Roberto Cocozza è il nuovo amministratore delegato di Acea Ato 5

Roberto Cocozza è il nuovo amministratore delegato di Acea Ato 5, la società del gruppo Acea che gestisce il servizio idrico negli 86 comuni della provincia di Frosinone. Così ha deciso il Consiglio di amministrazione dell’azienda nella sua ultima riunione, alla quale ha partecipato anche l’amministratore delegato del gruppo, Stefano Donnarumma.

45 anni, laurea in ingegneria a La Sapienza di Roma, Cocozza è entrato in Acea nel 2003, coordinando le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria della rete e delle utenze idriche dell’area Nord del Comune di Roma e occupandosi della gestione del servizio idrico nei comuni di Monterotondo, Mentana e Fontenuova. Successivamente è entrato nel gruppo lavoro Contatori idrici e telettura, per poi passare alla Pianificazione delle attività e, in seguito, diventare responsabile della Task Force ricerca perdite. La sua carriera è proseguita con la nomina a responsabile Rete idrica area Est, curando le attività di pronto intervento e manutenzione ordinaria e straordinaria sull’infrastruttura idrica della parte Est del comune e della provincia di Roma. Incarico che ha svolto in parallelo a quello di responsabile della gestione del servizio idrico per i 22 comuni della provincia Est della Capitale, tra i quali Tivoli, Guidonia Montecelio e Subiaco.

Ma è nel 2016 che ha inizio la sua scalata al vertice all’interno del gruppo. Nell’ottobre di quell’anno diventa responsabile Reti di Acea Ato 2, il gestore idrico del Lazio centrale, per passare l’anno dopo alla guida della divisione che si occupa della gestione e manutenzione degli impianti e delle reti nei comuni dell’Ato 2. Scalata verso l’alto culminata ora con la nomina a capo di Acea Ato 5.

Nel suo nuovo ruolo Cocozza dovrà portare avanti il grande piano di ammodernamento che la società sta realizzando, un programma di opere indispensabile per superare le tante criticità che interessano le infrastrutture dei comuni della Ciociaria: una rete vecchia, obsoleta e sottodimensionata che l’azienda ha “ereditato” dai consorzi che la gestivano in precedenza. Compito nel quale avrà al suo fianco Pierluigi Palmigiani, responsabile dello Sviluppo delle risorse umane nella capogruppo, nominato presidente della società. Cocozza e Palmigiani succedono al dimissionario Stefano Magini, che occupava entrambe le cariche di amministratore e presidente.


Leggi anche

Il gestore idrico della Puglia ha presentato il progetto di un impianto di sollevamento da realizzare nella città di Bari. Il nuovo impianto sorgerà sul lungomare sud della città, nei pressi di quello esistente, che raccoglie i reflui di diversi quartieri cittadini per convogliarli al depuratore Bari Est, e potenziarne le performance. L’investimento previsto è di 20,4 milioni di euro…

Leggi tutto…

Infrastrutture, sostenibilità e innovazione al centro del documento, presentato a Grosseto nella sede del gestore idrico dell’Ato 6 Toscana. Insieme al potenziamento di reti e impianti previsto un forte impegno nella digitalizzazione dei servizi, alla quale è destinato l’11% del budget, con l’installazione di 130.000 smart meter, nella riduzione dei fanghi di depurazione e nello sviluppo di progetti di economia circolare…

Leggi tutto…

L’azienda che gestisce il servizio idrico nella città di Messina ha presentato al ministero dell’Ambiente il piano di opere, con la richiesta di finanziamento. Questo prevede interventi per oltre 50 milioni per le reti di approvvigionamento e distribuzione dell’acqua potabile e il resto per fognature e depurazione. Tra questi ultimi la realizzazione dell’impianto Tono, da 40 milioni di euro…

Leggi tutto…

Identificare le soluzioni più sostenibili per il recupero dei fanghi di depurazione è l’obiettivo del progetto F.A.N.G.H.I, vincitore del bando Call Hub Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia. Progetto che sarà portato avanti nei prossimi 30 mesi da A2A Ambiente, che ne è capofila, con BrianzAcque, MM, l’Istituto Mario Negri di Milano, Lariana Depur e Tcr Tecora…

Leggi tutto…

Il progetto, per un importo di 450 mila euro, porterà alla realizzazione della condotta a 6,5 km dalla costa. Approvata anche la procedura di gara per il potenziamento delle reti a Talsano (Ta) per 9,4 mln…

Leggi tutto…