Ricerca, Economia Circolare e simbiosi industriale: a Ecomondo 2019 Gruppo CAP presenta la Biopiattaforma di Sesto San Giovanni

 

Dalla piattaforma di sperimentazione avanzata PerFORM Water 2030 alla Biopiattaforma di Sesto San Giovanni, dal riutilizzo delle acque depurate in agricoltura alla riconversione dei fanghi di depurazione in energia, passando per gli interventi sulla buona governance delle water utilities.

Sono 19 gli appuntamenti che mettono le best practice di Gruppo CAP al centro dei grandi temi che verranno affrontati dal 5 all’8 novembre a Ecomondo 2019, la fiera internazionale di riferimento nella green e circular economy, giunta quest’anno alla sua ventitreesima edizione, che riunisce i player strategici nel settore della sostenibilità e dell’ambiente.

Tra i protagonisti c’è senz’altro il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano che fornisce ogni anno a 2,2 milioni di cittadini 200 milioni di metri cubi di acqua e che sul territorio dell’hinterland milanese ha sviluppato attività di ricerca e sperimentazione avanzate con la logica della simbiosi industriale e dell’economia circolare. Emblematico in tal senso il progetto della Biopiattaforma di Sesto San Giovanni, vero filo conduttore della presenza di Gruppo CAP a Ecomondo 2019.

Il progetto, unico in Italia, unirà termovalorizzatore e depuratore in un polo green e carbon neutral (zero emissioni di Co2), per trasformare i fanghi da depurazione in energia pulita e fertilizzanti, e la FORSU in biometano. Ora in fase di realizzazione, il progetto ha visto il coinvolgimento diretto della cittadinanza e delle istituzioni grazie a un processo partecipativo. Sarà proprio Biopiattaforma lo spunto di partenza per la discussione che si svilupperà in piazza delle Utilities l’8 novembre: gestori, istituzioni locali e nazionali e i più importanti player del settore saranno riuniti per ragionare del ruolo dei termovalorizzatori nella transizione green delle politiche ambientali, in un’ottica di simbiosi industriali fra settori differenti. “Quest’anno a Ecomondo portiamo un progetto unico nel panorama nazionale, che rappresenta una risposta concreta ad alcune delle sfide più importanti nel nostro settore: lo smaltimento dei fanghi di depurazione e più in generale dei rifiuti, la gestione delle acque depurate in ottica di economia circolare, la modernizzazione degli impianti in linea con le esigenze di sviluppo sostenibile dei nostri territori, afferma Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. È un approccio sistemico e virtuoso di come possano essere gestite le smart city, città sempre più tecnologiche e attente al benessere e ai servizi dei cittadini”.

Ecomondo sarà il palcoscenico perfetto per illustrare anche molti altri progetti e attività che testimoniano l’impegno di Gruppo CAP nella ricerca e nell’innovazione. A partire da PerFORM WATER  2030, prima piattaforma di ricerca che aggrega 7 aziende, 2 atenei e un centro ricerche, che proprio nelle sedi di depurazione distribuite nel territorio della Città metropolitana di Milano sta affrontando studi e sperimentazioni avanzate, che vanno dai microinquinanti all’idroponica, fino allo studio di sistemi più innovativi per la depurazione delle acque.

Sarà sempre il presidente Alessandro Russo a disegnare, martedì 5 novembre, il quadro dei dati nazionali sui fanghi di depurazione (piazza delle Utilities) e a portare giovedì 7 (sala Noce) la testimonianza dei progetti di simbiosi industriale in atto, partendo dall’accordo con Novamont, siglato proprio lo scorso nella precedente edizione di Ecomondo.

Michele Falcone, direttore generale di Gruppo CAP, sempre martedì 5 illustrerà come il tema di una governance industriale delle utilities sia il presupposto per ottenere risultati in termini di performance ambientali, economiche e tecnologiche. L’appuntamento è al polo fieristico di Rimini, dove lo stand di Gruppo CAP (Padiglione D2, stand 24) quest’anno ospiterà ricercatori, scienziati, esperti del settore per seminari, incontri e dibattiti aperti a tutti i partecipanti. Per il programma completo di tutte le iniziative di Gruppo CAP a Ecomondo: https://bit.ly/33ddv4Y


Leggi anche

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Lo rivela la nuova edizione dello studio realizzato da Guidehouse per Gas for Climate, il consorzio europeo costituito da 12 realtà attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi, tra le quali Snam e Consorzio italiano biogas. In base allo studio, l’immissione nelle reti europee di almeno il 10% tra biogas e bioidrogeno, combinato con l’aumento di elettricità da fonti green, permetterebbe di abbattere del 55% le emissioni di CO2 entro il 2030, con importanti risvolti economici e occupazionali…

Leggi tutto…

La utility pubblica ha messo in campo con effetto immediato misure concrete per offrire pagamenti anticipati ai fornitori, posticipi delle bollette per gli utenti e il potenziamento dei servizi online e telefonici, garantendo i servizi pubblici essenziali. Gruppo CAP entra anche virtualmente nelle case dei cittadini e dei suoi dipendenti con il ricco calendario di attività di #acasaconcap, pensate per rendere più piacevoli le ore trascorse in casa….

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…

Lo sfruttamento del biogas e del biometano, la promozione della mobilità sostenibile alimentata a gas, lo sviluppo dell’idrogeno, sono alcuni dei temi al centro dell’accordo di collaborazione siglato a Roma tra il nostro gestore della rete di trasporto e l’azienda energetica della Repubblica dell’Azerbaigian, entrambe già socie nel progetto Tap …

Leggi tutto…