Sal ricorre al no dig per collegare le reti idriche lodigiane

Sono terminati i lavori per realizzare un nuovo collegamento idrico tra i comuni di Montanaso Lombardo e Galgagnano, nel lodigianoSal (Società Acqua Lodigiana), il gestore del ciclo idrico dei 60 comuni della provincia di Lodi, ha progettato l’estensione della rete idrica per garantire una maggior flessibilità nella gestione del ciclo dell’acqua. Grazie all’intervento infatti i due comuni passano da un sistema idrico chiuso a un sistema idrico aperto e resiliente, che permette di rispondere meglio alle eventuali crisi idriche dovute a fattori esterni non prevedibili, come i blackout elettrici.

La posa della condotta in PEAD con la perforazione telguidata

Il collegamento è stato realizzato attraverso la posa di una nuova condotta in PEAD da 160 millimetri di diametro sul margine della pista ciclopedonale che scorre lungo la SP 16. Sal ha installato la condotta per metà con il tradizionale metodo della posa tramite scavo a cielo aperto sul margine della pista ciclabile e per l’altra metà ricorrendo alla tecnologia no dig. Nello specifico la società ha impiegato la tecnica della perforazione teleguidata. Questa permette di posare il tubo nel sottosuolo tramite un sistema di aste teleguidate che perforano il sottosuolo, creando lo spazio necessario alla posa, senza bisogno di scavare in superficie. In questo modo anche durante i lavori  Sal ah assicurato la piena fruibilità della pista ciclopedonale.

Interconnessione tra comuni contro le crisi idriche

«Si tratta di un’opera importantissima, che serve a prevenire le crisi idriche, come quella che ha colpito il comune di Galgagnano lo scorso agosto, a seguito del blackout elettrico causato da una tromba d’aria, lasciando la popolazione diverse ore senza acqua – ha spiegato Giuseppe Negri, presidente di Sal-. L’interconnessione tra comuni è uno degli obiettivi che stiamo portando avanti con decisione».


Leggi anche

Servizi a Rete TOUR 2019, 26-27 Giugno 2019 | Bologna, Spazio HERA

Durante la quinta edizione, dedicata al tema della “Digital transformation e le utility alla guida del cambiamento urbano”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Bologna in “casa HERA” per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi in programma.
Scopri di più……

Leggi tutto…

Una classe dell’Istituto per Tecnici Geometri Mosè Bianchi di Monza ha visitato il cantiere di Seregno dove il gestore del servizio idrico dei comuni della provincia di Monza e Brianza sta portando avanti la riqualificazione di un tratto di 2,5 km di collettore fognario con la tecnica del relining. Un’iniziativa parte della collaborazione tra l’istituto e il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza per far conoscere ai progettisti di domani le tecnologie trenchless…

Leggi tutto…

A metà marzo Legambiente aveva segnalato la presenza di rivoli maleodoranti lungo un tratto della rete che scorre lungo le sponde del fiume Lambro, nel cuore della città. Dopo una campagna di video ispezioni ad hoc, il gestore ha deciso di intervenire sulle condotte ammalorate, riqualificandole con la tecnica del relining, per ripristinarne la piena funzionalità idraulica e strutturale …

Leggi tutto…

Risanamento del Collettore Sud: Seregno come Berlino. In azione un bypass fognario aereo di quali 300 metri. Lavori già al 25%

Leggi tutto…

La società ha avviato l’intervento per la sostituzione di un tratto di condotta fognaria a valle di uno scolmatore. I lavori prevedono anche l’attraversamento della strada provinciale 342 dove, per non bloccare il traffico veicolare, la nuova condotta sarà posata con la tecnica dello spingitubo. Le opere, che prevedono anche la costruzione di un nuovo scolmatore, saranno concluse in 90 giorni …

Leggi tutto…