Si avanza con il primo lotto dei lavori del teleriscaldamento ad Alessandria

Procedono come da programma le opere per la posa delle condotte preisolate che costituiranno la rete di teleriscaldamento a servizio della città di Alessandria. A eseguire i lavori Telenergia, la società titolare del progetto che gestirà il servizio, nata dalla partnership tra Gruppo Egea di Alba e la multiutility alessandrina Amag, che sta ultimando la prima delle due centrali a cogenerazione a servizio della rete nella zona Sud della città, ai margini del quartiere Europa.

Attualmente la centrale è stata già dotata di due cogeneratori, due caldaie della potenza di 8 MW e una terza caldaia da 18 MW. L’impianto, alimentato in parte con gas naturale e in parte con fonti rinnovabili, è prossimo all’entrata in esercizio producendo calore che sarà distribuito alle abitazioni dei quartieri Europa e Pista.

Una grande opera, che nel suo complesso sarà conclusa in 6 anni di lavoro, con un investimento di 90 milioni di euro, molto attesa dalla città. «Grazie alla significativa riduzione degli agenti inquinanti, in particolare CO e NOX, e al parziale utilizzo delle fonti rinnovabili per alimentare la centrale, il teleriscaldamento contribuirà a contrastare l’inquinamento urbano che colpisce ormai da diversi anni la nostra città», ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Alessandria, Giovanni Barosini.

E mentre i cantieri procedono senza criticità lo stesso assessorato ha deciso di istituire un Tavolo di lavoro permanente al quale parteciperanno il livello politico e tecnico del Comune, l’Ufficio comunicazione dell’ente, il servizio di Polizia locale, Telenergia e la Direzione lavori che si occupa del coordinamento di tutte le attività, che, attraverso incontri regolari, verificherà l’andamento dei lavori per condividere puntualmente con la cittadinanza novità e informazioni utili.

La posa dei tubi costituisce infatti una fase importante per tali progetti ed è inevitabile che possano verificarsi temporanei disagi per residenti e automobilisti. Disagi ridotti al minimo nel caso in questione, anche grazie all’impegno di Telenergia che ha accompagnato i cittadini alla scoperta del sistema di teleriscaldamento e dei suoi benefici, attraverso visite alla centrale, incontri pubblici. Attività che hanno dato i frutti sperati, con i dati sulle richieste di allaccio che confermano il grande interesse della popolazione per il servizio.


Leggi anche

Innovazioni tecnologiche per la digitalizzazione dei sistemi di teleriscaldamento a bassa temperatura. Questo il focus del workshop all’interno del progetto europeo TEMPO (Temperature Optimisation for Low Temperature District Heating across Europe) di giovedì 7 Novembre 2019 organizzato da A2A Calore e Servizi ed Euroheat & Power / DHC + presso l’Auditorium del termoutilizzatore di Brescia…

Leggi tutto…

La società, che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio, fa i conti con il calo della domanda di calore, causata, da un lato, dai cambiamenti climatici e, dall’altro, dalla maggior efficienza energetica raggiunta dagli edifici nel corso degli ultimi anni. Per questo pensa allo sviluppo del nuovo servizio di climatizzazione estiva…

Leggi tutto…

Lo dice il report Teleriscaldamento e teleraffrescamento in Italia, alla sua prima edizione, realizzato dal Gse che fa il punto sulla diffusione della tecnologia sulla base dei dati del 2017. Circa 300 le reti presenti, con Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna in testa alla classifica delle volumetrie servite. Si diffonde anche il teleraffrescamento, 32 reti presenti…

Leggi tutto…

Al via il progetto REWARDheat, che coinvolge 28 partner europei, tra aziende energetiche, produttori di tecnologie e centri di ricerca, coordinato da Eurac Research di Bolzano, che ha come obiettivo di testare infrastrutture di distribuzione del calore innovative. Sostenuto da un investimento di 35 milioni di euro, metà dei quali finanziati dalla Commissione europea, e della durata di 4 anni, vedrà la realizzazione di 8 diverse reti in 8 differenti città …

Leggi tutto…

Grazie all’accordo con Rea Dalmine, la multiutility avrà a disposizione una quota aggiuntiva di calore pari al 50% rispetto a quella attuale, che consentirà di estendere il servizio ai quartieri della città ancora non serviti. Calore che proverrà dalla conversione cogenerativa dell’impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Greenthesis Group. Inoltre, sarà costruita una nuova dorsale di 15 chilometri e un nuovo accumulatore di calore da 5000 m3…

Leggi tutto…