Smart grid elettriche: arrivato il decreto del Ministero della Transizione Ecologica

Buona notizia per i distributori di energia elettrica. Il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, ha firmato il decreto per il rafforzamento delle smart grid, le reti elettriche intelligenti. Infrastrutture fondamentali per supportare il processo di transizione energetica, in quanto:

  1. ottimizzano la distribuzione elettrica
  2. favoriscono l’immissione di elettricità generata da fonti rinnovabili
  3. minimizzano sovraccarichi e variazioni della tensione per un migliore qualità e sicurezza del servizio
     
Fondi per 3,1 miliardi di euro

Per il loro sviluppo il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha previsto una dotazione di risorse importante, pari a 3,1 miliardi di euro. Il nuovo decreto ministeriale completa il quadro, fornendo i criteri di erogazione dei relativi fondi. Il provvedimento, in particolare, evidenzia una nota del ministero, ripartisce le risorse disponibili su ciascuna delle linee di intervento previste dall’investimento, finalizzato a incrementare la hosting capacity e l’elettrificazione dei consumi. Occorre precisare, che il decreto disciplina in via generale le modalità per la concessione dei benefici, i cui elementi di dettaglio saranno stabiliti con successivo decreto direttoriale, che sarà emanato entro 15 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento.
 

Chi può presentare domanda

Possono presentare domanda per i finanziamenti i concessionari della distribuzione di energia elettrica dell’intero territorio nazionale. Per beneficiare delle risorse, gli interventi devono avere come obiettivo:

  1. l’incremento della capacità di rete di ospitare ulteriore generazione da fonti rinnovabili
  2. l’aumento della potenza a disposizione delle utenze, in modo da favorire l’elettrificazione dei consumi.
     
Quasi la metà delle risorse al Sud

Una parte importante delle risorse, il 45%, è stato destinato a progetti da effettuare in otto regioni del Centro-Sud: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Per la realizzazione degli interventi il Ministero ha previsto un target intermedio, fissato al 31 dicembre del 2024. A quella data la capacità di distribuzione per l’energia rinnovabile dovrà essere aumentata di almeno 1.000 Megawatt. Tutti i restanti interventi ammessi al finanziamento dovranno essere invece completati entro il 30 giugno del 2026. A questa scadenza l’incremento della capacità complessiva dovrà aver raggiunto almeno i 4.000 MW, mentre l’elettrificazione dei consumi energetici almeno 1,5 milioni di abitanti.

 


Leggi anche

L’amministrazione comunale della cittadina ha affidato alla società del Gruppo HERA la gestione del servizio per i prossimi 9 anni, nonché la sua completa riqualificazione. A tal proposito, è prevista la sostituzione degli oltre 6100 corpi illuminanti con lampade a led di ultima generazione, dei pali di sostegno e dei quadri elettrici. L’illuminazione sarà anche dotata di sistema di telecontrollo….

Leggi tutto…

Il progetto prevede la posa di due cavi interrati dell’estensione di 20 chilometri ciascuno tra la cabina primaria di Livigno e la Stazione elettrica in località Premadio, nel comune di Valdidentro. L’opera, del valore di 65 milioni, aumenterà la magliatura della rete nell’area e rientra tra i progetti previsti dalla società nei luoghi che ospiteranno le Olimpiadi invernali Milano – Cortina 2026….

Leggi tutto…

I ricercatori di ENEA, Politecnico di Bari e dell’Università Roma Tre hanno sviluppato un sistema basato sull’intelligenza artificiale che permette di prevenire interruzioni della distribuzione di elettricità provocate dalle ondate di calore. Utilizzando tecniche di data analysis e di machine learning, l’algoritmo è stato “addestrato” a identificare correlazioni tra condizioni meteo e flussi di energia, fornendo risultati molto accurati in termini di previsione di futuri guasti….

Leggi tutto…

Perfezionata la seconda operazione che conclude l’aggregazione tra Acea e ASM Terni, con il Gruppo capitolino che sale al 45% del capitale sociale dell’azienda umbra. Obiettivo dell’operazione è dare vita a una multiutility integrata attiva in Umbria nella distribuzione e vendita di elettricità e gas, nella gestione dei rifiuti e nel ciclo idrico….

Leggi tutto…

Duecento nuovi impianti entro il 2026: è quanto prevede l’imponente piano della società per potenziare e ammodernare il parco di cabine primarie, snodo strategico dell’infrastruttura elettrica. A questo si aggiunge l’ampliamento di circa 500 impianti primari esistenti e la costruzione di 70 nuovi Centri Satellite. Un impegno da un miliardo di investimenti per raddoppiare entro il 2030 la capacità di accogliere generazione distribuita….

Leggi tutto…