SGR realizzerà a Ferrara un impianto per la produzione di biometano da rifiuti organici

SGR Bio Ferrara S.r.l, società con pluriennale esperienza nella gestione dei rifiuti solidi urbani negli impianti di trattamento della FORSU, nata dalla partnership tra il Gruppo SGR di Rimini e Calabra Maceri e Servizi di Rende (CS), realizzerà e gestirà, a Copparo, in provincia di Ferrara, un grande impianto di produzione di biometano, che sarà un’eccellenza nell’ambito della biodigestione anaerobica e del compostaggio.

 

La collaborazione con BNL BNP Paribas

Il gruppo bancario è stato scelto come partner finanziario di SGR Bio Ferrara S.r.l nell’ambito del finanziamento su base project. Quest’ultimo è volto alla pianificazione di nuovi investimenti, per un valore totale di 30 milioni di euro, finalizzati allo sviluppo di un progetto che include impianti con tecnologie innovative che, valorizzando la Frazione Organica da Rifiuti Solidi Urbani (FORSU), permetteranno di generare biometano e compost organico riducendo l’uso di combustibili fossili, l’impiego di fertilizzanti chimici e le emissioni in atmosfera. La partnership con SGR Bio Ferrara S.r.l è in linea con l’impegno di BNL BNP Paribas nel creare modelli di business orientati alla sostenibilità ambientale e sociale, con particolare attenzione alle nuove generazioni.


 

Un passo dopo l’altro SGR prosegue la sua strategia orientata ad uno sviluppo sostenibile– commenta Demis Diotallevi, Direttore Generale di Gruppo Società Gas Rimini -. Il biometano prodotto da rifiuti da un lato ci consente di partecipare attivamente all’economia circolare, dall’altro crea i presupposti verso una maggiore autonomia del nostro Paese in tema di approvvigionamenti di materie prime. La partnership con una realtà qualificata come Calabra Maceri e Servizi ci assicura efficacia operativa nel settore della gestione integrata dei rifiuti solidi urbani”.

Demis Diotallevi

 

Questa operazione – afferma Chiara De Gasperi, Direttore Territoriale Centro Nord di BNL BNP Paribasè coerente con la nostra strategia di sostegno alle realtà produttive del territorio. Mettiamo a disposizione delle aziende il know-how della Banca e le specializzazioni delle Società del Gruppo BNP Paribas in Italia, per supportare il loro business in ottica di crescita industriale all’insegna della sostenibilità e dell’innovazione”.


Leggi anche

Il nuovo progetto di economia circolare sarà portato avanti da Bioenergia Gualdo, società compartecipata da A2A Ambiente e Saxa Gres. L’impianto sarà in grado di trattare 60.000 tonnellate all’anno di FORSU e di sfalci delle potature del verde urbane, producendo oltre 4,9 metri cubi all’anno di biometano, che sarà immesso nella rete di trasporto gas, e 12.000 tonnellate annue di compost da destinare all’agricoltura…

Leggi tutto…

Prosegue l’espansione nell’isola della società del gruppo Italgas che ha acquisito l’intero capitale sociale dell’azienda di Gruppo Fiamma titolare di 12 concessioni per la distribuzione del GPL. L’operazione del valore di 31,7 milioni di euro, porta in dote a Medea oltre 430 chilometri di rete che il prossimo anno saranno convertite al metano e digitalizzate per distribuire nel prossimo futuro anche gas rinnovabili…

Leggi tutto…

Il gas sostenibile comincia a scorrere nelle infrastrutture del secondo operatore nazionale della distribuzione, che ha connesso alla sua rete tre impianti di produzione situati nelle province di Lodi, Asti e Lecce e di proprietà di società terze. La quantità immessa a regime sarà in grado di soddisfare il fabbisogno annuo di circa 10.000 famiglie….

Leggi tutto…

Realizzato a Reggio Emilia, con un investimento di 54 milioni di euro, una volta a regime l’impianto permetterà di generare dalla parte organica dei rifiuti 9 milioni di metri cubi di biometano all’anno, 53.000 tonnellate di compost di qualità e 10.000 tonnellate di CO2 per usi industriali. Un’opera che costituisce un ulteriore esempio di economia circolare nel segno della sostenibilità e della transizione ecologica della multiutility…

Leggi tutto…

Sono due i progetti presentati dal gestore idrico di 76 comuni tra le province di Napoli e Salerno al bando del Piano e ammessi ai finanziamenti. Il primo riguarda il potenziamento dell’impianto di Nocera Superiore, che riceverà 10 milioni di euro. Il secondo, finanziato con 8 milioni, riguarda invece la realizzazione di un polo integrato di valorizzazione energetica e riduzione dei fanghi presso il depuratore di Scafati…

Leggi tutto…