SMART GRID DAYS 2021, torna l’evento annuale di AUTOMA

Insieme alle maggiori realtà istituzionali del settore, parleremo dell’evoluzione normativa nazionale e internazionale e delle tecnologie 4.0: Data Analytics, IoT, Security e Smart Grids. Tutti gli ingredienti per due giornate ricche e utili, pensate con gli addetti ai lavori per gli addetti ai lavori, con l’obiettivo di trovare nuovi stimoli e nuove soluzioni per correre nel futuro e cogliere nuove opportunità.

L’evento si terrà il 15 ed il 16 Settembre 2021 c/o l’Hotel Monteconero di Ancona. Per chi non potrà raggiungerci sarà possibile partecipare anche da remoto.
 

15 settembre, 1° giornata

Nello specifico, il 15 mattina il focus sarà sul monitoraggio e telecontrollo delle reti, con l’importante partecipazione del CIG (Comitato Italiano Gas) che, nella persona di Cristiano Fiameni, farà un interessante intervento incentrato sulle emissioni di gas con la presentazione “Emissioni di gas: l’impatto dal punto di vista della sicurezza e ambientale”.

Inoltre, diversi partners di AUTOMA saranno presenti per condividere le loro esperienze in campo, tra i quali Cathodic Protection Co. (Regno Unito) e Kromschroeder S.A. (Spagna) che ci racconteranno le loro esperienze nell’ambito della misura dell’odorizzante e del benzene in rete e nell’ambito dell’iniezione in rete dell’idrogeno.

Nel pomeriggio, invece, ci sposteremo presso la nostra sede per scoprire il nuovissimo campo prove di protezione catodica, di cui potete avere un’anteprima qui.

Il workshop sarà condotto dal nostro Ingegnere Ivano Magnifico, responsabile dei Product Manager di AUTOMA. Insieme a lui Ugo Marinelli, direttore tecnico e socio co-fondatore di FM Engineering, azienda che da 20 anni svolge attività di progettazione della protezione catodica.

Sarà un’ottima occasione per scoprire in anteprima le potenzialità di questo strumento di formazione continua messo a disposizione da AUTOMA per tutti gli operatori del settore per corsi di formazione, aggiornamento, certificazione e per esercitazioni.
 

16 settembre, 2° giornata

La giornata del 16 sarà interamente dedicata al monitoraggio e telecontrollo della protezione catodica. In particolare, APCE (Associazione per la Protezione dalle Corrosioni Elettrolitiche) condividerà aggiornamenti sul panorama normativo nazionale, mentre AUTOMA e i suoi partners presenteranno le loro esperienze dal campo.
 

17 settembre, 3° giornata

Infine, il 17 ospiteremo la Giornata di Studio NACE – Milano Italia Section, durante la quale saranno presentate le più recenti ricerche e applicazioni sugli effetti dei diversi rivestimenti nelle tubazioni interrate sui sistemi di protezione catodica.
 

Per partecipare all’evento è necessario iscriversi a questo link.

 
Per informazioni e supporto è possibile contattare gli uffici di AUTOMA all’indirizzo sales@byautoma.com
 


Leggi anche

La Ravetti continua la sua crescita in Italia ed all’estero. Non solo la qualità dei prodotti ma anche l’affidabilità di un’azienda ne determinano il successo, ed è per questo motivo che, nonostante i ripetuti tentativi di numerose altre realtà per erodere il posizionamento di Ravetti, la crescita continua e con lei anche i progetti sempre più interessanti che l’azienda viene chiamata ad eseguire. …

Leggi tutto…

Lo scorso 24 gennaio 2018, presso l’Aula Magna del Campus Bovisa del Politecnico di Milano, l’Energy e Strategy Group ha presentato al nutrito pubblico presente in sala il primo Water Management Report, relativo all’anno 2017, un’analisi sul tema della gestione dell’acqua da parte di tutti gli operatori del settore: l’Autorità di Regolazione per Energia e Reti e Ambiente, gli enti di governo d’ambito, i gestori di rete e le imprese…

Leggi tutto…

I sistemi di protezione catodica trovano applicazione quando le correnti vaganti/parassite causano la corrosione rapida di strutture e tubi in metallo. ServiTecno e Inventia propongono una soluzione di telemetria dedicata al monitoraggio remoto delle cabine nelle quali si trovano questi sistemi….

Leggi tutto…

Questo progetto verrà presentato da Vincenzo Mauro Cannizzo, Presidente APCE, e Marco Cattalini di Corrosion Engineering durante il Convegno del 17-18 Maggio…

Leggi tutto…

A lanciare l’allarme è uno studio commissionato dal Provveditorato alle opere pubbliche e firmato dal professor Gian Mario Paolucci, che avrebbe individuato diverse criticità nella realizzazione dell’opera da 5 miliardi di euro. La principale è il rischio di corrosione degli elementi immersi, privi di adeguata protezione catodica e realizzati con materiali di qualità differente rispetto a quelli dei test …

Leggi tutto…