Sardegna: investimenti nelle reti idriche e fognarie


Dodici milioni di euro per trentatré cantieri da avviare in trentadue Comuni. Prende forma la prima parte del “Piano Cantieri” che Abbanoa sta delineando assieme alla Gestione commissariale straordinaria dell’ex Autorità d’Ambito e alle amministrazioni locali. Dopo i primi quattro protocolli d’intesa firmati con i Comuni di Baunei, Santadi, Aglientu e Loiri Porto San Paolo,il 1° ottobre, nella sede dell’ex Aato, sono stati esaminati ed approvati altri 21 accordi con altrettanti Comuni:

1. Soleminis (300mila euro per il potenziamento dell’acquedotto)

2. Arborea (145mila euro per la rete idrica)

3. Vallermosa (160mila euro per la rete idrica)

4. Guspini (350mila euro per la rete fognaria)

5. Oliena (300mila euro per i collettori fognari)

6. Bonorva (425mila euro per i collettori fognari),

7. Codrongianus (250mila euro per l’acquedotto)

8. Giave (300mila euro per il nuovo collettore fognario)

9. Ozieri (300mila euro per la rete idrica di Chilivani)

10. Cargeghe (30mila euro per la rete idrica)

11. Muravera (440mila euro per il completamento delle reti fognarie)

12. Terralba (487mila euro per i collettori fognari)

13. Buggerru (300mila euro per il sistema di potabilizzazione dell’acqua),

14. Guamaggiore (55mila euro per la rete idrica)

15. Dorgali (400mila euro per il risanamento della rete idrica)

16. Galtellì (250mila euro per il risanamento della rete idrica)

17. Irgoli (250mila euro per la rete idrica)

18. Lodè (250mila euro per l’acquedotto di Sant’Anna)

19. Lula (80mila euro per la rete idrica)

20. Macomer (400mila euro per la rete idrica)

21. Villanovatulo (150mila euro per il potenziamento dell’acquedotto).

I sindaci dei 21 centri sottoscriveranno le intese assieme all’amministratore unico di Abbanoa, Alessandro Ramazzotti, e il commissario straordinario dell’ex Aato, Alessandro Bianchi. Gli incontri andranno avanti dalla mattina al pomeriggio.

Gli accordi prevedono la razionalizzazione degli interventi meno complessi che riguardano un singolo territorio comunale e non opere di valenza sovracomunale. I Comuni potranno gestire alcuni interventi nelle reti idriche e fognarie dei propri territori, occupandosi dell’iter di realizzazione, assumendosi direttamente la responsabilità della progettazione, della gara d’appalto e della realizzazione delle opere. “L’ex Aato” manterrà le funzioni di controllo e garantirà la certezza dei tempi di erogazione delle risorse mentre Abbanoa supervisionerà le procedure e, una volta completate le opere previste nell’intervento, le prenderà in gestione e le metterà in esercizio. Nel frattempo potrà concentrare le proprie risorse sulle opere di maggiore complessità e di valenza sovracomunale. In questo modo i tempi e i passaggi burocratici saranno notevolmente inferiori rispetto al normale iter. La gestione diffusa sotto la diretta responsabilità delle comunità locali consentirà di velocizzare la spesa delle risorse e dare impulso all’economia dei territori.

Sono in via de definizione ulteriori otto accordi che riguardano altri sette Comuni:

· Quartu Sant’Elena (220mila euro per i collettori fognari del litorale)

· Perdasdefogu (500mila euro per i collettori fognari)

· Tempio Pausania (600 mila euro per i collettori fognari)

· Arzachena (2 appalti: 60mila euro per il completamento della rete fognaria di Baja Sardinia e 55mila euro per i collettori fognari di Cannigione),

· Bosa (500mila euro per il rifacimento dell’acquedotto)

· Meana Sardo (300 mila euro per la rete idrica)

· Montresta (350mila euro per i collettori fognari)

 

Fonte: Abbanoa


Leggi anche

Martedì 21 giugno, durante la live demo di 45 minuti circa organizzata in collaborazione con Servizi a Rete, l’esperto VEGA Alessio Cannizzo mostrerà come rendere sicuri i processi delle acque reflue, comprese le soluzioni ATEX più semplici.
Clicca qui per riservare il tuo posto

Leggi tutto…

Con un investimento di 5 milioni di euro, il gestore idrico ha dato il via a un importante progetto di razionalizzazione del sistema di raccolta e trattamento dei reflui in una porzione della bassa Lomellina. Il progetto prevede la posa di un nuovo collettore fognario dell’estensione di 15 chilometri a servizio di cinque centri abitati che porterà i reflui al depuratore di Sannazzaro de’ Burgondi, la cui capacità di trattamento sarà potenziata…

Leggi tutto…

La società ha concluso gli interventi di ammodernamento e potenziamento dei due impianti entrati in funzione nel 1980. Gli interventi sono stati realizzati con un investimento complessivo di 8,1 milioni di euro, dei quali 2,6 per il depuratore di Nibionno e 5,5 per quello di Valmadrera. Quest’ultimo, che già tratta i reflui di 12 comuni, è stato potenziato per accogliere anche i reflui di Oliveto Lario e della frazione Civenna del comune di Bellagio…

Leggi tutto…

monitoraggio

Come garantire in modo veloce e costante il monitoraggio dei grandi collettori fognari? Tramite un complesso sistema di Fibre Ottiche Sensing. I cavi in fibra ottica distribuiti su tutta la lunghezza delle condotte fognarie danno luogo ad una fitta rete di misure, in grado di eseguire il monitoraggio strutturale e idraulico delle condotte….

Leggi tutto…

Gruppo CAP ha lanciato una open innovation challenge per individuare le proposte più innovative ed efficaci contro le infiltrazioni nella rete fognaria. L’iniziativa si rivolge a startup, università, istituti di ricerca e ricercatori di tutto il mondo e si avvale della piattaforma di crowdsourcing Open Innovability® di Enel. I migliori verranno sviluppati nei laboratori e impianti di Gruppo CAP…

Leggi tutto…