Scuola dell’Acqua n°7: tanti e contenti

Sono stati oltre 1.700 i ragazzi e le ragazze dai 6 ai 18 anni coinvolti dalla settima edizione della Scuola dell’Acqua, il laboratorio didattico permanente di EmiliAmbiente SpA sul tema della risorsa-acqua e del Servizio Idrico Integrato: un numero lusinghiero se si considera che il progetto – ancora in versione interamente “on line” a causa delle restrizioni legate alla pandemia Covid-19 – ha eguagliato in termini di partecipazione i numeri dell’ultima edizione svolta in presenza, nell’anno scolastico 2018/19. Probabilmente anche superandoli, visto che il dato di quest’anno non considera le classi che hanno potuto utilizzare il materiale diffuso da EmiliAmbiente sul web senza venire a contatto con la segreteria organizzativa.

Ottimi risultati anche per quel che riguarda il gradimento della proposta didattica complessiva da parte degli insegnanti. Sono stati infatti invitati come sempre a compilare un dettagliato questionario di valutazione finale

  • il 76% di chi ha risposto l’ha definita “ottima
  • il restante 24%buona

per un totale del 100% di giudizi positivi.
 

In particolare, l’offerta 2020/21 era articolata su due dimensioni.

Da una parte le lezioni sincrone, cioè incontri guidati dagli educatori di EmiliAmbiente svolti sulle piattaforme utilizzate dalle scuole per la Didattica a Distanza, accessibili esclusivamente su prenotazione. Una proposta che è stata valutata “ottima” dal 74% degli insegnanti e “buona” dal restante 26%. Dall’altra i video-lab, cioè brevi filmati con esperimenti e calcoli sperimentali facilmente riproducibili a casa, pubblicati sui canali web di EmiliAmbiente e accessibili a tutti; materiali che hanno incassato un giudizio “ottimo” nel 69% dei casi e “buono” nel restante 31%.

Nel dettaglio, gli insegnanti hanno potuto scegliere tra 2 differenti lezioni sincrone e 4 video-lab per la scuola primaria, 4 lezioni sincrone e 4 video-lab per quella secondaria di 1° grado, nonché 3 lezioni sincrone e 2 video-lab per la scuola secondaria di 2° grado. Da segnalare anche che sono state una decina le nuove proposte trasversalmente a tutti i gradi e focalizzate su sostenibilità e Agenda 2030. Come le lezioni sincrone “Pronti, via: 2030!”, “Sviluppo Sostenibile: fai la tua parte”, “Oro blu: l’impronta idrica” e i video-lab “Quanta acqua c’è sulla terra?”, “Sviluppo sostenibile: che vuol dire davvero?” e “S-Tombola”.
 

Il report sui risultati della Scuola dell’Acqua n° 7 è interamente consultabile sul sito www.emiliambiente.it/scuola-dellacqua

 

Dopo i mesi estivi – in cui la Scuola non si è fermata, portando le proprie attività nei centri estivi organizzati nei Comuni di Polesine Zibello e San Secondo Parmense, con ottimi riscontri da parte di organizzatori, animatori e ragazzi  – è ora in cantiere l’ottava annualità del progetto, in programma per l’anno scolastico 2021/2022.
 

Adriano Fava, Presidente di EmilAmbiente, afferma

“Nella progettazione siamo lavorando a partire proprio dai suggerimenti forniti dagli insegnanti coinvolti dall’edizione precedente. Tra questi la necessità di re-inrodurre, se appena la condizioni generali lo consentiranno, l’attività in presenza, la proposta di progetti continuativi – in gradi di incidere maggiormente sull’apprendimento e sulla modifica dei comportamenti, rispetto all’intervento singolo – e centrati sulle dimensioni dell’interattività, del “toccare con mano”, senza dimenticare di mantenere la flessibilità rispetto alle esigenze dell’insegnante che da sempre caratterizza il progetto”.

 


Leggi anche

Il nuovo presidio fa parte dell’Unità operativa Foligno-Spoleto e gestisce gli impianti elettrici di media e bassa tensione nei territori comunali di Norcia, Cascia, Preci, Monteleone di Spoleto, Poggiodomo e Sellano. Rappresenta anche un nuovo tassello nella ricostruzione della città di San Benedetto dopo il sisma del 2016, città nella quale la società vuole realizzare una delle smart grid più innovative della Penisola…

Leggi tutto…

Il gestore idrico ha messo a punto un programma di opere per abbattere le emissioni odorigene e migliorare l’efficienza dell’impianto nel comune costiero di Pietrasanta, in provincia di Lucca. Il progetto, del valore di 1,5 milioni di euro, prevede interventi che, oltre a risolvere, il problema incrementeranno la performance depurativa e consentiranno anche un importante risparmio energetico….

Leggi tutto…

La società italiana si è aggiudicata la gara internazionale per l’acquisizione di Deda Infrastructure, una holding greca che controlla i tre principali operatori della distribuzione gas in Grecia. Gara nella quale Italgas ha superato la concorrenza di grandi fondi infrastrutturali da tutto il mondo. L’operazione del valore di 730 milioni di euro sarà conclusa entro fine anno …

Leggi tutto…

Con l’acquisizione della società veneta, il Gruppo Hera consolida ulteriormente la propria leadership nel settore ambiente. Da questa e le altre due operazioni analoghe effettuate nel primo semestre 2021 nell’ambito del trattamento rifiuti industriali, si stima un contributo consolidato al margine operativo lordo della multiutility per circa 20 milioni di euro….

Leggi tutto…

Rete fognaria ai raggi X per eliminare le acque cosiddette “parassite” e, quindi, migliorare le performance dei depuratori. È questo l’ambizioso progetto che ATS sta avviando nell’area dei 52 comuni del servizio idrico integrato. Si conta di partire già a novembre con la rete fognaria di Carbonera, per estendere poi il risanamento ad altre aree di tutto il territorio. In corso gli studi idraulici e i monitoraggi preventivi….

Leggi tutto…