Risanamento di una condotta in Acciaio DN 300 dell’Acquedotto, di approvvigionamento strategico per la Repubblica di San Marino, con tecnologia “Hose Lining” e metodologia “No-dig”

 

   

Oscar Mina – AASS Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici, Repubblica di San Marino
Marco Cappello – In.Te.Co. Srl


In premessa è bene precisare che la Tecnologia “Hose lining” adottata  per risanare questo tipo di condotta di adduzione, ovvero di sollevamento (da serbatoio a serbatoio) priva di derivazioni di singoli allacciamenti lungo il suo percorso, è stata a lungo valutata soprattutto per le difficoltà oggettive del percorso (mantenimento della viabilità locale), per il dislivello altimetrico da considerare di circa 110 m. s.l.m su 900 m di lunghezza, adottando una modalità di riparazione che fosse meno invasiva possibile, tale da garantire la tenuta idraulica e nel contempo anche strutturale della condotta stessa, ed infine nell’ottica del contenimento dei costi e nella massimizzazione della resa del prodotto su base temporale.

Si precisa che la condotta oggetto dell’appalto di risanamento è una condotta del diametro nominale DN 300 di sollevamento con diametro esterno di 323,9 mm ed interno di 307,9 priva di derivazioni, con un percorso in parte lineare ed in parte con alcune angolazioni max di 45°, con una pressione di esercizio di 9 – 10 bar.

Fermo restando l’orientamento di scelta sulla tecnologia “Hose – lining” (adozione di tubo guaina di rivestimento), con la conseguente metodologia del “no-dig / trencheless” (senza scavi o trincee … ), è stata orientata sull’adozione di una calza in Polietilene armata con maglia di fibre aramidiche tipo Kevlar ad alta resistenza meccanica, con la modalità procedurale appaltata relativa alla fornitura e posa in opera, collaudi, ecc …, totalmente a carico dell’impresa appaltatrice, ad esclusione dell’esecuzione delle buche di lancio, sezionamenti della tubazione, saldature delle flange dei giunti antisfilamento di accoppiamento, e le opere finale di ripristino delle buche stesse lungo l’asse stradale, opere realizzate con le maestranze delle imprese appaltatrici per conto dell’Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici.

Prima della realizzazione dell’opera, da un punto di vista analitico, ovvero di un analisi economica sommaria abbiamo potuto constatare che i soli costi tradizionali di posa di una condotta in acciaio DN 300 compreso gli oneri di scavo, inerti, ripristini stradali, ecc …, rispetto ad un’opera utilizzando la tecnologia prescelta, presentavano una evidente differenza sostanziale di oneri effettivi che ci ha portato a prendere questa decisione e formalizzare l’assegnazione dell’opera alla ditta vincitrice dell’appalto. 

E’ inutile ribadire che i costi che l’Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici di San Marino ha sostenuto, tenendo conto della tempistica di realizzo, l’indotto gestionale del post opera, nonché del successivo ripristino del servizio, siano stati sicuramente ottimizzati e confermati soprattutto in termine di affidabilità dei materiali utilizzati e nella riduzione degli interventi di riparazione della rete stessa DN 300, nonché nella riduzione dei costi di gestione dell’impianto di protezione catodica (essendo il tratto escluso dall’impianto ) consentendo un miglior equilibrio della corrente impressa con la riduzione dell’assorbimento che si era generato, a protezione della rete dell’acquedotto in termini più generali , ed infine colmare il “gap” economico conseguente dei costi energetici relativi all’acqua sollevata rispetto a quella distribuita, (consentendo anche evidenti riduzione di fenomeni di avvio ed interruzione dei gruppi di sollevamento sulla rete dovuto a problemi di depressione) e del conseguente recupero del ricavo dovuto alla vendita. 

 

 

Scopri il programma ed iscriviti cliccando qui

 


Leggi anche

La multiutility con sede a Mirandola si appresta ad aprire il cantiere per sostituire un tratto di 650 m di collettore fognario sotto la tangenziale Lusi, posato a oltre 4 metri di profondità. L’intervento verrà eseguito con la tecnica del pipe bursting, in modo da non bloccare la circolazione stradale, con una spesa di circa 1,3 milioni di euro …

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…

Una classe dell’Istituto per Tecnici Geometri Mosè Bianchi di Monza ha visitato il cantiere di Seregno dove il gestore del servizio idrico dei comuni della provincia di Monza e Brianza sta portando avanti la riqualificazione di un tratto di 2,5 km di collettore fognario con la tecnica del relining. Un’iniziativa parte della collaborazione tra l’istituto e il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza per far conoscere ai progettisti di domani le tecnologie trenchless…

Leggi tutto…

A metà marzo Legambiente aveva segnalato la presenza di rivoli maleodoranti lungo un tratto della rete che scorre lungo le sponde del fiume Lambro, nel cuore della città. Dopo una campagna di video ispezioni ad hoc, il gestore ha deciso di intervenire sulle condotte ammalorate, riqualificandole con la tecnica del relining, per ripristinarne la piena funzionalità idraulica e strutturale …

Leggi tutto…