Sasi: un tavolo tecnico con Governo e Regione contro la crisi idrica nel Vastese

È un cahier de doléance la lettera inviata da Gianfranco Basterebbe, presidente e amministratore delegato di Sasi, sulle emergenze che riguardano l’approvvigionamento idrico di diversi comuni della provincia di Chieti. Disagi e difficoltà che interessano in particolare Vasto e il Vastese, ma anche alcune comunità del Sangro Aventino, costrette a fare i conti con il razionamento, soprattutto nelle ore notturne, della fornitura di acqua. Problema che si accentua assumendo caratteri emergenziali nel periodo estivo. Nella missiva firmata anche da tutti i comuni coinvolti e inviata a Regione Abruzzo e ai ministri di Economia e Ambiente, il numero uno della società che gestisce il servizio idrico dei 92 comuni della provincia di Chieti chiede che si attivi un tavolo tecnico per affrontare il problema e, soprattutto, «tutte le opportune procedure affinché possano essere reperiti i fondi necessari al superamento del gap infrastrutturale esistente».

Alla base dei disagi, infatti, non vi è però l’assenza di risorsa, ma la vetustà delle reti di trasporto e distribuzione, il cui quadro è tracciato con dettaglio nella missiva. Ben il 42% delle adduttrici ha oltre 60 anni di età, e ancora peggiori sono i numeri della infrastruttura di trasporto: il 12% è stato realizzato prima del 1950, il 38% tra il 1950 e il 1970, il 19% tra il 1970 e il 1980, il 21% tra gli anni Ottanta e Novanta, mentre solo il 10% dopo il 1990. La conseguenza di tale situazione è ben riassunta nell’analisi dei dati per il 2016 e il 2017 sulle interruzioni di servizio, con la «sommatoria del prodotto delle durate delle interruzioni annue (superiori a un’ora) per il rispettivo numero di utenti finali soggetto a tali interruzioni – si legge nella lettera – pari a oltre 145.500.000 ore»!

Nella parte finale della missiva sono anche individuate le soluzioni prioritarie complessive della spesa. Spesa che, comunque, Sasi, per la sola area del vastese aveva quantificato in circa 30 milioni di euro, cifra che però l’azienda non possiede.

Tra gli interventi individuati, l’incremento della disponibilità idrica attraverso la potabilizzazione delle acque di risulta sul fiume Sangro e del fiume Trigno, la costruzione delle interconnessioni tra i diversi sistemi acquedottistici gestiti, il potenziamento delle attività di ricerca perdite, l’ammodernamento e distrettualizzazione delle reti di distribuzione. A questi si aggiungono interventi, già finanziati nel masterplan, urgenti e necessari, però non risolutivi, come la realizzazione di due rilanci sull’acquedotto Fara-Casoli-Vasto-San Salvo, l’efficientamento delle reti nel comprensorio di San Salvo e di Vasto, la costruzione del collegamento tra il potabilizzatore e il serbatoio di San Salvo, il rifacimento della condotta Capo di Fiume-rilancio Polena, la messa in sicurezza della sorgente Surienze.


Leggi anche

L’opera permetterà di convogliare i reflui provenienti dai comuni di Morrovalle, Montecosaro e parte di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, al depuratore di Civitanova, eliminando gli scarichi diretti nel fiume Chienti. L’opera ha richiesto la posa di quasi 4 chilometri di nuove condotte in PVC, in sostituzione di quelle ammalorate, e il recupero di circa 500 m di vecchie condotte per una spesa di 2 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il Governo ha individuato gli interventi prioritari e i criteri di utilizzo del Fondo destinato al potenziamento delle infrastrutture idriche su tutto il territorio nazionale. Priorità all’uso potabile e alle opere previste dal Piano nazionale idrico, agli interventi non ancora finanziati e avviati, ma necessari per l’adeguamento delle infrastrutture ai parametri di qualità tecnica fissati da Arera…

Leggi tutto…

Con la realizzazione del terzo lotto dei lavori nell’area di Osmannoro, e l’eliminazione degli scarichi diretti nell’omonimo Fosso, tutti i reflui del comune fiorentino sono ora collettati al depuratore di San Colombano. L’ultimo intervento, appena concluso, è stato realizzato con un investimento di 3 milioni di euro e ha visto la posa di 6 chilometri di nuove condotte …

Leggi tutto…

Aggiudicato all’impresa cagliaritana InCo il maxi appalto per l’efficientamento delle reti di distribuzione a servizio dei comuni di Sorso, Sennori, Valledoria, Santa Maria Coghinas, Tergu e Viddalba. L’opera del valore di 3,6 milioni di euro prevede la sostituzione di oltre 15 chilometri delle vecchie condotte di distribuzione, ormai ammalorate, e il rifacimento degli allacci d’utenza…

Leggi tutto…

Entrate nell’ultima fase le opere per la sistemazione idraulica della rete fognaria dell’area nord della città. Progettati dal Comune e dal Consorzio 4 Basso Valdarno, i lavori, per una spesa di 2,4 milioni di euro, hanno come obiettivo di facilitare il deflusso del sistema fognario dei quartieri di Porta a Lucca e Gagno, evitando il ripetersi degli allagamenti in casi di piogge intense. Il secondo lotto, ora al via, prevede la posa di un nuovo collettore fognario di raccolta delle acque meteoriche …

Leggi tutto…