Sardegna: un piano straordinario per ridurre le perdite di rete

Misure eccezionali per un problema eccezionale. È in questa ottica che si iscrive il programma straordinario per la riduzione delle perdite di acqua nelle reti idriche approvato dalla Giunta regionale della Sardegna su proposta della Presidenza, in collaborazione con l’assessorato dei Lavori pubblici, che ha dato l’ok gli indirizzi generali per l’attuazione da parte di Egas, l’ente di governo dell’ambito unico della Sardegna. Il soggetto attuatore sarà Abbanoa, cui spetterà bandire le gare d’appalto che verranno finanziate con le risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020 (Fsc).

Risorse che ammontano a in totale a 98 milioni. Ai 68 milioni Fcs si sommano infatti 30 milioni assegnati alla Regione dal ministero dell’Ambiente con la delibera Cipe 55 del 1°dicembre 2016, anch’essa finalizzata alla realizzazione di interventi di miglioramento del Servizio idrico integrato (Sii) «attraverso azioni di risanamento strutturale e riassetto funzionale delle reti di distribuzione idropotabile dei centri urbani con maggiori criticità della Sardegna».

Gli interventi riguarderanno opere di manutenzione straordinaria sulle reti esistenti e opere strutturali di efficientamento, adeguamento e riordino delle infrastrutture, prevedendo anche la sostituzione massiva delle condotte, quando necessario. Il programma degli interventi specificherà gli obiettivi da realizzare, le infrastrutture programmate e i tempi di realizzazione.

Alla programmazione delle opere provvederà Egas, sulla base delle indicazioni e informazioni sullo stato delle reti che acquisirà da Abbanoa e dagli altri gestori. Nel contesto degli interventi saranno eseguite anche progressive campagne di misurazioni, rilevazioni diurne e notturne, calcoli e verifiche, soprattutto nelle prime fasi, per quantificare la reale dimensione e la localizzazione delle perdite, con puntuali riferimenti cartografici. Sulla base di queste risultanze i gestori potranno sia definire meglio gli indirizzi operativi successivi sia il raggiungimento, seppure graduale, dell’obiettivo finale.

Inizialmente si partirà con i lavori di manutenzione straordinaria su un massimo di 40 comuni individuati come prioritari, che si conta di risanare con un investimento non superiore al 50% dello stanziamento disponibile. Per poi procedere sulla base degli indirizzi per gli interventi strutturali e dell’ordine di priorità, fornito dai gestori e approvati da Egas, in modo da consolidare l’obiettivo.


Leggi anche

Dopo la sperimentazione sulle reti fognarie, prima applicazione su condotte interrate in Europa, il gestore del servizio idrico di Milano estende l’impiego della piattaforma spaziale europea Copernicus anche alla rete idrica. Il sistema utilizza due satelliti progettati dall’Esa che verificano ogni 20 giorni gli spostamenti millimetrici della carreggiata stradale al di sopra delle infrastrutture, generando in caso di anomalie allarmi direttamente sul Gis di MM…

Leggi tutto…

Con una spesa complessiva di oltre 1,1 milioni di euro, il progetto prevede la realizzazione di circa 4km di rete adduttrice che dal campo pozzi di Ponte Priverno (nel Comune di Roccagorga) arriverà sino al serbatoio San Francesco (a Priverno). Nei giorni scorsi, il Sindaco di Priverno, Anna Maria Bilancia, ha incontrato lo staff di Acqualatina per fare il punto sui lavori in corso sulla condotta di collegamento Roccagorga-Priverno, sui pozzi di Roccagorga, sul recupero delle perdite di rete e sugli altri interventi previsti dal Piano degli Investimenti…

Leggi tutto…

I lavori, appena avviati, hanno come obiettivo la realizzazione di una nuova condotta, dell’estensione di 1,7 chilometri, che collega il vettore Casamassima-Canosa al nuovo serbatoio in modo da potenziare l’erogazione di acqua. La condotta sarà in ghisa sferoidale, con un diametro di 300 mm, e sostituirà il vecchio collegamento in calcestruzzo armato…

Leggi tutto…

Entro fine anno partirà la gara per la realizzazione di una nuova condotta dell’infrastruttura che garantisce parte dell’approvvigionamento idrico di Palermo. Una frana nel 2009 aveva spezzato un tratto della dorsale, da allora mai riparato per mancanza di risorse. Ora la svolta, grazie alla collaborazione tra Regione e Amap che finanziano l’intervento con 5,3 milioni di euro…

Leggi tutto…

Con il via libera della Conferenza unificata il governo può sbloccare circa 250 milioni per il Piano straordinario invasi multiobiettivo e il risparmio di acqua per usi civili e agricoli destinati a 30 grandi opere. Tra queste l’adeguamento del sistema idrico nell’area Flegreo Domiziana, in Campania, e il completamento della derivazione dall’invaso di Castagnara, in Calabria…

Leggi tutto…