Ricerca perdite idriche: la rivoluzione arriva dal satellite


In Italia tutto è cominciato nel 2016 con il Gruppo Hera, che ha sperimentato la tecnologia satellitare brevettata dalla start up israeliana Utilis per verificare le perdite idriche sulla rete di Ferrara. I buoni risultati ottenuti convinsero la multiutility emiliana ad adottare questo sistema per prelocalizzare le perdite lungo tutti gli oltre 27.000 km gestiti della propria rete.

Al Gruppo Hera si sono via via aggiunte le principali water utilities italiane, grazie anche all’attività sviluppata 2f Water Venture srl, diventata nel frattempo partner e distributore esclusivo di Utilis per il mercato italiano. Nel 2017 e nei primi mesi del 2018 hanno utilizzato con successo questa tecnologia: SMAT Torino, Metropolitana Milanese, Gruppo CAP, Padania Acque, Tea Acque Mantova, Ingegnerie Toscane, Piave Servizi, AcegasAPSAMGA Padova e Trieste, Acque Bresciane.
La tecnologia adottata da Utilis prevede 4 passaggi

Nel primo si acquisisce l’immagine grezza proveniente da un satellite a 637 km dalla terra con l’utilizzo della tecnologia radar in base all’area di interesse fornita dal cliente.

Nel secondo Utilis seleziona le immagini grezze e le prepara per l’analisi algoritmica eliminando i disturbi (causati da edifici, vegetazione e sistemi idrici in genere) grazie all’utilizzo di particolari filtri.
Utlis utilizza quindi l’analisi algoritmica avanzata per “marcare ed enfatizzare” la presenza di acqua potabile sul terreno in prossimità delle tubazioni dell’acquedotto.

Infine c’è la fase di consegna al cliente di supporti GIS e schede monografiche, in cui sono evidenziate le perdite sospette con colori diversi in funzione della gravità.
 

sequenza-di-attivita-per-il-rilevamento-satellitare-delle-perdite-degli-acquedotti-copia
Didascalia: Sequenza di attività per il rilevamento satellitare delle perdite degli acquedotti

L’attività di verifica sul campo

Ottenuti i risultati della prelocalizzazione perdite forniti da Utilis entra in campo la squadra dei geofoni che, nel caso di Acque Bresciane, in soli 26 giorni ha verificato tutte le 88 perdite sospette trovate lungo i 701 km della rete idrica gestita.
 

19112086-e837-46b7-bc7d-ce8007d4d7ce-originalffc19d64-e8f4-4745-9f69-2ab8bee9a634-original
“La verifica sul campo – eseguita dal team interno di Acque Bresciane – è stata particolarmente professionale. Il loro approccio, nonostante abbia portato a volte a verificare un solo buffer (il cerchio evidenziato nelle immagini) al giorno – spiega l’ing. Cristina Scarpel, Product Manager 2f Water Venture, che ha seguito direttamente l’attività di verifica – ha portato a buoni risultati: il dato del 48% di perdite trovate, ovvero 42 sulle 88 prelocalizzate, è stato molto positivo considerando che è stato ottenuto in 26 giorni di verifica sul campo”.
copia-di-report-acque-bresciane

Leggi anche

Il gestore idrico delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia ha chiuso il contratto di finanziamento che porterà nelle sue casse le risorse necessarie per realizzare il Piano di interventi al 2022, che comprende lavori per 112 milioni sulle reti acquedottistiche e fognarie e sui depuratori. All’operazione, oltre alle 7 banche che si sono aggiudicate il bando, partecipano anche la Bei e Cassa depositi e prestiti…

Leggi tutto…

Presentarsi insieme sotto un’unica insegna, quella della rete d’impresa IWS – Integrated Watercare Solutions, è stata la scelta di B. M. Tecnologie Industriali srl, 2f Water Venture, ETC srl, ID&A srl, Idrostudi srl e TAE srl, che compongono la rete, in riferimento alla partecipazione ad Accadueo 2018 (Bologna, 17-19 Ottobre), uno degli appuntamenti più importanti dell’anno per il mercato italiano delle water utilities….

Leggi tutto…

Secondo i più recenti dati ISTAT, lo stato di salute dei 500 mila km di rete in cui scorre l’acqua potabile in Italia è molto precario. Con riferimento al 2015, infatti, ben il 41,4% dell’acqua potabile immessa nei tubi non è arrivata ai rubinetti. Uno spreco stimato nell’ordine di 3,45 miliardi di metri cubi di acqua all’anno per un danno economico di circa 4 miliardi di euro….

Leggi tutto…

La gestione della rete idrica in Calabria è a un punto di svolta. La Regione Calabria ha infatti promosso e cofinanziato, tramite fondi POR, l’ingegnerizzazione delle reti idriche che sta interessando in questi mesi la città di Catanzaro e, prossimamente, riguarderà anche Crotone e Vibo Valentia. …

Leggi tutto…

Il caso presentato riguarda le città di Padova e Trieste, per un’attività che è stata avviata nel 2013 dalla multiutility AcegasApsAmga S.p.A. e ha coinvolto le aziende della rete d’impresa IWS con la realizzazione di 250 distretti e l’installazione di oltre 300 misuratori di portata e pressione autoalimentati a batteria con invio dati. La distrettualizzazione ha permesso ad AcegasApsAmga di risparmiare 6 miliardi di litri d’acqua nel 2017.

Leggi tutto…