Servizio di monitoraggio permanente di portata delle reti fognarie di BrianzAcque

 

   

Cornelia Di Finizio – BrianzAcque
Paolo Ridella – B.M. Tecnologie Industriali

 

I Big Data stanno sempre più ridefinendo la visione di governance delle Pubblic Company dell’Acqua, orientando il processo decisionale verso un approccio data-driven. Se il successo del data management è incardinato da un lato in una robusta rete tecnologica di acquisizione dati, la presenza di una struttura organizzativa in grado di interpretare e tradurre in decisioni questo patrimonio digitale è elemento altrettanto sostanziale e decisivo.

Attribuire un senso ai processi e implementare l’affidabilità degli strumenti modellistici sono il più efficace antidoto all’incertezza indotta dagli scenari climatici globali presenti e futuri, per una gestione del Servizio Idrico Integrato resiliente e strategica.

Diventa quindi fondamentale poter contare su una approfondita conoscenza del sistema e delle sue variabili, attraverso l’acquisizione solida e continuativa di dati e informazioni.

La rete di monitoraggio permanente delle portate fognarie di BrianzAcque dota l’Ente di oltre 40.000 dati all’ora, che orientano il processo di decision making, riducendone l’incertezza e alimentando modelli e pattern gestionali a supporto. Un approccio innovativo, che centralizza l’acquisizione del dato in un appalto “chiavi in mano” da oltre 7 milioni di euro e che consolida il percorso avviato dal Settore Progettazione e Pianificazione Territoriale nell’ultimo decennio, volto a costruire, attraverso la conoscenza a 360 gradi del proprio patrimonio, processi sempre più efficaci ed efficienti, nel breve e nel lungo periodo.

Il processo data-driven si sviluppa trasversalmente a tutta la struttura, con ritorni temporali immediati e su lungo periodo, investendo diverse funzioni gestionali.

I dati restituiti da questa rete di mille misuratori area-velocity, correlata ad una fitta rete pluviometrica di circa cento strumenti, concorrono a potenziare e calibrare in real time il modello matematico di simulazione idraulica delle reti di fognatura in gestione a Brianzacque, implementando così il Piano Fognario Integrato di tutta la provincia gestita dalla MonoUtility, esito del progetto “RIMODEL” avviato nel 2012, intervenendo così sulla pianificazione degli investimenti medium e long term.

L’installazione di sensori di attivazione sugli scarichi in corpo idrico superficiale, provenienti da tutti i 450 scolmatori di BrianzAcque, dialoganti con il sistema di telecontrollo aziendale e al pronto intervento operativo, garantiscono un altissimo livello di protezione ambientale e integrano il processo di compliance normativa ai livelli qualitativi del servizio idrico integrato individuati da ARERA e ai regolamenti regionali in materia di invarianza idraulica.

La possibilità di visualizzare i dati di misura in maniera efficace e istantanea, attraverso dashboard intuitivi e semplificati, adatti anche alla consultazione da parte del personale operativo a campo mediante tablet, aprono ad un innovativo approccio “self-service”, che fornisce un prezioso strumento immediato a supporto delle decisioni operative istantanee.

La validazione, l’analisi e l’interpretazione dell’enorme mole di dati resi da questo sistema di monitoraggio permanente sono gli elementi cardine per sviluppare strategie long term, anche attraverso lo studio di indicatori e trend che, unito all’attitudine all’innovazione e all’apprendimento continuo dell’Ente, contribuiscono alla definizione di pattern ricorrenti che possano concorrere alla ricostruzione di modelli predittivi fondamentali per l’ottimizzazione dei processi gestionali.

Tradurre i dati in azioni strategiche: Una rivoluzione tecnologica, ma anche culturale.

 

 

Scopri il programma ed iscriviti cliccando qui

 


Leggi anche

I due gruppi hanno sottoscritto un term sheet per il riassetto delle attività di distribuzione gas e lo sviluppo di una società di commercializzazione dell’energia nei territori di Veneto, Friuli e Lombardia. Grazie a questa operazione, Ascopiave cresce nella distribuzione gas, diventando il primo operatore del Nord-Est, mentre Hera supera il target dei 3 milioni di clienti energy…

Leggi tutto…

Il gestore della rete gas nazionale ha ottenuto un finanziamento di 25 milioni di euro dalla Banca europea per gli investimenti per alcuni progetti nel campo della mobilità sostenibile a gas e biometano. Le risorse serviranno a realizzare 101 stazioni di rifornimento di gas naturale compresso e 9 di gas liquefatto e compresso in tutta Italia…

Leggi tutto…

Sarà in esercizio per la prossima stagione termica il cogeneratore che BrianzAcque sta realizzando nel depuratore di San Rocco. L’impianto, dal costo di 4,3 milioni di euro, produrrà elettricità per alimentare i macchinari a servizio dello stesso depuratore, ed energia termica per la rete di teleriscaldamento di Acsm Agam. Un ciclo virtuoso che eviterà l’emissione in atmosfera di 3000 tonnellate di CO2 all’anno …

Leggi tutto…

L’AD Paolo Gallo ha presentato il nuovo Piano 2019-2025. Quattro i pilastri fondanti: sviluppo e ammodernamento della rete; digitalizzazione; sviluppo della rete di distribuzione gas in Sardegna; estensione della rete e del numero di utenze con l’acquisizione di altre realtà, in attesa che partano le gare per le concessioni …

Leggi tutto…

La società ha completato il Pan, Puglia active network, il grande progetto per rendere smart la rete di distribuzione pugliese. Avviato nel 2014 con un investimento di 170 milioni di euro cofinanziato al 50% dalla Commissione europea, il programma ha reso l’infrastruttura regionale intelligente e flessibile: oggi è pronta ad accogliere l’energia prodotta da oltre 44.000 impianti rinnovabili e dispone di una rete per la ricarica dei veicoli elettrici …

Leggi tutto…