Rse e Tcvvv insieme per un teleriscaldamento a biomasse più green


Rendere i sistemi di teleriscaldamento alimentati a biomasse sempre più green. È questo l’obiettivo dell’accordo di collaborazione siglato da Rse (Ricerca sistema energetico) e Società teleriscaldamento cogenerazione Valtellina – Valchiavenna – Valcamonica (Tcvvv), specializzata nella realizzazione e gestione di sistemi di teleriscaldamento alimentati a biomasse legnose, con tre sistemi gestiti, a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, tutti comuni in provincia di Sondrio.
Obiettivo dell’accordo è sperimentare sul campo e validare una tecnologia innovativa di trattamento dei fumi di combustione di biomasse messa a punto da Rse. Il sistema concepito da Rse integra in un’unica struttura sia l’abbattimento del particolato di combustione mediante filtri a manica sia la riduzione degli NOx mediante un processo catalitico. Il risultato è una soluzione compatta che, oltre agli enormi benefici ambientali, garantisce un importante risparmio di spazio e di costi d’investimento.
Un impianto pilota per testare la nuova tecnologia è stato avviato presso la centrale di teleriscaldamento di Tcvvv di Tirano e, sulla base dei risultati della sperimentazione, verrà valutata la possibilità di modificare un filtro a manica installato su una linea della centrale.
L’industrializzazione del sistema di abbattimento integrato particolato/NOx metterà a disposizione una nuova soluzione per evitare le emissioni di inquinanti in atmosfera della quale non potranno beneficiare solo gli operatori del teleriscaldamento, ma tutte le realtà del settore trattamento fumi.


Leggi anche

La giunta provinciale ha dato l’ok alla concessione all’utility energetica dell’Alto Adige delle linee di collegamento del sistema di distribuzione del calore. La concessione, della durata di 29 anni, interessa tre linee per uno sviluppo complessivo di oltre 2,5 km. Il canone di indennizzo annuo è stato fissato a circa 60.000 euro…

Leggi tutto…

L’intesa riguarda il sistema di Settimo Torinese: il big dei cosmetici cederà l’acqua recuperata, depurata e purificata del suo sito di produzione a Engie che la utilizzerà come acqua di reintegro della propria rete. Un esempio di economia circolare che permetterà soddisfare, evitando lo spreco di nuova risorsa idrica, ben il 20% del fabbisogno di acqua della rete della lunghezza di 47 km …

Leggi tutto…

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…

Sarà la geotermia ad alimentare nel prossimo futuro la rete di distribuzione del calore di Aarhus, seconda città della Danimarca. È l’obiettivo dell’intesa tra l’amministrazione cittadina e AP Moller Holding, società quest’ultima che avvierà una campagna di esplorazioni per verificare la fattibilità del progetto. Secondo il programma, le prime trivellazioni saranno effettuate tra il 2019 e il 2020, mentre i primi impianti geotermici saranno costruiti a partire dal 2021…

Leggi tutto…

La società, specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha siglato un accordo con il Comune di Alcalá de Henares per la costruzione di un sistema di teleriscaldamento, interamente alimentato da energia green: solare e biomasse. Il sistema, che sarà completato per la fine del prossimo anno, fornirà calore a 12.000 famiglie e sarà realizzato con un investimento di 38 milioni di euro…

Leggi tutto…