Si avanza con il primo lotto dei lavori del teleriscaldamento ad Alessandria

Procedono come da programma le opere per la posa delle condotte preisolate che costituiranno la rete di teleriscaldamento a servizio della città di Alessandria. A eseguire i lavori Telenergia, la società titolare del progetto che gestirà il servizio, nata dalla partnership tra Gruppo Egea di Alba e la multiutility alessandrina Amag, che sta ultimando la prima delle due centrali a cogenerazione a servizio della rete nella zona Sud della città, ai margini del quartiere Europa.

Attualmente la centrale è stata già dotata di due cogeneratori, due caldaie della potenza di 8 MW e una terza caldaia da 18 MW. L’impianto, alimentato in parte con gas naturale e in parte con fonti rinnovabili, è prossimo all’entrata in esercizio producendo calore che sarà distribuito alle abitazioni dei quartieri Europa e Pista.

Una grande opera, che nel suo complesso sarà conclusa in 6 anni di lavoro, con un investimento di 90 milioni di euro, molto attesa dalla città. «Grazie alla significativa riduzione degli agenti inquinanti, in particolare CO e NOX, e al parziale utilizzo delle fonti rinnovabili per alimentare la centrale, il teleriscaldamento contribuirà a contrastare l’inquinamento urbano che colpisce ormai da diversi anni la nostra città», ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Alessandria, Giovanni Barosini.

E mentre i cantieri procedono senza criticità lo stesso assessorato ha deciso di istituire un Tavolo di lavoro permanente al quale parteciperanno il livello politico e tecnico del Comune, l’Ufficio comunicazione dell’ente, il servizio di Polizia locale, Telenergia e la Direzione lavori che si occupa del coordinamento di tutte le attività, che, attraverso incontri regolari, verificherà l’andamento dei lavori per condividere puntualmente con la cittadinanza novità e informazioni utili.

La posa dei tubi costituisce infatti una fase importante per tali progetti ed è inevitabile che possano verificarsi temporanei disagi per residenti e automobilisti. Disagi ridotti al minimo nel caso in questione, anche grazie all’impegno di Telenergia che ha accompagnato i cittadini alla scoperta del sistema di teleriscaldamento e dei suoi benefici, attraverso visite alla centrale, incontri pubblici. Attività che hanno dato i frutti sperati, con i dati sulle richieste di allaccio che confermano il grande interesse della popolazione per il servizio.


Leggi anche

Annunciato lo scorso ottobre, è diventato realtà lo scambio di infrastrutture tra i due gruppi, funzionale al rafforzamento dei rispettivi core business. Con questa operazione Italgas ha ceduto ad A2A Calore & Servizi il teleriscaldamento di Cologno Monzese (Milano), ottenendo da Unareti le attività di distribuzione gas nei sette comuni piemontesi che fanno parte dell’Atem 4 Alessandria…

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

L’impianto, che sorge nel territorio di Ferrara, passa nelle mani della multiutility e di Enel Green Power, che nel 2017, in raggruppamento temporaneo di imprese, si sono aggiudicate il bando per la coltivazione del giacimento geotermico. Un passaggio che apre nuove prospettive per lo sviluppo del teleriscaldamento cittadino, gestito da Hera, già alimentato per il 43% dall’energia pulita generata dalla centrale…

Leggi tutto…

Progettato da Brianza energia ambiente (Bea), il sistema sarà completato per la fine dell’anno e all’inizio servirà 15 utenze pubbliche, per poi procedere con l’allaccio di quelle private. Ad alimentare la rete, che sarà realizzata con un investimento di 7 milioni di euro, il calore generato dalla combustione dei rifiuti nel termovalorizzatore di Desio, sempre di proprietà di Bea…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…