Acquambiente Marche aderisce alla rete Risorse idriche e ambientali Marche

Si rafforza la rete di imprese dei gestori delle Marche

“L’unione fa la forza”: all’insegna del vecchio adagio nasceva, a febbraio dello scorso anno Risorse idriche e ambientali Marche, una rete di imprese costituita da Ciip, il gestore del servizio idrico nei comuni compresi nell’Ato 5 Marche, e Asite, la multiservizi del comune di Fermo (Ascoli Piceno), attiva in particolare nei servizi ambientali ed energetici (vettoriamento metano e produzione biogas). Rete che ora si amplia con l’ingresso di Acquambiente Marche, società che gestisce il ciclo idrico e la distribuzione gas nei comuni di Cingoli (Macerata), Filottrano, Numana e Sirolo (Ancona) e fornisce acqua potabile, come parte del fabbisogno idrico complessivo, ai gestori: Astea (Osimo), Apm (Castelfidardo), Multiservizi (Camerano).

Con l’ingresso del nuovo socio si rafforza dunque l’azione sinergica messa in campo per implementare la capacità competitiva delle imprese, obiettivo portato avanti attraverso l’esercizio in comune di attività di ricerca di nuove tecnologie, di economie di scala, di rappresentanza di interessi nei confronti degli stakeholder istituzionali e associativi e nell’ambito dei processi decisionali.

Il programma di rete prevede la collaborazione sia nei servizi idrici, ambientali ed energetici sia nelle attività a carattere amministrativo, con la valorizzazione del patrimonio di conoscenze e competenze sviluppato negli anni con successo dalle tre realtà.

«Aderiamo al contratto di rete nella prospettiva di fornire servizi migliori e più qualificati nell’interesse degli utenti, ma anche con l’obiettivo di abbattere i costi, grazie alle sinergie delle rispettive competenze nel servizio idrico integrato e negli altri servizi – ha commentato Massimo Palazzesi, presidente di Acquambiente Marche – Solo agendo così potremo migliorare l’ambiente e soddisfare le richieste di utenti e cittadini».


Leggi anche

Lo sfruttamento del biogas e del biometano, la promozione della mobilità sostenibile alimentata a gas, lo sviluppo dell’idrogeno, sono alcuni dei temi al centro dell’accordo di collaborazione siglato a Roma tra il nostro gestore della rete di trasporto e l’azienda energetica della Repubblica dell’Azerbaigian, entrambe già socie nel progetto Tap …

Leggi tutto…

Il CEO di Italgas è stato scelto alla guida dell’associazione che riunisce i sei principali operatori della distribuzione gas in Europa. La nomina è arrivata nel corso dell’assemblea generale dell’associazione, svoltasi a Bruxelles, alla quale ha partecipato anche il direttore generale Energia della Commissione europea, Ditte Juul Jørgensen …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Nel segno della transizione energetica il nuovo piano 2019-2023 del gestore della rete di trasporto gas. Il volume degli investimenti, rispetto alla precedente strategia, cresce del 14%, con un maggior impegno sia sul territorio, con la sostituzione di 1000 km di condotte e risorse aggiuntive per 400 milioni, sia sui nuovi business green, con 1,4 i miliardi a sostegno del progetto SnamTec…

Leggi tutto…

 
Gruppo CAP, Città Metropolitana di Milano, ATO e Kyoto Club ne parlano in un convegno in via Vivaio il 3 dicembre….

Leggi tutto…