Riaprire i Navigli a Milano: sono pronti i risultati della ricerca


Dopo tante discussioni e dibattiti sulla fattibilità generale del progetto, sulla opportunità di aprirlo integralmente o solo per piccole tratte, si delinea oggi nuovo orizzonte che pone l’attenzione sui vantaggi economici, occupazionali, sociali, territoriali e ambientali connessi alla riapertura dei Navigli. Queste le tematiche oggetto della presentazione dei risultati della Ricerca Progetto Territoriale Fondazione Cariplo.
“Verrà dimostrato con assoluta certezza, e forse persino per difetto, che riaprire i Navigli non è un costo, ma un investimento pubblico e sociale per tutta la città di Milano e tutta la Lombardia. Un’opera che produrrà in molti settori guadagni molto superiore al doppio del costo dell’investimento”. Queste le dichiarazioni di Roberto Biscardini, Presidente Associazione Riaprire i Navigli.
L’analisi degli impatti socioeconomici, in termini di generazione di maggiore reddito diffuso e di creazione di nuova occupazione, e l’analisi costi-benefici hanno infatti evidenziato come l’intervento di riapertura integrale dei Navigli costituisca un importante investimento in favore dello sviluppo economico e sociale del territorio milanese.
Il tema della fattibilità finanziaria, alla base dello studio, al pari della parte riguardante le possibili trasformazioni territoriali, è stata condotta prendendo in considerazione un orizzonte temporale di 30 anni (4 per la realizzazione dell’opera e 26 di gestione della stessa). Sulla base di queste ipotesi sono stati ricalcolati i costi totali dell’investimento che sono risultati essere sufficientemente modesti ed anche inferiori rispetto a quelli finora comunicati. Così pure sono stati stimati i costi di gestione/manutenzione dell’opera. Lo studio ha altresì evidenziato tutta una serie di possibili cespiti o risparmi per il Comune di Milano che possono contribuire in misura significativa alla copertura dei costi di investimento e di gestione. Lo studio si è quindi focalizzato sull’individuazione delle possibili opzioni e soluzioni innovative per il finanziamento di quest’opera, anche alla luce di analoghe esperienze a livello internazionale.
La riapertura del Naviglio non dovrà essere la ricostruzione nostalgica di un paesaggio che non c’è più, bensì la costruzione di un nuovo paesaggio che qualificherà Milano verso un’ulteriore modernità. Infatti, i Navigli riaperti non solo trasformeranno il paesaggio del centro insieme a quello di tutta la città, ma rivoluzionerà l’ambiente e l’economia della città impostando un nuovo paradigma di vita civile.
Scopri il programma: https://www.riaprireinavigli.it/il-programma-dettagliato-dellincontro-del-28-novembre-n-485.html

 


Leggi anche

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…

Mancano gli ultimi dettagli al progetto esecutivo per la realizzazione della rete idrica e fognaria, rispettivamente, per un’estensione di 7 e 8 chilometri, a servizio del quartiere che sorge nell’estrema periferia Ovest della Capitale. Un’opera del valore complessivo di 8,5 milioni di euro, attesa da tempo e della quale beneficeranno circa 120 utenze, che sarà messa a gara il prossimo settembre. …

Leggi tutto…

Presentato dall’AD Piero Ferrari, il nuovo piano punta a migliorare le infrastrutture dei 55 comuni gestiti e l’efficienza operativa attraverso la digitalizzazione dei processi. Una bella fetta di risorse sarà destinata all’ottimizzazione dei distretti idrici e alla riduzione e valorizzazione dei fanghi di depurazione …

Leggi tutto…

Concluso ed entrato in servizio un nuovo tratto di infrastruttura che il gestore idrico sardo ha realizzato in piazza Sacro Cuore. Un chilometro di condotte in ghisa sferoidale posate in sostituzione della rete esistente, costituita da tubi in acciaio e in ferro ormai gravemente ammalorati. L’intervento è parte dell’ampio piano di efficientamento e ingegnerizzazione che interessa l’intera rete cittadina …

Leggi tutto…