SITReti, un sistema integrato e collaborativo che sposa il Cloud andando oltre il client server

Dal magazine edizione settembre/ottobre

Pier Luigi Fedrizzi CEO di  I&S Informatica e Servizi Srl

 

Alla luce dell’assegnazione dei primi 600 milioni di euro del PNRR idrico M2C4.I4.2 e delle relative graduatorie, con molte domande che non hanno raggiunto il punteggio minimo, si potrebbe desumere che, in molti dei progetti presentati, sia stato sottovalutato il ruolo essenziale di una corretta digitalizzazione degli assets, completi dei relativi dati idraulici e geometrici integrati in un Data Warehouse unico.

Il primo dei 9 punti ammessi a finanziamento, elencati cronologicamente nell’Art.5, rappresenta infatti la base di partenza imprescindibile per affrontare in sequenza quelli successivi, sintetizzati qui di seguito:

  1. Rilievo e creazione di un GIS integrato con un sistema di Asset Management
  2. Installazione di strumenti di misura
  3. Modellazione della rete
  4. Installazione valvole di controllo
  5. Distrettualizzazione della rete
  6. Pre-localizzazione delle perdite
  7. Identificazione dei tratti su cui intervenire tramite modellazione
  8. Interventi di manutenzione straordinari
  9. Installazione di strumenti di smartmetering.

Prima di procedere alla realizzazione dei punti 8 e 9 risulta evidente la necessità di un supporto informatico, moderno ed innovativo, in grado di far collaborare i diversi attori coinvolti già dalla fase di creazione della banca dati.

 

Software e tecnologie

Molte aziende del settore idrico si trovano in sovrabbondanza di strumenti informatici ma in carenza di integrazione tra gli stessi e talvolta lamentano una scarsa conoscenza delle informazioni (dati della rete) necessarie. La ricerca di uno strumento adatto alla creazione del database, attraverso l’importazione dei dati da diverse fonti e il rilievo sul campo e digitalizzazione delle informazioni mancanti, impone la sfida di dotarsi di un moderno e specifico sistema GIS che risponda ad alcune caratteristiche ritenute strategiche:

  • alto livello d’innovazione tecnologica (WebGIS, Android, IoT)
  • utilizzo di strumenti e tecnologie di larga diffusione e di facile apprendimento
  • gestibilità interna autonoma, sia per l’aggiornamento dei dati che per la modellazione e la distrettualizzazione
  • integrazione garantita tra GEO Database e Modello di calcolo
  • facile integrazione tramite API con applicazioni esistenti e future
  • erogazione in modalità Cloud \ SaaS, come da indicazioni del PNRR
  • esperienza provata e conoscenza del dominio idrico del partner tecnologico prescelto.

 

Cosa chiede il PNRR

Digitalizzazione dei processi”, “Interoperabilità tra pubblico e privato” ed “Utilizzo dei sistemi in modalità cloud”; è importante sottolineare come il raggiungimento di questi obiettivi passa per una forte interazione fra molteplici elementi (vedi figura in alto). Entrano in gioco:

  • strumenti necessari alla digitalizzazione dei processi
  • figure tecniche e amministrative che collaborano nei processi
  • figure operative che operano quotidianamente sul territorio.

Diventa necessario scegliere software che concretizzino questi concetti: utilizzando lo strumento adatto ad ogni singola attività e costruendo un Data Warehouse condiviso e fruibile in Cloud, realizzando così il principio cooperativo di utilizzo delle informazioni, coinvolgendo tutti gli attori, valorizzando le competenze e responsabilizzando i singoli.

 

La scelta tecnologica

SITReti di I&S è una soluzione software che risponde appieno a queste esigenze. Pensata nel 2001 per ESTRA SpA (ex Consiag Reti) di Prato che la utilizza ancor oggi in ambito gas, interfacciata prima con SAP e poi con NETA, ha fruito nel corso degli anni di affinamenti ed aggiornamenti tecnologici.

Nel 2021 è stata adottata anche da AmAmbiente di Pergine Valsugana (TN) per la gestione per la rete idrica e fognature. SITReti consente, anche tramite tecnologia Autodesk, di creare e aggiornare una rete topologica salvata in un GEO Database Spatial, condiviso e tenuto aggiornato con le più innovative tecnologie disponibili: WebGIS, GEORef, Android, QGIS ed altro. Per la modellazione può usare diversi software e fornisce, già integrato nel sistema, EPANET; software certificato dall’Agenzia per l’Ambiente EPA-Americana, in uso in tutte le Università Italiane.

Si tratta infine di un’applicazione laica rispetto ai grandi vendor di settore, dai quali si è svincolata negli anni eliminando così i costi annuali di licenza, ma conservando la piena compatibilità col mondo DWG, SHAPE e GEOSpatial.
 


 


Leggi anche

Portati avanti con un investimento complessivo di 4,1 milioni di euro, i lavori hanno come obiettivo di risolvere l’infrazione comunitaria che grava sulla frazione del comune di San Casciano in Val di Pesa. Concluse le opere di potenziamento del depuratore, la cui capacità di trattamento è stata portata da 1300 a 1950 ae, mentre entro fine anno saranno completate quelle sulla rete fognaria finalizzate a eliminare gli scarichi in ambiente e a estendere il servizio di raccolta dei reflui…

Leggi tutto…

Intelis™ wSource™ incorpora informazioni native, dalla quantificazione delle perdite ai profili di utilizzo, per guidarvi nel processo decisionale quotidiano. Intelis wSource di Itron è un contatore d’acqua a ultrasuoni che offre un livello di precisione ineguagliabile e funzionalità avanzate per aiutarvi a lavorare più velocemente, a proteggere le risorse idriche e a semplificare la fatturazione….

Leggi tutto…

25 km di nuove condotte, il potenziamento degli impianti di depurazione, un investimento di 16 milioni di euro, più altri 35 milioni, in 5 anni, sempre per la depurazione. Sono i numeri del grande progetto del gestore idrico per completare la rete di raccolta e collettamento dei reflui e il loro trattamento nella città della Torre. Una grande opera che permetterà di eliminare gli scarichi in ambiente e di garantire un servizio di alta qualità su tutto il territorio cittadino …

Leggi tutto…

Il progetto di Regione Lombardia CE4WE (Circular Economy For Water and Energy), recentemente concluso, che ha visto coinvolti ENI, A2A e Gruppo CAP, ha portato alla realizzazione di modelli predittivi per il monitoraggio delle acque e dei microinquinanti in esse presenti, oltre a un’innovativa tecnologia che impiega funghi per il biorisanamento delle acque reflue e dei fanghi da depurazione….

Leggi tutto…

webinar Gruppo CAP 15-12

Gruppo CAP è da sempre in prima linea nell’innovazione di processo-prodotto per conseguire obiettivi sempre migliori di sostenibilità socioeconomica ed ambientale delle proprie molteplici attività. Oggi le teorie, paradigmi e metodi della trasformazione digitale consentono di disegnare un futuro della gestione degli acquedotti supportato da strumenti informatici che siano in grado di organizzare e dare valore ai dati di campo, che, peraltro, sono sempre più numerosi grazie all’avanzamento delle tecnologie. La modellizzazione idraulica avanzata è alla base della simulazione “realistica” del comportamento idraulico degli acquedotti….

Leggi tutto…