Smart grid elettriche: arrivato il decreto del Ministero della Transizione Ecologica

Buona notizia per i distributori di energia elettrica. Il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, ha firmato il decreto per il rafforzamento delle smart grid, le reti elettriche intelligenti. Infrastrutture fondamentali per supportare il processo di transizione energetica, in quanto:

  1. ottimizzano la distribuzione elettrica
  2. favoriscono l’immissione di elettricità generata da fonti rinnovabili
  3. minimizzano sovraccarichi e variazioni della tensione per un migliore qualità e sicurezza del servizio
     
Fondi per 3,1 miliardi di euro

Per il loro sviluppo il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha previsto una dotazione di risorse importante, pari a 3,1 miliardi di euro. Il nuovo decreto ministeriale completa il quadro, fornendo i criteri di erogazione dei relativi fondi. Il provvedimento, in particolare, evidenzia una nota del ministero, ripartisce le risorse disponibili su ciascuna delle linee di intervento previste dall’investimento, finalizzato a incrementare la hosting capacity e l’elettrificazione dei consumi. Occorre precisare, che il decreto disciplina in via generale le modalità per la concessione dei benefici, i cui elementi di dettaglio saranno stabiliti con successivo decreto direttoriale, che sarà emanato entro 15 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento.
 

Chi può presentare domanda

Possono presentare domanda per i finanziamenti i concessionari della distribuzione di energia elettrica dell’intero territorio nazionale. Per beneficiare delle risorse, gli interventi devono avere come obiettivo:

  1. l’incremento della capacità di rete di ospitare ulteriore generazione da fonti rinnovabili
  2. l’aumento della potenza a disposizione delle utenze, in modo da favorire l’elettrificazione dei consumi.
     
Quasi la metà delle risorse al Sud

Una parte importante delle risorse, il 45%, è stato destinato a progetti da effettuare in otto regioni del Centro-Sud: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Per la realizzazione degli interventi il Ministero ha previsto un target intermedio, fissato al 31 dicembre del 2024. A quella data la capacità di distribuzione per l’energia rinnovabile dovrà essere aumentata di almeno 1.000 Megawatt. Tutti i restanti interventi ammessi al finanziamento dovranno essere invece completati entro il 30 giugno del 2026. A questa scadenza l’incremento della capacità complessiva dovrà aver raggiunto almeno i 4.000 MW, mentre l’elettrificazione dei consumi energetici almeno 1,5 milioni di abitanti.

 


Leggi anche

Firmato dal ministro Roberto Cingolani il decreto 150 del 2022, che mette a disposizione dei gestori delle reti di trasmissione e di distribuzione elettrica mezzo miliardo di euro a fondo perduto per sviluppare progetti che ne incrementino la resilienza contro i cambiamenti climatici. Il 40% delle risorse è destinato a interventi da realizzare in otto regioni meridionali …

Leggi tutto…

Tovo, Mazzo di Valtellina e Lovero hanno scelto di dotarsi di un sistema di teleriscaldamento alimentato a biomassa legnosa per il loro approvvigionamento di energia termica. Un progetto 100% green, che sfrutterà la biomassa derivante dalla gestione dei boschi, rendendo le tre località indipendenti dalle fonti fossili e promuovendo l’economia circolare. A supportarli nel progetto FIPER e il Politecnico di Milano come partner tecnico….

Leggi tutto…

Ben 208 da altrettanti piccoli comuni per un contributo di oltre 95,7 milioni le domande presentate per il bando di Regione Lombardia a sostegno dei piccoli enti locali che vogliono rendere green i loro sistemi di illuminazione pubblica. Una domanda ben al di sopra della dotazione finanziaria dell’iniziativa, pari a 15 milioni, ma che testimonia il forte impegno delle amministrazioni locali a ridurre i consumi energetici e l’inquinamento luminoso …

Leggi tutto…

Il comune milanese ha affidato alla società del Gruppo A2A la gestione della pubblica illuminazione per i prossimi 15 anni. L’accordo prevede investimenti da parte della società per quasi 2 milioni di euro, per riqualificare e ammodernare gli impianti e installare circa 3.000 lampade Led. Interventi, che insieme all’utilizzo di energia rinnovabile, garantiranno un risparmio di 253 tep e di 250 tonnellate di CO2 …

Leggi tutto…

Il comune ha approvato la proposta di project financing per la concessione del servizio e il miglioramento ed efficientamento degli impianti. Tra i quattro progetti presentati è stato scelto quello di Hera Luce, che garantirà un drastico abbattimento dei consumi, pari al 62% rispetto a quelli attuali, e prevede l’introduzione di innovazioni per implementare servizi di smart city. La durata della concessione è di 25 anni…

Leggi tutto…