Regolazione e gestione attiva delle pressioni nella rete idrica di Roma. I casi studio dei distretti di Valle Fiorita, Settebagni, Labaro e Cecchina-Fidene

 


Alberto Trotta, Michele Giglioni – ACEA ATO2
Luca Falcomer – Idrostudi

 

Il processo di distrettualizzazione della rete idrica di distribuzione e la sua conseguente ingegnerizzazione, hanno permesso negli ultimi anni una misura, sempre più capillare, dei livelli di servizio.

Grazie ad una costellazione di oltre 2.500 sensori dedicati alla rilevazione dei parametri idraulici di esercizio, oggi si ha la possibilità di controllare i carichi piezometrici e le pressioni di rete effettive e conseguentemente individuare, su tutto il territorio gestito da ACEA ATO2 SpA, zone con livelli residui ottimizzabili.

L’attività di pressure management condotta sull’ambito metropolitano di Roma in particolare, sebbene ha considerato quale driver principale l’ottimizzazione della pressione di esercizio, ha comunque avuto un approccio trasversale per rispondere ad un’esigenza contrapposta ovvero il livello minimo di servizio da garantire all’utenza.

Questo aspetto introduce un parametro di complessità ulteriore, se si considerano le tante utenze sensibili presenti nella Capitale. In quest’ottica, il lavoro presentato, mostra da un lato la soluzione tecnologica individuata, ovvero la definizione di uno standard di “nodo di regolazione”, che facendo ricorso alle più avanzate tecnologie è in grado operare nel tempo la più corretta ottimizzazione della pressione sul distretto, analizzando valori di pressione nei punti critici e contestualmente monitorando i consumi, così da intercettare le richieste della rete ed adattare la regolazione alle specifiche necessità. La ricerca continua di innovazione è una prerogativa dell’Azienda e nel caso specifico la creazione di “valore sostenibile” ha avuto un impatto importante sul contenimento delle perdite fisiche, risultando quindi un fattore determinante e concretamente evidente nei risultati operativi e di gestione.

 

 


Leggi anche

La multiutility con Enea e l’Università di Bologna ha sperimentato presso il depuratore di Cesena un innovativo sistema smart che consente di gestire e ottimizzare il riuso delle acque trattate in base alle caratteristiche qualitative e alle esigenze idriche e nutrizionali delle singole colture in campo. Con risultati molto positivi sia in termini di risparmi di acqua e concimi sia di sicurezza dei prodotti, delle colture e del suolo …

Leggi tutto…

Trasformare uno strumento anticorruzione in uno strumento di garanzia di trasparenza e di promozione della sostenibilità. Questo è l’obiettivo che Gruppo CAP, gestore del servizio idrico della Città metropolitana di Milano, si è posto con la revisione del proprio vendor rating, che entro la fine del 2022 diverrà uno strumento di sustainable procurement negli ambiti della legalità, inclusione, contrasto al cambiamento climatico e innovazione….

Leggi tutto…

La Conferenza Esri Italia – svoltasi dal 10 al 13 Maggio 2022 – ha ospitato una sessione dedicata al tema del PNRR a favore del Servizio Idrico Integrato e dell’importante ruolo e compito delle aziende in questo contesto. Guarda ora il replay della sessione con focus su “Servizio Idrico Integrato: Digitalizzazione e Smart Management”. …

Leggi tutto…

Molto positivi i risultati del bilancio di esercizio relativo al 2021, con il valore economico generato pari a 650,8 milioni di euro, con un incremento dell’8% rispetto all’anno precedente e investimenti per circa 223,8 milioni. La quota maggiore di risorse, circa 79,3 milioni, è andata all’acquedotto, seguito da depurazione, 63,7 milioni, e fognature, 62,4 milioni…

Leggi tutto…

L’Assemblea Ordinaria dei Soci di Pavia Acque, riunita in seconda convocazione oggi, 19 luglio 2022, ha approvato il bilancio dell’esercizio 2021, il piano industriale 2022 e ha deliberato la nomina dell’Organo Amministrativo della società…

Leggi tutto…