Sorical gestirà il piano di efficientamento idrico dei comuni calabresi

Sarà Sorical il braccio operativo di Regione Calabria per il Cantiere di lavoro Abatemarco, un programma di interventi che ha l’obiettivo di efficientare le reti idriche di una quarantina di comuni calabresi.

Dopo la prima fase dei lavori, Regione Calabria vuole accelerare le operazioni

Un progetto per il quale la Regione ha stanziato un investimento di 68 milioni di euro, finanziato in un primo momento con il Por 2007-2013 e, a seguito dei ritardi attuativi, inserito nella nuova programmazione comunitaria 2014-2020. Progetto che per ora ha visto solo l’avvio della prima fase, con i cantieri aperti nelle città capoluogo di Cosenza, Reggio Calabria, Catanzaro e Vibo Valentia per un investimento di altri 35 milioni. Proprio per accelerare i cantieri della seconda fase, in attesa che si completi la riforma del servizio idrico con l’affidamento della gestione da parte dell’Autorità idrica, regione Calabria ha scelto di affidare la gestione del progetto a Sorical, la società che si occupa della gestione degli schemi idrici di grande adduzione regionale.

Avviare la seconda fase per arginare le principali criticità del sistema idrico calabrese

Seconda fase che interessa i comuni sopra i 5000 abitanti, ma che comprende anche le realtà più piccole che presentano evidenti criticità di sistema: in totale sono circa quaranta i comuni coinvolti, tra i quali i 23 della provincia di Cosenza alimentati dall’acquedotto Abatemarco ai quali si aggiungono altre comunità delle province di Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria. Lavori che riguardano l’ingegnerizzazione delle reti idriche di distribuzione urbana, inclusi i più rilevanti lavori di manutenzione straordinaria e gli interventi di riordino delle reti funzionali al miglioramento del servizio e alla riduzione delle perdite, il censimento e la gestione amministrativa delle utenze per giungere alla bollettazione bimestrale attraverso misuratori elettronici. Due aspetti, la gestione delle reti e la gestione amministrativa delle utenze, allo stato totalmente inefficienti e non in grado di garantire i flussi per la copertura dei costi di gestione del servizio idrico integrato: le due principali criticità che hanno mandato in tilt il sistema idrico calabrese.


Leggi anche

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti….

Leggi tutto…

L’operazione di fusione per incorporazione di Teclab si inquadra nel processo di ridefinizione societaria di Fast Spa, ed è volta a semplificare la struttura al meglio valorizzando le sinergie operative, amministrative e societarie. Ne consegue anche un miglioramento dell’efficienza del reparto Ricerca e Sviluppo e una conseguente nuova posizione di rilievo sul mercato nel settore dello Smart Grids e Smart Metering. Una fusione che garantirà il raggiungimento di nuovi importanti traguardi a servizio delle Utilities e del settore dell’Automazione e Controllo di Processo….

Leggi tutto…

Obiettivo della collaborazione è di aumentare la sostenibilità e la resilienza delle infrastrutture energetiche. Le due realtà porteranno avanti ricerche e progetti che attraverso l’uso di tecnologie innovative, quali l’Intelligenza Artificiale, sensori e IoT consentano di elaborare strategie ancor più efficienti di previsione e gestione delle situazioni di criticità ambientale…

Leggi tutto…

Nasce il RAB, organo autonomo e indipendente che garantirà la condivisione delle informazioni, il dialogo e il confronto sulle attività della Biopiattaforma, la struttura carbon neutral dedicata all’economia circolare che riunirà il termovalorizzatore e il depuratore di Sesto San Giovanni….

Leggi tutto…

Ijinus produce logger funzionanti a batteria, dal piccolo ingombro, dotati di trasmissione dati su più piattaforme, resistenti a condizioni estreme, semplici da usarsi. Cavalli di battaglia sono: i misuratori di livello a batteria, nati per lavorare in fognatura e con un software brevettato per leggere con precisione e non avere problemi con eventuali ostacoli nel cono degli Ultra Suoni; i sensori di tracimazione o overflow….

Leggi tutto…