Riparazione meccanica di 500 giunti di collettore DN 1700 mm dell’acquedotto campano

 

 
   


Stefano Dini – Idroambiente

Attività di risanamento del primo sifone del collettore per acqua potabile di Acqua Campania con tecnologia AMEX
L’intervento racconterà del risanamento interno di 500 giunti di due tubazioni parallele DN 1700 mm del collettore in tubi Vianini posati negli anni ‘60 con pressione di esercizio fino a 6 Bar. Successivamente all’intervento durato 45 giorni, sono state eliminate le perdite per un totale di 200 litri/secondo. 

 

Scopri il programma ed iscriviti cliccando qui

 


Leggi anche

I lavori riguardano il rifacimento della condotta acquedottistica situata in località Agugliana. Il progetto iniziale interessava un tratto di 2,5 chilometri, che è stato esteso di ulteriori 1,5 chilometri, grazie al risparmio sui costi dell’intervento in fase di gara. Compreso nell’opera, per un costo complessivo di 750.000 euro, anche l’ampliamento di un serbatoio …

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Brescia ha presentato il progetto messo a punto per potenziare le infrastrutture della capitale della Franciacorta: 7 milioni di investimenti e due anni di lavoro per estendere la rete fognaria in tutte le frazioni, dove vive circa un terzo dei residenti, e rinnovare l’acquedotto nel centro storico…

Leggi tutto…

I bandi riguardano il potenziamento delle reti idriche e fognarie e degli impianti di depurazione; prevedono, inoltre, investimenti in innovazione. Tra gli interventi più significativi il progetto Smart Meter, con i primi 240.000 misuratori da installare nelle province di Taranto e Brindisi, per un importo a base d’asta di 21,2 milioni di euro, e i lavori di manutenzione straordinaria all’impianto di sollevamento fogna di Torre del Diavolo, alla periferia Sud di Bari …

Leggi tutto…

Cinque incontri organizzati da Water Alliance-Acque di Lombardia e ANCI Lombardia, per tracciare una strategia condivisa sul futuro dell’oro blu insieme ad ARERA, Regione Lombardia, Istituto Superiore di Sanità e tutti i principali stakeholder del settore…

Leggi tutto…

La tecnica, di origine israeliana, consente di sigillare le perdite nelle reti idriche evitando scavi, attraverso l’inserimento nelle tubazioni di un Pig Train, un sistema brevettato e composto da due elementi semi-fluidi: un gel (il Pig) e una sostanza sigillante di origine alimentare che può chiudere perdite fino a 3000 litri/ora. L’intervento è stato eseguito a Introbio, su un tratto di oltre 300 m …

Leggi tutto…