Sii ha quasi completato l’acquedotto Teria-Pentima


Procedono secondo programma i lavori per la realizzazione dell’acquedotto Teria-Pentima, la grande opera che dovrà garantire l’approvvigionamento idrico di alcuni centri della Valnerina e, soprattutto, della conca ternana e del territorio amerino. Il progetto di Servizio idrico integrati (Sii) prevede la posa di circa 24 km di condotte in ghisa dal diametro di 600 mm, all’interno delle quali scorrerà, con una portata di 400 l/s, l’acqua proveniente da 9 pozzi di attingimento, anch’essi compresi nel progetto, che la capteranno dal fiume Nera. Opera ormai conclusa per l’80%, fa sapere il gestore del servizio idrico: oltre 20 i chilometri di condotte già installate, così come sono 6 i pozzi già scavati. Obiettivo dell’azienda è terminare gli interventi entro giugno, come peraltro imposto da Regione Umbria pena la perdita del finanziamento. Si tratterebbe di un problema grave, dal momento che le risorse stanziate dalla Regione per l’acquedotto ammontano a ben 13,5 milioni di euro, sul totale del costo pari a 17,5 milioni (i restanti 4 provengono dalle tariffe del servizio idrico). Se tutto continuerà a procedere secondo i piani, il nuovo acquedotto entrerà in servizio per la fine dell’anno. Parallelamente alla realizzazione dell’opera, Sii ha portato avanti un’importate attività di ricerca perdite sulla rete di distribuzione della città di Terni, dove il livello di dispersione arrivava a oltre il 40%. Livello che ora è stato praticamente dimezzato, attestandosi intorno al 20%.


Leggi anche

Siglato dal Comune di Roma, Regione Lazio e dalla multiutility capitolina il disciplinare che rinnova fino al 2031 ad Acea Ato 2 la concessione della gestione dell’infrastruttura, che garantisce l’approvvigionamento della Capitale. Un passaggio propedeutico alla realizzazione della seconda linea dell’acquedotto, indispensabile per mettere Roma e diversi comuni della regione al riparo dalle crisi idriche …

Leggi tutto…

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…

Presentato dall’AD Piero Ferrari, il nuovo piano punta a migliorare le infrastrutture dei 55 comuni gestiti e l’efficienza operativa attraverso la digitalizzazione dei processi. Una bella fetta di risorse sarà destinata all’ottimizzazione dei distretti idrici e alla riduzione e valorizzazione dei fanghi di depurazione …

Leggi tutto…