San Benedetto del Po felice del teleriscaldamento vuole estendere la rete

Il teleriscaldamento funziona e funziona bene, facendo risparmiare sulle spese per il riscaldamento, senza contare il miglioramento della qualità dell’aria. Tanto che ora si pensa di estenderlo. Accade a San Benedetto del Po, comune di circa 7000 abitanti in provincia di Mantova, dove a essere entusiasti per l’infrastruttura del calore sono sia i cittadini sia l’amministrazione comunale.

Quest’ultima in particolare ha fatto i conti, che hanno evidenziato come le casse comunali grazie a questa tecnologia abbiano risparmiato nel 2018 ben 60.000 euro per le spese di riscaldamento degli edifici pubblici, rispetto alle tradizionali soluzioni. 

Realizzato a partire dal settembre del 2014, il sistema di teleriscaldamento di San Benedetto del Po è costituito da una centrale alimentata a biomassa legnosa, derivante dalla gestione del territorio, dagli scarti della lavorazione del pioppo e dalla manutenzione forestale. Centrale dotata anche di sistemi di abbattimento delle polveri sottili all’avanguardia, che contribuiscono ulteriormente alla qualità dell’aria nel paese. Il calore generato è distribuito alle utenze attraverso una rete che si sviluppa per una lunghezza di 5 chilometri e che serve tutti gli edifici comunali, dal municipio alla piscina passando per le scuole e le palestre, e 72 abitazioni private.

Numeri che si vorrebbe far crescere ulteriormente. Per il 2020, il Comune ha infatti intenzione di procedere con un ampliamento dell’infrastruttura, per dare la possibilità di usufruire del servizio ai cittadini ora non raggiunti dalla rete. Le casse comunali da sole però non potrebbero reggere l’impatto dell’investimento, per il quale si attende un cofinanziamento da parte della Regione Lombardia, con la quale le trattative sono già avviate.


Leggi anche

Avviato nel giugno dello scorso anno, l’intervento ha visto la posa di 400 metri di condotte con la tecnologia no dig per collegare la nuova rete del centro storico con la centrale di trigenerazione Green Energy House. L’opera rientra nel più vasto piano di sviluppo del servizio in citta, sostenuto da un investimento complessivo di 11 milioni di euro, che una volta a regime, nel 2020, porterà a un drastico abbattimento delle emissioni climalteranti…

Leggi tutto…

Varese Risorse, la società del gruppo Acsm Agam che gestisce il teleriscaldamento nella città lombarda, è stata premiata per il suo impianto solare integrato nella rete di distribuzione del calore. Prima realizzazione del genere del Sud Europa, l’impianto è entrato in funzione nel 2015 e produce 450 MWh di energia termica all’anno, evitando l’emissione di 108 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

Entrato in funzione nel marzo dello scorso anno, l’impianto è un gioiello tecnologico a emissioni quasi zero. Può trattare annualmente 400.000 tonnellate di rifiuti che vengono trasformati n energia termica ed elettrica sufficiente a coprire il fabbisogno di, rispettivamente, 62.500 e 160.000 utenze. Sul suo tetto è stata realizzata una pista da sci artificiale che sarà aperta da dicembre …

Leggi tutto…

A realizzare e gestire il sistema, che fornirà calore a circa 800 edifici, sarà Telenergia, società nata dalla partnership tra Egea e Amag, con un investimento di 90 milioni di euro. Il progetto, che sarà ultimato in 6 anni, prevede la costruzione in città di una rete di 62 km alimentata da due centrali di cogenerazioni a gas integrato con fonti rinnovabili: una nella zona Sud e l’altra nella zona Nord…

Leggi tutto…

La giunta provinciale ha dato l’ok alla concessione all’utility energetica dell’Alto Adige delle linee di collegamento del sistema di distribuzione del calore. La concessione, della durata di 29 anni, interessa tre linee per uno sviluppo complessivo di oltre 2,5 km. Il canone di indennizzo annuo è stato fissato a circa 60.000 euro…

Leggi tutto…