Roberto Cocozza è il nuovo amministratore delegato di Acea Ato 5

Roberto Cocozza è il nuovo amministratore delegato di Acea Ato 5, la società del gruppo Acea che gestisce il servizio idrico negli 86 comuni della provincia di Frosinone. Così ha deciso il Consiglio di amministrazione dell’azienda nella sua ultima riunione, alla quale ha partecipato anche l’amministratore delegato del gruppo, Stefano Donnarumma.

45 anni, laurea in ingegneria a La Sapienza di Roma, Cocozza è entrato in Acea nel 2003, coordinando le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria della rete e delle utenze idriche dell’area Nord del Comune di Roma e occupandosi della gestione del servizio idrico nei comuni di Monterotondo, Mentana e Fontenuova. Successivamente è entrato nel gruppo lavoro Contatori idrici e telettura, per poi passare alla Pianificazione delle attività e, in seguito, diventare responsabile della Task Force ricerca perdite. La sua carriera è proseguita con la nomina a responsabile Rete idrica area Est, curando le attività di pronto intervento e manutenzione ordinaria e straordinaria sull’infrastruttura idrica della parte Est del comune e della provincia di Roma. Incarico che ha svolto in parallelo a quello di responsabile della gestione del servizio idrico per i 22 comuni della provincia Est della Capitale, tra i quali Tivoli, Guidonia Montecelio e Subiaco.

Ma è nel 2016 che ha inizio la sua scalata al vertice all’interno del gruppo. Nell’ottobre di quell’anno diventa responsabile Reti di Acea Ato 2, il gestore idrico del Lazio centrale, per passare l’anno dopo alla guida della divisione che si occupa della gestione e manutenzione degli impianti e delle reti nei comuni dell’Ato 2. Scalata verso l’alto culminata ora con la nomina a capo di Acea Ato 5.

Nel suo nuovo ruolo Cocozza dovrà portare avanti il grande piano di ammodernamento che la società sta realizzando, un programma di opere indispensabile per superare le tante criticità che interessano le infrastrutture dei comuni della Ciociaria: una rete vecchia, obsoleta e sottodimensionata che l’azienda ha “ereditato” dai consorzi che la gestivano in precedenza. Compito nel quale avrà al suo fianco Pierluigi Palmigiani, responsabile dello Sviluppo delle risorse umane nella capogruppo, nominato presidente della società. Cocozza e Palmigiani succedono al dimissionario Stefano Magini, che occupava entrambe le cariche di amministratore e presidente.


Leggi anche

Il gestore del servizio idrico della provincia di Monza Brianza ha concluso il maxi-intervento per dotare di rete di raccolta dei reflui un’area urbanizzata al confine tra i due comuni. I lavori partiti l’estate dello scorso anno, e sostenuti da un investimento di 3 milioni di euro, hanno visto la posa di 4,5 chilometri di nuove condotte, che consentiranno di convogliare i reflui al depuratore di Monza San Rocco …

Leggi tutto…

L’evento ha riunito le testimonianze delle istituzioni, tra cui Regione Lombardia, e dei più importanti player del settore per ragionare sul ruolo dei termovalorizzatori nello sviluppo delle politiche ambientali dei nostri territori. Partendo dalla Biopiattaforma di Sesto San Giovanni…

Leggi tutto…

Il gestore idrico toscano sta portando avanti una serie di interventi sulle infrastrutture idriche al servizio del comune della provincia di Prato. Opere avviate nel 2016 al cui completamento manca l’ultimo tassello: la depurazione del capoluogo e di alcune frazioni. I lavori verranno avviati nel 2021 per un valore di 4 milioni di euro e prevedono la posa di una nuova condotta fognaria e di 7 stazioni di sollevamento …

Leggi tutto…

A ECOMONDO 2019 Acquedotto Pugliese ha presentato le attività in difesa dell’acqua, dalla sorgente fino al suo riuso…

Leggi tutto…

Blue Book 2019

È quanto emerge dal Blue Book 2019, lo studio promosso da Utilitalia e realizzato da Fondazione Utilitatis con Istat, che fa il punto sul comparto. Al costante incremento degli investimenti, fanno da contraltare la vetustà di reti e impianti, il livello di perdite idriche ancora elevato e le carenze che perdurano nel campo della depurazione, con le regioni meridionali in ritardo anche nel completamento del processo di affidamento del servizio …

Leggi tutto…