Regione Sicilia: reperiti i fondi per l’acquedotto di Scillato


Svolta per l’acquedotto di Scillato, una delle principali infrastrutture che garantisce l’approvvigionamento idrico di Palermo con l’acqua proveniente dalla sorgente delle Madonie. Regione Sicilia finanzia infatti con 4,3 milioni di euro, che andranno a sommarsi a 1 milione di euro messo a disposizione da Amap, il gestore del servizio idrico, la realizzazione della nuova condotta che permetterà di portare più acqua in città.
Un tratto della dorsale, infatti, si è rotto nel 2009 a causa di una frana e da allora non è stato più riparato. Amap, pur non essendo proprietaria delle strutture, lo scorso anno si è attivata, realizzando un by-pass. Soluzione comunque insufficiente, in quanto consente di sfruttare solo in parte la sorgente madonita, circa 450-500 litri al secondo, a fronte di una portata media di 650, con punte che possono arrivare fino a 1.100 litri al secondo.
Il progetto di un nuovo bypass, con la realizzazione di una condotta definitiva e più grande di quella attuale, in un tratto compreso tra i comuni di Cerda e Termini Imerese, risolverebbe il problema, garantendo un flusso di acqua in grado di soddisfare fino a un terzo del fabbisogno cittadino, per altro con una risorsa idrica di alta qualità che necessita di pochi o nulli interventi di purificazione.
Progetto inserito fra quelli urgenti previste dal Decreto di commissariamento per l’emergenza idrica, ma che ancora non aveva visto l’avvio dei lavori per mancanza di fondi. Fondi che finalmente ora sono arrivati, grazie ancora ad Amap, che ha risposto all’appello del Comune di Palermo che aveva chiesto alla utility di anticipare il cofinanziamento di un milione di euro alla Regione, cifra pari a circa un quinto del costo totale dei lavori.
La disponibilità dei fondi permetterà alla struttura del Commissario straordinario per l’emergenza idrica in provincia di Palermo, che ha provveduto all’approvazione del progetto, la celebrazione della gara entro fine dicembre.


Leggi anche

Al lavoro nel depuratore di Lecce, impianto tra le eccellenze nazionali, il piccolo robot si occupa della rimozione dei fanghi di depurazione dalle vasche di accumulo. Dotato di cingoli, lungo circa 2 metri, è in grado di muovere una grande quantità di materiale consentendo ai mezzi per lo smaltimento dei fanghi di operare a pieno regime…

Leggi tutto…

L’opera garantirà l’approvvigionamento idrico dei comuni di Commessaggio e Sabbioneta, in provincia di Mantova, ancora privi di acquedotto. I lavori prevedono la posa di oltre 8 chilometri di condotte in ghisa sferoidale e costituiscono il prolungamento dell’adduttrice di Campitello di Marcaria, collegando lo schema acquedottistico di Mantova con l’area del Viadanese …

Leggi tutto…

L’innovativa soluzione integrata, che è stata presentata durante due seminari in Sicilia nei comuni di Pozzallo e Giarre a dirigenti pubblici, assessori e a gestori privati degli acquedotti, coniuga i software gestionali e web di Sikuel alle soluzioni tecnologiche di telelettura di APKAPPA, completando l’offerta con il servizio di riscossione coattiva di Maggioli Tributi….

Leggi tutto…

Si chiama WaLoRe il programma messo a punto dai tecnici del gestore idrico lucano per migliorare la gestione della ricerca delle perdite idriche, aiutando a utilizzare al meglio le risorse per la manutenzione delle condotte. Uno strumento con il quale l’azienda ha effettuato negli ultimi sei mesi dello scorso anno oltre 1200 interventi con ottimi risultati …

Leggi tutto…

In occasione del convegno “L’industria che verrà. Sensibile, resiliente, capace di innovare. Come cambia il panorama industriale di fronte ai nuovi scenari economici, sociali, tecnologici e ambientali”, Gruppo CAP presenta un ambizioso piano che guarda al 2033, per far fronte alle sfide dei cambiamenti globali secondo tre aree di intervento per rispondere concretamente alle sfide di sostenibilità attuali e future….

Leggi tutto…