Report Ispra su depurazione nelle città italiane


Italia sempre nel mirino dell’Unione Europea per il problema del trattamento dei reflui. È di 180 milioni di euro la sanzione che il nostro Paese rischia di accollarsi per le carenze nel campo della depurazione, questione che si trascina ormai da anni. Ma qual è lo stato del comparto? Ad avere un quadro più chiaro della situazione per 116 capoluoghi di provincia dà una mano il rapporto Qualità dell’ambiente urbano, alla sua dodicesima edizione, messo a punto da Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), che al tema delle acque reflue dedica un intero capitolo.
I dati dello studio dicono che il grado di copertura territoriale delle reti fognarie (la direttiva europea impone che per agglomerati con carico generato uguale o superiore a 2.000 abitanti equivalenti sia presente un sistema di raccolta dei reflui) è nel complesso piuttosto elevato in gran parte delle città considerate. Nel 2014 in 51 città la percentuale di acque reflue convogliate in fognatura è risultata pari al 100%, altre 56 hanno invece fatto segnare una copertura tra il 90 e 99%, mentre altre sette si sono collocate tra il 70 e 90%. Fanalini di coda in questa classifica sono Treviso (84%), Pordenone (66%) e Catania (41%).
Ma Catania è anche la città che presenta la più alta percentuale di sistemi individuali, pari al 50%, ovvero sistemi alternativi ai bacini fognari ammessi purché abbiano la stessa validità della rete fognaria ordinaria e siano limitati a situazioni dove la realizzazione della fognatura non sia giustificata da effettivi vantaggi ambientali o perché eccessivamente costosa. Dietro Catania, troviamo altre città della Sicilia, Palermo e Messina, e Pordenone al 33%, mentre la presenza di sistemi individuali è superiore al 2% in almeno altri 29 capoluoghi.
Ci sono però anche città che presentano scarichi non collettati, ovvero non connessi ad alcun tipo di rete fognaria e impianti di depurazione. In primato negativo, in questo caso, spetta a un’altra città del Sud, Cosenza, dove il 15% delle acque reflue non è convogliato al depuratore, seguita ancora da Catania (9%) e Pisa (8%).
Infine, resta da vedere la percentuale di reflui depurati dai sistemi di trattamento. La ricerca presenta numeri incoraggianti, con 81 città che hanno livelli di acque depurate superiori al 95%, delle quali 65 raggiungono il 100%.
Di contro, abbiamo capoluoghi dove tale livello è molto basso: tra questi Benevento, con solo il 17%, Catania (21%), Agrigento (47%), Lecce (62%) e Pordenone (66%).


Leggi anche

Infrastrutture, sostenibilità e innovazione al centro del documento, presentato a Grosseto nella sede del gestore idrico dell’Ato 6 Toscana. Insieme al potenziamento di reti e impianti previsto un forte impegno nella digitalizzazione dei servizi, alla quale è destinato l’11% del budget, con l’installazione di 130.000 smart meter, nella riduzione dei fanghi di depurazione e nello sviluppo di progetti di economia circolare…

Leggi tutto…

Ammonta a 6 milioni di euro l’investimento previsto per potenziare la rete di raccolta dei reflui a servizio della località balneare toscana. Un progetto che consentirà di evitare i potenziali rischi di sversamento delle acque nere nella Gora, il piccolo fiume che attraversa la cittadina il cui mare si fregia della Bandiera Blu. A marzo la pubblicazione del bando…

Leggi tutto…

L’azienda che gestisce il servizio idrico nella città di Messina ha presentato al ministero dell’Ambiente il piano di opere, con la richiesta di finanziamento. Questo prevede interventi per oltre 50 milioni per le reti di approvvigionamento e distribuzione dell’acqua potabile e il resto per fognature e depurazione. Tra questi ultimi la realizzazione dell’impianto Tono, da 40 milioni di euro…

Leggi tutto…

Gli interventi del valore complessivo di 3,2 milioni di euro interesseranno i comuni di Martignano e Nardò, in provincia di Lecce. A Martignano saranno posati 7,5 chilometri di nuovi tronchi fognari e sarà prolungata una condotta di distribuzione dell’acqua. A Nardò saranno completate le reti idriche e fognarie a servizio della frazione di Pagani, con la realizzazione di, rispettivamente, 3,5 e 3 chilometri di tubazioni …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…