Smart grid elettriche: arrivato il decreto del Ministero della Transizione Ecologica

Buona notizia per i distributori di energia elettrica. Il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, ha firmato il decreto per il rafforzamento delle smart grid, le reti elettriche intelligenti. Infrastrutture fondamentali per supportare il processo di transizione energetica, in quanto:

  1. ottimizzano la distribuzione elettrica
  2. favoriscono l’immissione di elettricità generata da fonti rinnovabili
  3. minimizzano sovraccarichi e variazioni della tensione per un migliore qualità e sicurezza del servizio
     
Fondi per 3,1 miliardi di euro

Per il loro sviluppo il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha previsto una dotazione di risorse importante, pari a 3,1 miliardi di euro. Il nuovo decreto ministeriale completa il quadro, fornendo i criteri di erogazione dei relativi fondi. Il provvedimento, in particolare, evidenzia una nota del ministero, ripartisce le risorse disponibili su ciascuna delle linee di intervento previste dall’investimento, finalizzato a incrementare la hosting capacity e l’elettrificazione dei consumi. Occorre precisare, che il decreto disciplina in via generale le modalità per la concessione dei benefici, i cui elementi di dettaglio saranno stabiliti con successivo decreto direttoriale, che sarà emanato entro 15 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento.
 

Chi può presentare domanda

Possono presentare domanda per i finanziamenti i concessionari della distribuzione di energia elettrica dell’intero territorio nazionale. Per beneficiare delle risorse, gli interventi devono avere come obiettivo:

  1. l’incremento della capacità di rete di ospitare ulteriore generazione da fonti rinnovabili
  2. l’aumento della potenza a disposizione delle utenze, in modo da favorire l’elettrificazione dei consumi.
     
Quasi la metà delle risorse al Sud

Una parte importante delle risorse, il 45%, è stato destinato a progetti da effettuare in otto regioni del Centro-Sud: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Per la realizzazione degli interventi il Ministero ha previsto un target intermedio, fissato al 31 dicembre del 2024. A quella data la capacità di distribuzione per l’energia rinnovabile dovrà essere aumentata di almeno 1.000 Megawatt. Tutti i restanti interventi ammessi al finanziamento dovranno essere invece completati entro il 30 giugno del 2026. A questa scadenza l’incremento della capacità complessiva dovrà aver raggiunto almeno i 4.000 MW, mentre l’elettrificazione dei consumi energetici almeno 1,5 milioni di abitanti.

 


Leggi anche

Il comune ha pubblicato il bando per l’affidamento e l’ammodernamento del sistema di illuminazione pubblica e degli impianti semaforici. Con il nuovo appalto si punta a migliorare la qualità del servizio abbattendo del 30% i consumi di energia, grazie alla sostituzione del corpo illuminante con lampade a led, il rifacimento della rete e l’adeguamento dei quadri elettrici. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al prossimo 6 ottobre…

Leggi tutto…

Per pianificare investimenti partendo da informazioni precise e ottimizzare la gestione delle reti, le utility si servono di strumenti tecnologici in grado di interpretare in maniera “proattiva” i dati provenienti da misuratori intelligenti e di ricavarne modelli predittivi ed analisi. Il monitoraggio e la prevenzione di eventuali criticità sono una parte fondamentale della programmazione strategica di queste aziende….

Leggi tutto…

Comune e città Metropolitana hanno affidato alla società un progetto per il rinnovamento del sistema di illuminazione pubblica in ottica smart city. L’iniziativa interesserà l’intera area del Porto Antico e 15 comuni della provincia e vedrà l’installazione di oltre 12.500 lampade led che garantiranno un risparmio del 77% dei consumi di energia. Inoltre, verranno implementati servizi smart, come telecamere di videosorveglianza, panchine con wi-fi…

Leggi tutto…

La transizione energetica pone sfide nuove che vanno affrontate con competenze nuove e distintive. Per favorire questa evoluzione culturale del proprio personale è nato il nuovo centro di formazione e ricerca di Terna, con un’offerta strutturata su tre grandi aree tematiche: Transizione energetica, Sostenibilità e New ways of working. A garantire il massimo rigore e l’alta qualità della formazione un Comitato scientifico di alto livello…

Leggi tutto…

CHAIN2

Partecipa al webinar “Smart Metering e Chain2: la chiave di accesso alle comunità energetiche e alla ricarica dei veicoli elettrici” che si terrà il prossimo 21 luglio dalle ore 11:00 alle 12:30. Durante l’evento parleremo di: inquadramento normativo CHAIN2 e regolatori, esempi di applicazione della CHAIN2, l’esperienza della CHAIN2 nel progetto di autoconsumo collettivo condominiale EvoNaRse, la CHAIN2 a supporto delle smart appliances nell’home energy management….

Leggi tutto…