Rse e Tcvvv insieme per un teleriscaldamento a biomasse più green


Rendere i sistemi di teleriscaldamento alimentati a biomasse sempre più green. È questo l’obiettivo dell’accordo di collaborazione siglato da Rse (Ricerca sistema energetico) e Società teleriscaldamento cogenerazione Valtellina – Valchiavenna – Valcamonica (Tcvvv), specializzata nella realizzazione e gestione di sistemi di teleriscaldamento alimentati a biomasse legnose, con tre sistemi gestiti, a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, tutti comuni in provincia di Sondrio.
Obiettivo dell’accordo è sperimentare sul campo e validare una tecnologia innovativa di trattamento dei fumi di combustione di biomasse messa a punto da Rse. Il sistema concepito da Rse integra in un’unica struttura sia l’abbattimento del particolato di combustione mediante filtri a manica sia la riduzione degli NOx mediante un processo catalitico. Il risultato è una soluzione compatta che, oltre agli enormi benefici ambientali, garantisce un importante risparmio di spazio e di costi d’investimento.
Un impianto pilota per testare la nuova tecnologia è stato avviato presso la centrale di teleriscaldamento di Tcvvv di Tirano e, sulla base dei risultati della sperimentazione, verrà valutata la possibilità di modificare un filtro a manica installato su una linea della centrale.
L’industrializzazione del sistema di abbattimento integrato particolato/NOx metterà a disposizione una nuova soluzione per evitare le emissioni di inquinanti in atmosfera della quale non potranno beneficiare solo gli operatori del teleriscaldamento, ma tutte le realtà del settore trattamento fumi.


Leggi anche

L’innovativa iniziativa di raccolta fondi è rivolta ai cittadini di Barge, comune in provincia di Cuneo, dove l’azienda lo scorso agosto ha avviato la costruzione dell’infrastruttura. Il sistema sarà costituito da una centrale a biomassa che produrrà 7,6 GWh all’anno di energia termica che sarà distribuita alle utenze attraverso una rete della lunghezza di 5 km. Nel 2021 la conclusione dei lavori…

Leggi tutto…

Approvato dal consiglio di amministrazione il Piano industriale al 2023 della multiutility del Nord della Lombardia. Gli investimenti, pari a 568 milioni, saranno concentrati nella business unit Reti, per puntare soprattutto alle prossime gare sulla distribuzione del gas. Il documento prevede ricavi intorno al mezzo miliardo alla fine del periodo …

Leggi tutto…

La multiutility ha destinato 70 milioni di euro al progetto per la sostituzione del calore prodotto con combustibili fossili con energia termica da fonti green. Il piano si svilupperà nel corso di 4 anni e prevede la realizzazione di 3 nuovi sistemi di accumulo per stoccare l’energia, di un impianto fotovoltaico per alimentare le pompe del teleriscaldamento, e l’integrazione nella rete di fonti rinnovabili, a partire dal calore di recupero da processi industriali …

Leggi tutto…

Avviato nel giugno dello scorso anno, l’intervento ha visto la posa di 400 metri di condotte con la tecnologia no dig per collegare la nuova rete del centro storico con la centrale di trigenerazione Green Energy House. L’opera rientra nel più vasto piano di sviluppo del servizio in citta, sostenuto da un investimento complessivo di 11 milioni di euro, che una volta a regime, nel 2020, porterà a un drastico abbattimento delle emissioni climalteranti…

Leggi tutto…

Varese Risorse, la società del gruppo Acsm Agam che gestisce il teleriscaldamento nella città lombarda, è stata premiata per il suo impianto solare integrato nella rete di distribuzione del calore. Prima realizzazione del genere del Sud Europa, l’impianto è entrato in funzione nel 2015 e produce 450 MWh di energia termica all’anno, evitando l’emissione di 108 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…