Risanamento di una condotta in Acciaio DN 300 dell’Acquedotto, di approvvigionamento strategico per la Repubblica di San Marino, con tecnologia “Hose Lining” e metodologia “No-dig”

 

   

Oscar Mina – AASS Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici, Repubblica di San Marino
Marco Cappello – In.Te.Co. Srl


In premessa è bene precisare che la Tecnologia “Hose lining” adottata  per risanare questo tipo di condotta di adduzione, ovvero di sollevamento (da serbatoio a serbatoio) priva di derivazioni di singoli allacciamenti lungo il suo percorso, è stata a lungo valutata soprattutto per le difficoltà oggettive del percorso (mantenimento della viabilità locale), per il dislivello altimetrico da considerare di circa 110 m. s.l.m su 900 m di lunghezza, adottando una modalità di riparazione che fosse meno invasiva possibile, tale da garantire la tenuta idraulica e nel contempo anche strutturale della condotta stessa, ed infine nell’ottica del contenimento dei costi e nella massimizzazione della resa del prodotto su base temporale.

Si precisa che la condotta oggetto dell’appalto di risanamento è una condotta del diametro nominale DN 300 di sollevamento con diametro esterno di 323,9 mm ed interno di 307,9 priva di derivazioni, con un percorso in parte lineare ed in parte con alcune angolazioni max di 45°, con una pressione di esercizio di 9 – 10 bar.

Fermo restando l’orientamento di scelta sulla tecnologia “Hose – lining” (adozione di tubo guaina di rivestimento), con la conseguente metodologia del “no-dig / trencheless” (senza scavi o trincee … ), è stata orientata sull’adozione di una calza in Polietilene armata con maglia di fibre aramidiche tipo Kevlar ad alta resistenza meccanica, con la modalità procedurale appaltata relativa alla fornitura e posa in opera, collaudi, ecc …, totalmente a carico dell’impresa appaltatrice, ad esclusione dell’esecuzione delle buche di lancio, sezionamenti della tubazione, saldature delle flange dei giunti antisfilamento di accoppiamento, e le opere finale di ripristino delle buche stesse lungo l’asse stradale, opere realizzate con le maestranze delle imprese appaltatrici per conto dell’Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici.

Prima della realizzazione dell’opera, da un punto di vista analitico, ovvero di un analisi economica sommaria abbiamo potuto constatare che i soli costi tradizionali di posa di una condotta in acciaio DN 300 compreso gli oneri di scavo, inerti, ripristini stradali, ecc …, rispetto ad un’opera utilizzando la tecnologia prescelta, presentavano una evidente differenza sostanziale di oneri effettivi che ci ha portato a prendere questa decisione e formalizzare l’assegnazione dell’opera alla ditta vincitrice dell’appalto. 

E’ inutile ribadire che i costi che l’Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici di San Marino ha sostenuto, tenendo conto della tempistica di realizzo, l’indotto gestionale del post opera, nonché del successivo ripristino del servizio, siano stati sicuramente ottimizzati e confermati soprattutto in termine di affidabilità dei materiali utilizzati e nella riduzione degli interventi di riparazione della rete stessa DN 300, nonché nella riduzione dei costi di gestione dell’impianto di protezione catodica (essendo il tratto escluso dall’impianto ) consentendo un miglior equilibrio della corrente impressa con la riduzione dell’assorbimento che si era generato, a protezione della rete dell’acquedotto in termini più generali , ed infine colmare il “gap” economico conseguente dei costi energetici relativi all’acqua sollevata rispetto a quella distribuita, (consentendo anche evidenti riduzione di fenomeni di avvio ed interruzione dei gruppi di sollevamento sulla rete dovuto a problemi di depressione) e del conseguente recupero del ricavo dovuto alla vendita. 

 

 

Scopri il programma ed iscriviti cliccando qui

 


Leggi anche

L’infrastruttura, realizzata negli anni Cinquanta e che si estende per 16,1 km, da tempo è soggetta a frequenti rotture, arrecando notevoli disservizi alle utenze di Nuoro e del limitrofo comune di Mamoiada. Per eliminarli il gestore idrico sardo ha dato il via a un cospicuo intervento che comprende il relining di un tratto di un km in centro città e la sostituzione di 2 km di condotte fuori dall’area urbana…

Leggi tutto…

Il gestore idrico sardo ha completato la posa di 8,5 chilometri di condotte in ghisa sferoidale della nuova rete a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento fa parte di un più vasto piano di ammodernamento dell’infrastruttura che coinvolge in totale 14,5 chilometri, per un investimento di 9 milioni di euro, resosi indispensabile a causa del pessimo stato delle vecchie condotte. Sui restanti 6 chilometri, si sta intervenendo con la tecnica del relining…

Leggi tutto…

La gara riguarda il completamento per il secondo lotto dell’importante infrastruttura che permetterà di raccogliere e convogliare le acque bianche e nere tra la zona di via Leonardo Da Vinci fino al depuratore di Acqua dei Corsari, raccogliendo i reflui di diversi quartieri. L’importo a base gara è di quasi 27 milioni di euro e il termine per la presentazione delle offerte è fissato al 15 gennaio 2020…

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Lodi ha utilizzato la tecnica della perforazione teleguidata per la posa della condotta in PEAD, del diametro di 160 mm, che garantisce l’interconnessione tra i sistemi idrici dei comuni di Montanaso Lombardo e Galgagnano. Un intervento fondamentale per prevenire le crisi idriche che in passato si sono già verificate nell’area…

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Caltanissetta ha scelto la tecnologia del relining per risanare un tratto di collettore fognario che passa nel centro della città. L’intervento si è reso necessario per ripristinare la piena funzionalità della condotta, posata a 3 metri di profondità, che per via della sua vetustà si trova in stato avanzato di deterioramento con conseguenti perdite nel terreno…

Leggi tutto…