Sorical gestirà il piano di efficientamento idrico dei comuni calabresi

Sarà Sorical il braccio operativo di Regione Calabria per il Cantiere di lavoro Abatemarco, un programma di interventi che ha l’obiettivo di efficientare le reti idriche di una quarantina di comuni calabresi.

Dopo la prima fase dei lavori, Regione Calabria vuole accelerare le operazioni

Un progetto per il quale la Regione ha stanziato un investimento di 68 milioni di euro, finanziato in un primo momento con il Por 2007-2013 e, a seguito dei ritardi attuativi, inserito nella nuova programmazione comunitaria 2014-2020. Progetto che per ora ha visto solo l’avvio della prima fase, con i cantieri aperti nelle città capoluogo di Cosenza, Reggio Calabria, Catanzaro e Vibo Valentia per un investimento di altri 35 milioni. Proprio per accelerare i cantieri della seconda fase, in attesa che si completi la riforma del servizio idrico con l’affidamento della gestione da parte dell’Autorità idrica, regione Calabria ha scelto di affidare la gestione del progetto a Sorical, la società che si occupa della gestione degli schemi idrici di grande adduzione regionale.

Avviare la seconda fase per arginare le principali criticità del sistema idrico calabrese

Seconda fase che interessa i comuni sopra i 5000 abitanti, ma che comprende anche le realtà più piccole che presentano evidenti criticità di sistema: in totale sono circa quaranta i comuni coinvolti, tra i quali i 23 della provincia di Cosenza alimentati dall’acquedotto Abatemarco ai quali si aggiungono altre comunità delle province di Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria. Lavori che riguardano l’ingegnerizzazione delle reti idriche di distribuzione urbana, inclusi i più rilevanti lavori di manutenzione straordinaria e gli interventi di riordino delle reti funzionali al miglioramento del servizio e alla riduzione delle perdite, il censimento e la gestione amministrativa delle utenze per giungere alla bollettazione bimestrale attraverso misuratori elettronici. Due aspetti, la gestione delle reti e la gestione amministrativa delle utenze, allo stato totalmente inefficienti e non in grado di garantire i flussi per la copertura dei costi di gestione del servizio idrico integrato: le due principali criticità che hanno mandato in tilt il sistema idrico calabrese.


Leggi anche

Lungo 445 chilometri, dei quali 423 sottomarini, l’elettrodotto collega le stazioni elettriche di Cepagatti, in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. La sua entrata in esercizio, entro fine anno, permetterà di diversificare gli approvvigionamenti, rafforzare l’affidabilità, l’efficienza, la sicurezza, la sostenibilità ambientale e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde adriatiche…

Leggi tutto…

Avviata a settembre la campagna, denominata Conta su di noi, prevede la sostituzione di tutti i vecchi apparecchi installati presso le 160.000 utenze servite dall’utility che gestisce il ciclo idrico nella provincia di Monza e Brianza. Articolato in diversi lotti, il piano si svilupperà in otto anni, privilegiando i comuni con uno scarto maggiore tra acqua sollevata e distribuita. Nel primo biennio sono coinvolte 18 comunità per un investimento di 3,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Molto più di un semplice misuratore di consumi, il nuovo dispositivo è dotato di tecnologie e funzionalità avanzate che garantiscono maggiore sicurezza ed efficienza alle utenze e al sistema. Nei prossimi mesi sarà avviata una campagna per l’installazione dei primi 300.000 apparecchi in Friuli ed Emilia-Romagna, con un investimento di 45 milioni di euro…

Leggi tutto…

A realizzare l’infrastruttura sarà Etc Ecotermica Ciriè, società partecipata al 60% da Edison e per la parte restante da Ecotermica Servizi. Il progetto, del valore di 15 milioni di euro, prevede la realizzazione di una rete dell’estensione di 15 chilometri che riceverà l’energia termica da una centrale di cogenerazione alimentata a gas e a biomasse, provenienti dalla pulizia dei boschi limitrofi…

Leggi tutto…

È questo il tema al centro del quarto incontro, organizzato da Anci Lombardia e Water Alliance, la rete delle otto aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, svoltosi a Monza, che ha coinvolto anche Regione Lombardia, Ato, Assolombarda, Confartigianato, oltre a docenti e ricercatori universitari. Economia circolare, innovazione tecnologica e sinergie industriali tra pubblico e privato sempre più fondamentali nel futuro del sistema…

Leggi tutto…