Riaprire i Navigli a Milano: sono pronti i risultati della ricerca


Dopo tante discussioni e dibattiti sulla fattibilità generale del progetto, sulla opportunità di aprirlo integralmente o solo per piccole tratte, si delinea oggi nuovo orizzonte che pone l’attenzione sui vantaggi economici, occupazionali, sociali, territoriali e ambientali connessi alla riapertura dei Navigli. Queste le tematiche oggetto della presentazione dei risultati della Ricerca Progetto Territoriale Fondazione Cariplo.
“Verrà dimostrato con assoluta certezza, e forse persino per difetto, che riaprire i Navigli non è un costo, ma un investimento pubblico e sociale per tutta la città di Milano e tutta la Lombardia. Un’opera che produrrà in molti settori guadagni molto superiore al doppio del costo dell’investimento”. Queste le dichiarazioni di Roberto Biscardini, Presidente Associazione Riaprire i Navigli.
L’analisi degli impatti socioeconomici, in termini di generazione di maggiore reddito diffuso e di creazione di nuova occupazione, e l’analisi costi-benefici hanno infatti evidenziato come l’intervento di riapertura integrale dei Navigli costituisca un importante investimento in favore dello sviluppo economico e sociale del territorio milanese.
Il tema della fattibilità finanziaria, alla base dello studio, al pari della parte riguardante le possibili trasformazioni territoriali, è stata condotta prendendo in considerazione un orizzonte temporale di 30 anni (4 per la realizzazione dell’opera e 26 di gestione della stessa). Sulla base di queste ipotesi sono stati ricalcolati i costi totali dell’investimento che sono risultati essere sufficientemente modesti ed anche inferiori rispetto a quelli finora comunicati. Così pure sono stati stimati i costi di gestione/manutenzione dell’opera. Lo studio ha altresì evidenziato tutta una serie di possibili cespiti o risparmi per il Comune di Milano che possono contribuire in misura significativa alla copertura dei costi di investimento e di gestione. Lo studio si è quindi focalizzato sull’individuazione delle possibili opzioni e soluzioni innovative per il finanziamento di quest’opera, anche alla luce di analoghe esperienze a livello internazionale.
La riapertura del Naviglio non dovrà essere la ricostruzione nostalgica di un paesaggio che non c’è più, bensì la costruzione di un nuovo paesaggio che qualificherà Milano verso un’ulteriore modernità. Infatti, i Navigli riaperti non solo trasformeranno il paesaggio del centro insieme a quello di tutta la città, ma rivoluzionerà l’ambiente e l’economia della città impostando un nuovo paradigma di vita civile.
Scopri il programma: https://www.riaprireinavigli.it/il-programma-dettagliato-dellincontro-del-28-novembre-n-485.html

 


Leggi anche

Hai un progetto in grado di valorizzare le risorse idriche migliorando i processi di gestione, distribuzione e qualità dell’acqua? Allora puoi prendere parte alla Call for Ideas legata al programma #waterevolution Innovate H2O. Le startup selezionate avranno la possibilità di utilizzare per 6 mesi le strutture e le competenze del Centro Ricerche di Gruppo CAP e la mentorship di Seeds&Chips….

Leggi tutto…

Nata a dicembre dello scorso anno dalla fusione di Cvs e Polesine Acque, l’azienda, che gestisce il servizio idrico in 108 comuni veneti, ha centrato tutti gli obiettivi prefissati. Ridotte le tariffe alle utenze del 2%, mentre sono 172 le opere avviate con investimenti per 70 milioni di euro, destinati principalmente alla soluzione del problema Pfas, alla riduzione delle perdite di rete e alla costruzione di nuovi sistemi fognari …

Leggi tutto…

La realizzazione di nuovo comparto di dissabbiatura e il potenziamento dell’attuale stazione di ricezione dei rifiuti liquidi sono i principali interventi dei lavori di ammodernamento dell’impianto di depurazione che sorge in località Vangadizza. Una struttura che serve 44.000 abitanti equivalenti e che mostrava criticità dovute agli anni e al sottodimensionamento …

Leggi tutto…

“Una rete per fare impresa”. Questo il titolo dei Seminari IWS realizzati il 17 e 18 ottobre 2018 in occasione dell’ultima edizione di H2O a Bologna. L’iniziativa ha coinvolto utilities, ricercatori, ingegneri, tecnici e progettisti, registrando una grande affluenza di pubblico specializzato….

Leggi tutto…

Dopo la sperimentazione sulle reti fognarie, prima applicazione su condotte interrate in Europa, il gestore del servizio idrico di Milano estende l’impiego della piattaforma spaziale europea Copernicus anche alla rete idrica. Il sistema utilizza due satelliti progettati dall’Esa che verificano ogni 20 giorni gli spostamenti millimetrici della carreggiata stradale al di sopra delle infrastrutture, generando in caso di anomalie allarmi direttamente sul Gis di MM…

Leggi tutto…