SMAT affida i lavori per il revamping dei potabilizzatori del Po

Il potenziamento degli impianti di potabilizzazione del fiume Po è la nuova grande opera che SMAT si appresta a realizzare. Il revamping dei potabilizzatori consentirà al gestore idrico della Città Metropolitana di Torino di mettere a disposizione delle utenze una maggiore quantità di acqua e di qualità ancora migliore.

Obiettivo del progetto è infatti di ampliare ed ammodernare sotto il profilo tecnologico il complesso industriale degli impianti di potabilizzazione, realizzato negli anni Sessanta e ampliato negli anni Ottanta.

Cosa prevede il progetto

Il revamping complessivo delle 3 linee di trattamento degli impianti del Po prevede diversi importanti interventi. Tra questi:

  • predecantazione nei bacini di lagunaggio
  • ammodernamento tecnologico dei sistemi
  • revisione delle intere linee di trattamentI

Di particolare rilevanza è la sostituzione dell’attuale sistema finale di ossidazione-disinfezione con la più moderna tecnologia a ozono e l’introduzione di un’ulteriore barriera nei confronti degli inquinanti mediante l’utilizzo di membrane di ultrafiltrazione, così da garantire una sempre maggior prevenzione igienico-sanitaria. 

Più acqua e di maggiore qualità

In questo modo verrà migliorata ulteriormente la qualità dell’acqua, la sicurezza, eliminando progressivamente tutti i trattamenti quelli a base di cloro, con benefici aggiuntivi anche sotto l’aspetto organolettico dell’acqua. Inoltre verrà incrementata la capacità di trattamento, che passerà dagli attuali 2500 a 3500 litri di acqua potabilizzata al secondo.

Qualità e sicurezza della risorsa idrica già ampiamente garantita dal gestore, attraverso gli oltre 600.000 controlli eseguiti ogni anno e rilevata in continuo. Controlli che prevedono l’utilizzo di diverse tecniche di analisi chimiche e microbiologiche. Tra queste un sistema di biomonitoraggio che utilizza le trote, pesci molto sensibili all’inquinamento e alla temperatura dell’acqua.

Quattro anni di lavori

A occuparsi dei lavori sarà un raggruppamento di imprese che ha come capogruppo Suez Trattamento Acqua. Raggruppamento che si è aggiudicato la gara bandita a fine 2019 sulla base della progettazione preliminare e definitiva sviluppate da Risorse Idriche, società del Gruppo SMAT. I lavori avranno una durata di 4 anni e hanno un valore complessivo di 84,8 milioni di euro.

Il commento di Paolo Romano, presidente SMAT

«L’ampliamento ed il potenziamento degli impianti di trattamento delle acque provenienti dal fiume Po rientra tra le opere prioritarie e più significative per l’area torinese. Nonostante questo periodo che condiziona molto lo sviluppo di opere complesse e innovative, abbiamo completato in tempi brevi la fase più delicata che si conclude con la consegna dei lavori per un nuovo impianto che sarà in grado di rispondere in modo efficace alle sfide rappresentate dagli inquinanti emergenti e dai cambiamenti climatici».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

La realizzazione della Centrale di Cornaredo e della sua dorsale si configura come il completamento dei grandi progetti acquedottistici pensati da Gruppo CAP per la Città metropolitana di Milano sin dagli anni ’90. Il “SISTEMA NORD MILANO” si compone di: una nuova centrale di potabilizzazione dotata di tecnologie all’avanguardia atte a garantire elevati standard qualitativi e riduzione dei consumi energetici e dei costi di installazione/manutenzione, e di una dorsale di adduzione/distribuzione che si snoda per 20 chilometri in un territorio fortemente urbanizzato alle porte di Milano. Il sistema sarà al servizio di 14 Comuni tra Cornaredo e Sesto San Giovanni….

Leggi tutto…

calcestruzzo

Tutto ciò che esiste, naturale o artificiale che sia, è inevitabilmente soggetto ad un processo di deterioramento. Le strutture costruite dall’uomo non sfuggono al connaturato degrado e gli impianti di acqua potabile e di depurazione in calcestruzzo ne sono un esempio. Molteplici sono i fenomeni che compromettono la durabilità delle strutture, a prescindere dal loro stadio esistenziale. È possibile ricorrere alla manutenzione preventiva delle strutture per arginare il problema? Quali sono altrimenti le soluzioni per il ripristino e la riparazione ottimale di impianti degradati?…

Leggi tutto…

L’assemblea dei soci ha nominato Vanni Vignoli come nuovo Presidente di Europump, l’Associazione dei fabbricanti europei di pompe con sede a Bruxelles. Il settore delle pompe ha un ruolo sempre più importante in tutte le applicazioni che utilizzano sistemi di pompaggio e di sollevamento. Europump lavora supportando la Commissione Europea nello sviluppo di Direttive per l’efficientamento energetico e la riduzione degli sprechi, in particolare sul risparmio di acqua all’interno delle reti idriche, per costituire e rendere attivi i regolamenti ai quali il settore si deve adeguare…

Leggi tutto…

Nell’industria dell’acqua e delle acque reflue, un’elevata precisione di misura è indispensabile per un controllo ottimale della distribuzione. Per garantire la precisione dei misuratori di portata l’installazione prevede che vengano rispettati diversi tratti di tubazione rettilinea a monte e a valle del misuratore stesso. Promag W di Endress+Hauser dispone dell’opzione “0 x DN full bore”, una soluzione unica al mondo: massime prestazioni di misura anche in assenza di tratti rettilinei con sezione di misura completamente libera, senza restrizioni….

Leggi tutto…

reti idriche

Nel secondo incontro dell’IWS Italian Water Tour 2021, ciclo di webinar dedicato alla divulgazione di buone pratiche sulla digitalizzazione del sistema Idrico Integrato, tratteremo il tema riguardante l’orientamento degli investimenti nelle reti idriche previsti dal PNRR, mentre con le case history vedremo come ACEA ATO2 e la Regione Calabria hanno risposto alla necessità di ottimizzazione delle reti idriche attraverso attività di modellazione, monitoraggio e distrettualizzazione….

Leggi tutto…