SevesoStream: gli occhi dei droni per censire gli scarichi

L’impiego della tecnologia dei droni per mettere in sicurezza l’ambiente e la salute dei cittadini. È il progetto Seveso Stream, che prevede il censimento di tutti gli scarichi presenti lungo il corso idrico del Seveso, noto per le criticità ambientali e idrauliche che presenta. Finanziato da Regione Lombardia e AIPO, con il coordinamento scientifico di Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA), il progetto ha come protagonisti i seguenti gestori idrici:

 

 

Rispettivamente attivi nei territori di Monza e Brianza, Milano e Como, quelli interessati dall’iniziativa.

Una sinergia tra i tre gestori lombardi nel nome dell’open innovation, che consentirà di creare un database geo-referenziato degli scarichi. E fornire così alle amministrazioni locali e regionali un utile strumento di consultazione dal quale partire per effettuare scelte e decisioni operative.

Il metodo BrianzaStream

Cuore del progetto è il metodo “BrianzaStream”, un modello sperimentale sviluppato da BrianzAcque, che vede l’utilizzo dei droni per la georeferenziazione degli scarichi. Con tutti i vantaggi che l’impiego di questa tecnologia comporta.

Normalmente, infatti, il censimento degli scarichi viene effettuato attraverso sopralluoghi sugli alvei. Attività difficoltose, che comportano un elevato impiego di risorse, tempo e energie, senza trascurare le difficoltà per gli operatori in campo di raggiungere tutte le aree. Problema risolto con i droni. Questi possono arrivare:

  • in luoghi altrimenti inaccessibili
  • in totale sicurezza

individuando gli scarichi e rilevando dati e informazioni che saranno poi condivisi con chi opera nella salvaguardia dell’ambiente.

Un database completo

A ogni volo, infatti, il drone sorvola l’alveo e scatta due foto georeferenziate degli scarichi e fa delle riprese ad alta risoluzione. Informazioni che diventano shapefile che, a loro volta, vengono caricati sul Sistema Informativo Territoriale (SIT) e completati con monografie, così da avere a disposizione un quadro esaustivo di ogni singolo scarico.

Grazie ai dati raccolti con Seveso Stream si potrà valutare lo stato delle acquee quindi mettere in atto azioni a tutela dell’ecosistema fluviale. Un ecosistema fondamentale per la vita, ma troppo spesso messo in discussione dalle molteplici forme di inquinamento che lo caratterizzano.

Un modello di Open Innovation a 360°

«Questo progetto integra un modello di Open Innovation a 360 gradi, a partire dagli enti coinvolti, che si aprono al reciproco scambio, passando per l’impiego creativo di una nuova tecnologia, nell’obiettivo comune di individuare percorsi diversi da quelli tradizionali – ha spiegato Cornelia Di Finizio, dell’Ufficio Progettazione Innovativa di BrianzAcque -. Si svela così il nuovo paradigma, quello dell’Innovazione Aperta, che germoglia attraverso lo sharing, la permeabilità e la convergenza delle persone, ancor prima che delle tecnologie».

Non solo tecnologia: fondamentale il lavoro di squadra

E, infatti, insieme all’uso creativo della tecnologia, altro aspetto fondamentale per il successo dell’iniziativa è quello delle diverse competenze e del lavoro di squadra del team chiamato a portarla avanti.

Un team giovane e dinamico, che collaborerà nell’estensione dei rilievi, e costituito da: Cornelia Di Finzio e Ilaria Bocus per BrianzAcque, Giovanni Vargiu, Annalisi Ramondetti e Simone Curcio per CAP Holding, Fabio Tagliabue per Como Acqua, Riccardo Falco per FLA.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

L’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera ha affidato a un consorzio composto da Associazione Ithaca, DIST – Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio del Politecnico di Torino e Ithaca Srl un importante contratto per la produzione di cartografia. L’incarico prevede la produzione di cartografia digitale, mappe di infografica, map book, utili all’attività dell’Agenzia….

Leggi tutto…

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

La società è tra le 16 realtà selezionate dal Centro Satellitare dell’Unione Europea per il progetto che punta sull’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale per creare una piattaforma che aiuti il monitoraggio delle attività umane e ambientali avvalendosi dei dati satellitari forniti dal programma di osservazione COPERNICUS. Smat vi partecipa con il monitoraggio dei bacini di lagunaggio di La Loggia…

Leggi tutto…

Sulla piattaforma verrà caricata l’intera base informativa delle reti e impianti fognari e saranno implementate interfacce 3D che renderanno la gestione delle infrastrutture sempre più smart. Tutto il processo verrà realizzato con l’impiego di tecnologie di ultima generazione, come laser scanner 3D, il GNSS, la geo-radiolocalizzazione e navigazione terrestre. …

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2018, 13-14 Giugno 2018 | Torino, Centro Ricerche SMAT

La quarta edizione sarà dedicata al tema del Servizio Idrico Integrato. Gli esperti di tutta Italia si danno appuntamento a Torino in “casa SMAT” per trovare una soluzione e mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti. Questo uno degli interventi che si terranno durante l’evento.
Scopri di più…

Leggi tutto…