Roberto Renai: nuovo presidente di Acquedotto del Fiora

Nuovi vertici per Acquedotto del Fiora. L’assemblea dei soci dell’azienda che gestisce il ciclo idrico in 55 comuni toscani (tutti e 28 quelli della provincia di Grosseto e 27 della provincia di Siena) ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione, che resterà in carica per i prossimi tre anni. A presiedere la società è stato nominato Roberto Renai, mentre Piero Ferrari è stato confermato nella carica di amministratore delegato. Completano il nuovo Consiglio di amministrazione Gianpiero Secco, Gesuè Domenico Ariganello, Francesca Mugnaini, Paolo Prisciandaro, Andrea De Caterini, Federica Marinetti e Anna Claudia Bonifazi.

Nel corso dell’assemblea è stato inoltre elaborato un documento comune, frutto della sintonia di intenti tra la parte pubblica, ovvero i 55 Comuni soci, e la parte privata della compagine sociale, Ombrone spa, che definisce i prossimi step per l’immediato futuro. A partire dall’allungamento della convenzione di affidamento del servizio dal 2026 al 2031, per il quale si attende solo l’ok definitivo da parte dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera).

Una scelta che «si lega alla indifferibile necessità di incrementare considerevolmente gli investimenti, tanto sulla rete idrica che sulla depurazione, pur mantenendo sostanzialmente invariate le tariffe per i prossimi anni – si legge nel documento. L’allungamento della concessione si accompagna a un piano che dovrà consentire di realizzare investimenti aggiuntivi per 251 milioni di euro con importanti ricadute sul territorio gestito, perseguire la solvibilità finanziaria di Acquedotto del Fiora, mantenere la sostenibilità sociale delle tariffe, raggiungere gli obiettivi della qualità tecnica previsti da Arera e mantenere un congruo livello di distribuzione dei dividendi, correlato alle scelte di investimento».

Il documento evidenzia poi come, dando seguito alla richiesta dei Comuni soci, il lavoro impostato in questi ultimi mesi sia andato in direzione di una maggiore attenzione ai problemi territoriali e alla valorizzazione delle risorse interne, attraverso lo sviluppo di una filiera di responsabilità manageriale interna alla società, il graduale rientro nel territorio delle attività di servizio esternalizzate e l’attenzione alle peculiarità dei soci e dei loro interessi. A questo riguardo Acquedotto del Fiora sta avviando un processo di consolidamento, strutturandosi anche con il socio privato, con l’obiettivo di reperire finanziamenti a tassi di interesse più vantaggiosi per sostenere l’ingente mole di investimenti da effettuare sul territorio.

Infine, il documento si chiude con i ringraziamenti al presidente, Emilio Landi, e al Cda uscenti «per quanto fin qui realizzato e per aver espletato il mandato ricevuto con la dovuta diligenza e con la massima attenzione alle esigenze delle diverse zone, riconsegnando una società sana, economicamente solida e rafforzata nelle prospettive e negli equilibri».  


Leggi anche

I bandi riguardano il potenziamento delle reti idriche e fognarie e degli impianti di depurazione; prevedono, inoltre, investimenti in innovazione. Tra gli interventi più significativi il progetto Smart Meter, con i primi 240.000 misuratori da installare nelle province di Taranto e Brindisi, per un importo a base d’asta di 21,2 milioni di euro, e i lavori di manutenzione straordinaria all’impianto di sollevamento fogna di Torre del Diavolo, alla periferia Sud di Bari …

Leggi tutto…

Cinque incontri organizzati da Water Alliance-Acque di Lombardia e ANCI Lombardia, per tracciare una strategia condivisa sul futuro dell’oro blu insieme ad ARERA, Regione Lombardia, Istituto Superiore di Sanità e tutti i principali stakeholder del settore…

Leggi tutto…

La tecnica, di origine israeliana, consente di sigillare le perdite nelle reti idriche evitando scavi, attraverso l’inserimento nelle tubazioni di un Pig Train, un sistema brevettato e composto da due elementi semi-fluidi: un gel (il Pig) e una sostanza sigillante di origine alimentare che può chiudere perdite fino a 3000 litri/ora. L’intervento è stato eseguito a Introbio, su un tratto di oltre 300 m …

Leggi tutto…

Suddivisa in quattro lotti, l’opera interessa una condotta di 11 chilometri che sorge nella frazione di Grosseto e ha subito rotture frequenti per la sua vetustà. Il primo lotto, già concluso, ha visto il rinnovo di 4,3 chilometri di rete, mentre ora è andato in gara il secondo stralcio, del valore di 1,7 milioni relativo a una tratta di oltre 3,3 chilometri…

Leggi tutto…

La multiutility che gestisce il servizio idrico in trentatré comuni toscani ha presentato il piano, messo a punto con l’Autorità idrica toscana, per garantire il fabbisogno idrico di tutte le comunità della Valle. Il progetto del valore di 9 milioni di euro prevede una serie di interventi per rafforzare il sistema esistente e potenziare l’interconnessione tra l’Alta e la Bassa Val di Cecina…

Leggi tutto…