare più acqua in città.
Un tratto della dorsale, infatti, si è rotto nel 2009 a causa di una frana e da allora non è stato più riparato. Amap, pur non essendo proprietaria delle strutture, lo scorso anno si è attivata, realizzando un by-pass. Soluzione comunque insufficiente, in quanto consente di sfruttare solo in parte la sorgente madonita, circa 450-500 litri al secondo, a fronte di una portata media di 650, con punte che possono arrivare fino a 1.100 litri al secondo.
Il progetto di un nuovo bypass, con la realizzazione di una condotta definitiva e più grande di quella attuale, in un tratto compreso tra i comuni di Cerda e Termini Imerese, risolverebbe il problema, garantendo un flusso di acqua in grado di soddisfare fino a un terzo del fabbisogno cittadino, per altro con una risorsa idrica di alta qualità che necessita di pochi o nulli interventi di purificazione.
Progetto inserito fra quelli urgenti previste dal Decreto di commissariamento per l’emergenza idrica, ma che ancora non aveva visto l’avvio dei lavori per mancanza di fondi. Fondi che finalmente ora sono arrivati, grazie ancora ad Amap, che ha risposto all’appello del Comune di Palermo che aveva chiesto alla utility di anticipare il cofinanziamento di un milione di euro alla Regione, cifra pari a circa un quinto del costo totale dei lavori.
La disponibilità dei fondi permetterà alla struttura del Commissario straordinario per l’emergenza idrica in provincia di Palermo, che ha provveduto all’approvazione del progetto, la celebrazione della gara entro fine dicembre.


Leggi anche

Aggiudicato all’impresa cagliaritana InCo il maxi appalto per l’efficientamento delle reti di distribuzione a servizio dei comuni di Sorso, Sennori, Valledoria, Santa Maria Coghinas, Tergu e Viddalba. L’opera del valore di 3,6 milioni di euro prevede la sostituzione di oltre 15 chilometri delle vecchie condotte di distribuzione, ormai ammalorate, e il rifacimento degli allacci d’utenza…

Leggi tutto…

La multiutility di Mantova lo scorso anno ha registrato la miglior performance di sempre, con il valore della produzione schizzato a 276,4 milioni di euro e utili per 17,5 milioni, come attestato dal bilancio 2018, appena approvato dall’assemblea dei soci. Presentato anche il nuovo Piano industriale 2019-2023 con investimenti previsti per 250 milioni di euro, con un particolare impegno sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione delle infrastrutture …

Leggi tutto…

Siglato dal Comune di Roma, Regione Lazio e dalla multiutility capitolina il disciplinare che rinnova fino al 2031 ad Acea Ato 2 la concessione della gestione dell’infrastruttura, che garantisce l’approvvigionamento della Capitale. Un passaggio propedeutico alla realizzazione della seconda linea dell’acquedotto, indispensabile per mettere Roma e diversi comuni della regione al riparo dalle crisi idriche …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…