Rse e Tcvvv insieme per un teleriscaldamento a biomasse più green


Rendere i sistemi di teleriscaldamento alimentati a biomasse sempre più green. È questo l’obiettivo dell’accordo di collaborazione siglato da Rse (Ricerca sistema energetico) e Società teleriscaldamento cogenerazione Valtellina – Valchiavenna – Valcamonica (Tcvvv), specializzata nella realizzazione e gestione di sistemi di teleriscaldamento alimentati a biomasse legnose, con tre sistemi gestiti, a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, tutti comuni in provincia di Sondrio.
Obiettivo dell’accordo è sperimentare sul campo e validare una tecnologia innovativa di trattamento dei fumi di combustione di biomasse messa a punto da Rse. Il sistema concepito da Rse integra in un’unica struttura sia l’abbattimento del particolato di combustione mediante filtri a manica sia la riduzione degli NOx mediante un processo catalitico. Il risultato è una soluzione compatta che, oltre agli enormi benefici ambientali, garantisce un importante risparmio di spazio e di costi d’investimento.
Un impianto pilota per testare la nuova tecnologia è stato avviato presso la centrale di teleriscaldamento di Tcvvv di Tirano e, sulla base dei risultati della sperimentazione, verrà valutata la possibilità di modificare un filtro a manica installato su una linea della centrale.
L’industrializzazione del sistema di abbattimento integrato particolato/NOx metterà a disposizione una nuova soluzione per evitare le emissioni di inquinanti in atmosfera della quale non potranno beneficiare solo gli operatori del teleriscaldamento, ma tutte le realtà del settore trattamento fumi.


Leggi anche

Il consiglio comunale ha approvato la convenzione per la costruzione dell’infrastruttura che servirà anche i limitrofi comuni di Valmadrera e Malgrate, che già avevano dato parere positivo. Ora il progetto promosso da Silea, che prevede di alimentare la rete con il recupero di calore di un suo inceneritore, passa al vaglio di Regione Lombardia…

Leggi tutto…

LIFE4HeatRecovery è un nuovo progetto di Institute for Renewable Energy che propone soluzioni di recupero del calore di scarto per il riutilizzo nelle reti di teleriscaldamento e raffrescamento. L’energia che normalmente viene rilasciata in ambiente e contribuisce al riscaldamento globale, viene riciclata per il riscaldamento degli edifici. Ciò garantisce flessibilità e scalabilità alla progettazione della rete, oltre a rendere disponibile energia termica affidabile e pulita per tutti…

Leggi tutto…

Tutto pronto per l’avvio del servizio, che sarà inaugurato il prossimo 18 ottobre. Dopo oltre due anni di lavoro e un investimento di 50 milioni di euro, l’opera che distribuirà il calore all’Altipiano è stata conclusa con la realizzazione di una rete di circa 45 chilometri e la costruzione della centrale di cogenerazione nel sito di Agc Flaf Glass Italia, che alimenterà il sistema con il calore di recupero delle sue attività …

Leggi tutto…

Presentato il Piano industriale 2018-2023: fortemente orientato allo sviluppo, punta a portare il margine operativo lordo oltre il miliardo. Tutto ciò supportato da un mega investimento di 3 miliardi di euro, con focus prioritario su reti, con circa un miliardo dedicato alle infrastrutture idriche, ambiente e teleriscaldamento, comparto quest’ultimo cui vanno circa 680 milioni …

Leggi tutto…

Regione Lombardia ha approvato il progetto pilota che prevede il recupero del calore di scarto generato dal sito siderurgico e la sua immissione nella rete di teleriscaldamento cittadina. Capofila del progetto A2a Calore & Servizi, che punta a creare un sistema intelligente per la gestione dell’energia termica, scalabile e replicabile sull’intero territorio lombardo…

Leggi tutto…